Tech

Ray Kurzweil di Google e la sua profezia: nel 2045 saremo tutti uomini-macchina

Ray Kurzweil, lo scienziato di Google, prevede che nel 2045 gli esseri umani saranno "ibridi"

Gloria Esposito

Web/SEO copywriter, SEM Specialist

Capita spesso, di questi tempi, che alcuni si lancino in elucubrazioni poco attendibili, per ottenere un po’ di notorietà  o magari per ridurre fenomeni complessi a sintesi fin troppo approssimative, trovando certezze laddove non ve ne sono. Ray Kurzweil, però, non è fra questi: scienziato di Google, guru e uno dei più grandi informatici e inventori viventi quando ha immaginato il futuro l’ha sempre fatto con una precisione fuori dal comune.

Dagli anni ’90, infatti, il futurologo ha lanciato 147 profezie di cui l’86% di queste si è avverato; ciò che resta, comunque, “non è sbagliato, deve soltanto ancora avvenire”, quindi sarebbe solo una questione di tempo e il risultato sarebbe ancora più eccezionale.

La teoria della singolarità tecnologica e il sorpasso dell’ I. A. sull’intelligenza umana

Ray Kurzweil ha annunciato, durante la SXSW Conference tenutasi in Texas, un’agghiacciante futuro possibile: molto presto la tecnologia (in particolare l’A.I.) diventerà più intelligente degli esseri umani, per cui i progressi saranno sempre più serrati e straordinari e l’umanità non potrà più seguirli, restando fuori dal processo.

Abstract techno end environmental backgrounds for your design

LEGGI ANCHE: Lavoro, chi ha paura di robot e automazione?

Nel suo libro “The singularity is near”, Ray Kurweil scrive:

“il 2045 segnerà il passaggio dall’intelligenza biologica che conosciamo oggi ad una combinazione di intelligenza biologica e artificiale.”

Ciò vorrebbe dire che tra meno di 30 anni si entrerà in quella che lui stesso definisce la V epoca di sviluppo della storia evolutiva dell’umanità.

Gli esseri umani diventeranno quindi degli “ibridi”: le nostre menti saranno legate, tramite degli impianti di nanorobotica che rappresenteranno il neural lace diretto tra cervello umano e computer,  a un grande magazzino online di dati potenzialmente infiniti;  secondo Ray Kurweilche sembra essere molto ottimista riguardo a questo prossimo futuro, 

“le capacità cerebrali degli esseri umani verranno moltiplicate miliardi di volte rispetto alle originarie potenzialità biologiche.”

Si tratterà quindi di progresso della civiltà o piuttosto di un’involuzione del genere umano a favore di una nuova intelligenza?

Ai posteri (molto prossimi) l’ardua sentenza.