Il caso

Cambridge Analytica, Zuckerberg rompe il silenzio: sono responsabile di quanto è successo

Il CEO del social network affida ad un post le prime riflessioni sullo scandalo dei dati. "Se non proteggiamo i dati non meritiamo la vostra fiducia"

Finalmente Mark Zuckerberg ha parlato. A 5 giorni dal deflagrare dello scandalo Cambridge Analytica, il CEO ha affidato ad un post le sue riflessioni. Ha detto che sta lavorando per prevenire simili abusi della privacy degli utenti. "Abbiamo la responsabilità di proteggere i tuoi dati e, se non possiamo, non meritiamo di servirti - ha scritto -  ho lavorato per capire esattamente cosa è successo e per assicurarmi che ciò non accada di nuovo. La buona notizia è che le azioni più importanti per impedire che questo accada di nuovo oggi le abbiamo già prese anni fa. Ma abbiamo anche commesso degli errori, c'è ancora molto da fare e dobbiamo farlo".

zuckerberg

LEGGI ANCHE: Perché Facebook non ruba i nostri dati ma siamo noi che siamo scemi digitali 

Bannon dietro le quinte

Intanto sembrerebbe esserci Steve Bannon (lo stratega della campagna elettorale di Donald Trump e da questo silurato lo scorso agosto) a coordinare le prime operazioni di Cambridge Analytica per l'acquisto di dati, compresi i profili di Facebook, con l'obiettivo di creare profili dettagliati di milioni di elettori americani. A rivelarlo al Washington Post Chris Wylie, ex dipendente della società di raccolta dati le cui denunce sono all'origine del terremoto che sta investendo non solo Cambridge Analytica, accusata di furto di dati sensibili, ma anche il gigante dei social media.

LEGGI ANCHE: Anche per l’uomo che è diventato ricco con WhatsApp è il momento di #deleteFacebook

Class Action

Nel frattempo Fox News ha riferito di una class action contro il social network, accusato da un gruppo di azionisti (che avevano acquistati quote della società prima che scoppiasse il caso) di "comunicazioni false e ingannevoli" relative alla gestione dei dati personali degli utenti. La causa è stata intentata davanti alla corte federale di San Francisco da azionisti che lamentano perdite dopo la bufera legata a Cambridge Analytica, che ha sospeso il CEO Alexander Nix, con effetto immediato, in attesa di un'indagine indipendente.

Abbiamo la responsabilità di proteggere i tuoi dati e, se non possiamo, non meritiamo di servirti. Ho lavorato per capire esattamente cosa è successo e per assicurarmi che ciò non accada di nuovo

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY