Life

Tutto quello che è possibile trovare sulla scrivania di un creativo (in mostra)

Le scrivanie di architetti, designer e editori ci dimostrano che, ancora oggi, gli spazi di lavoro possono agire su produttività e creatività

Jessica Simonetti
Jessica Simonetti

Copywriter & Social Media Manager

Il salone di casa tua, l’ufficio, una postazione in co-working: ti sei mai chiesto quanto questi spazi di lavoro siano in grado di influenzare la tua produttività? Le risposte a questa domanda possono essere ricercate nei dossier dei tantissimi studi effettuati sul campo, osservando le scrivanie e lo spazio di lavoro di uomini e donne di successo.

Sicuramente, c’è da dire che la concezione degli uffici e degli ambienti di lavoro è, negli anni, molto cambiato e oggi continua ad evolversi costantemente. Pensa, ad esempio, allo smart working e ai cosiddetti “nomadi digitali“. Nonostante la tecnologia e la digitalizzazione, però, le scrivanie e gli spazi di lavoro continuano ad avere la loro importanza, influenzando la creatività di chi le popola.

A dimostrazione di ciò, una recente mostra londinese ha messo in luce tutti gli aspetti delle scrivanie dei migliori creativi, fotografando gli elementi che le compongono. Vediamole insieme,

best desked

Foto: Marek Sikora Photography – www.walterknoll.de

LEGGI ANCHE: Come spiegare a tua madre che quando sei col pc sul divano stai lavorando

Le scrivanie in mostra

Nella mostra fotografica Desktop, tenutasi allo showroom Walter Knoll di Londra, sono stati esposti gli scatti delle scrivanie di creativi, imprenditori, architetti e curatori. Ogni fotografia è accompagnata da un oggetto (o più) scelto dal proprietario, che rappresenti l’essenza del suo lavoro.

L’obiettivo era quello di dimostrare che, nonostante le nostre vite sempre più digitali, abbiamo comunque bisogno dei nostri spazi, delle nostre relazioni, di carta e inchiostro da utilizzare per annotare le nostre idee.

“Il nostro mondo del lavoro sta attraversando un cambiamento”, ha dichiarato Markus Benz, CEO di Walter Knoll.

“Il design di un posto di lavoro – ha continuato Benz – sta diventando ancora più significativo. Perché gli arredi possono svolgere un ruolo importante nel successo e nell’identità di un’azienda – moderna e aperta, formale e informale, con lavoro freelance e lavoro in team – . L’interno rappresenta la cultura di un’impresa ed è quindi sempre espressione di come vede se stessa, così come della stima che ha per i suoi clienti. ”

blain hassell

Scrivania di Matthew Blain – HASSELL
Foto: Anton Rodriguez – Walter Knoll

Riguardo la sua scrivania, su cui troneggia un libro di Alexander McQueen, Matthew Blain ha detto:

Intrecciare bellezza, funzionalità, aspirazione e chiarezza è al centro di ciò che facciamo e dei designer; Alexander McQueen era un maestro in questo. Conservo questo libro sulla mia scrivania per ricordarmi di non essere costretto all’ordinario, di non dimenticare mai il potere di raccontare una storia e di sfidare lo status quo esplorando davvero le possibilità dell’immaginazione in tutto ciò che si può fare

Scrivania di Sevil Peach Foto: Anton Rodriguez - Walter Knoll

Scrivania di Sevil Peach
Foto: Anton Rodriguez –
Walter Knoll

Un’altra scrivania interessante è quella dell’architetto Sevil Peach che, accanto a matite e pastelli, ha anche un metro a nastro di Stanley.

Un amico molto utile, piccolo abbastanza da essere nella mia tasca, abbastanza leggero da essere nella mia borsa. Sono sempre curioso di controllare le dimensioni, poiché mi piace relazionarmi con gli oggetti e gli spazi uno a uno

chambers

Scrivania di Tony Chambers – Foto: Anton Rodriguez –
Walter Knoll

La scrivania in legno di Tony Chambers, direttore della rivista Wallpaper, è estremamente ordinata e pulita. In occasione della mostra, è stata presentata associandola ad una lente d’ingrandimento Equilibre d’Hermès e una lente Loupe, per rappresentare il dettaglio e l’attenzione necessari per il suo lavoro editoriale e di progettazione grafica.

Avendo studiato e praticato la tipografia, la progettazione grafica e la stampa per molti anni, qualità e dettagli fini sono estremamente importanti per me. Un obiettivo di ingrandimento è quindi uno strumento essenziale. Il classico, semplice Loupe è ottimo da portare in giro, ma la lente d’ingrandimento Hermès è un’opera d’arte da scrivania

Se, da una parte, le nostre vite diventano sempre più frenetiche e veloci, dall’altra continuiamo ad avere bisogno di un punto di riferimento costante, uno spazio solo nostro per poter mettere in ordine i pensieri e sviluppare le idee.

Non importa se lavoriamo in un ufficio, in piena città o su una spiaggia tropicale: l’importante è tenerci stretto ciò che ci ispira e che è in grado di attivare la nostra immaginazione. E, se il tuo “peccato” è una scrivania disordinata, pensa sempre che “il caos è solo ordine che attende di essere decifrato”