CheckBonus: l'app che premia il tuo amore per lo shopping

Premia la tua voglia di shopping direttamente dal tuo smartphone!

Checkbonus: l'app che premia la tua voglia di shopping [INTERVISTA]

Carta  per la raccolta punti, carta premi, carta socio: in tempi di crisi gli italiani riempiono i loro portafogli con le fidality card di ogni tipo di esercizio commerciale, dal supermercato al negozio del proprio marchio di abbigliamento preferito. L’obiettivo, neanche a dirlo, è il risparmio.

Ma queste iniziative, dal lato delle aziende, non hanno sempre i risultati sperati: molti consumatori dimenticano a casa la carta fedeltà, non trovano le offerte poi così tanto vantaggiose o semplicemente trovano che i metodi di raccolta punti si adattino poco al nuovo stile di vita smart e mobileEcco perché un’idea come quella che sta alla base dell’app CheckBonus è innovativa, soprattutto ora che si avvale della nuova tecnologia iBeacon di Apple.

CheckBonus.it è l’app per smartphone che simula il funzionamento di una carta fedeltà. Puoi accumulare punti, sbloccare promozioni e richiedere i premi del catalogo premi direttamente con il tuo smartphone. Attualmente disponibile per iOS, lo sarà a breve anche per le altre piattaforme.

A differenza dei tradizionali programmi di loyalty, CheckBonus consente di accumulare punti semplicemente entrando nel punto vendita e interagendo con i prodotti al suo interno.Questo è possibile grazie alla tecnologia iBeacon, attraverso l’uso di dispositivi bluetooth che consentono di localizzare e intercettare l’utente all’interno dello store.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=DDKKEIsh15w’]

Oltre che un’app, CheckBonus è ovviamente una startup tutta italiana, fondata dal CEO Digital Strategist Pierluigi Casolari e dal CTO Yuri Ceschin.  Abbiamo avuto occasione di conoscere Pierluigi e abbiamo chiesto a lui di spiegarci nel dettaglio l’appCheckBonus.

8 persone su 10 usano il mobile durante lo shopping. Qual è l’approccio di CheckBonus alla user experience?

Oggi l’utente quando è all’interno dello store e usa il mobile è in una setting mentale di fuga dal negozio. Compara i prezzi, condivide con gli amici articoli che vede, cerca se online si trovano a prezzi migliori. La nostra idea è quella di supportare l’esperienza in store, potenziandola. Incentivando gli ingressi nei punti vendita attraverso la raccolta punti, e stimolando lo shopping facendo in modo che i retailer mettano a disposizione promozioni sbloccabili dagli utenti che hanno checkbonus. Inviando push e codicisconto agli utenti che interagiscono con il punto vendita

Parliamo ora di iBeacon su CheckBonus. Vuoi provare a spiegarcelo in “parole povere”?

Gli iBeacons sono dispositivi bluetooth di nuova generazione, a basso consumo energetico. Nel nostro caso servono per localizzare l’utente all’interno del punto vendita e agganciarlo al momento del suo ingresso. All’utente basta accendere l’app e automaticamente viene riconosciuto, gli vengono assegnati i punti checkbonus previsti dall’app ed eventualmente sbloccare promozioni in store, al momento del suo arrivo.

Come funziona il “check-in” con gli iBeacon? Qual è il vantaggio rispetto ai  check-in di foursquare?

Il check-in con gli iBeacons è accurato al centimetro, noi lo chiamiamo walkin. Possiamo tarare gli iBeacons in modo che aggancino l’utente a pochi cm di distanza. Oppure a una distanza di 10 metri.

Con gli iBeacons, il walkin acquisisce una valenza commerciale per il retailer, in quanto questi può verificare e localizzare la presenza del cliente all’interno del punto vendita, oppure addirittura in un determinato reparto, se non addirittura davanti ad un prodotto.

A seconda della localizzazione si possono fare comunicazione differenti, il bluetooth percepisce la distanza: “a 10mt “ posso mandare una push, “a 1mt “ un codice sconto e raccogliere i punti checkbonus

Samsung sta passando dalla tecnologia NFC alla tecnologia Bluetooth LE alla base dell’iBeacon.

E’ vero il Bluetooth LE sta soppiantando NFC. Apple e Samsung stanno investendo pesantemente su questa “tecnologia” che non è nuova – ma che nella sua nuova versione presenta una serie di vantaggi, rispetto sia NFC che il Bluetooth tradizionale. Fatto non indifferente non serve hardware ad hoc, il Bluetooth è già dentro allo smartphone.

In particolare quali vantaggi porta la tecnologia Bluetooth LE / iBeacon ?

Il vantaggio principale è il basso consumo di batteria, il bluetooth LE attivato sullo smartphone, incide in maniera irrilevante sul consumo di batteria. Questo consente di avere un segnale sempre attivo – volendo – e in grado di comunicare con device esterni (gli “iBeacons” appunto). Il bluetooth LE è uno degli ingredienti più promettenti per lo sviluppo degli smart stores, punti vendita intelligenti in grado di fornire un’esperienza ricca e personalizzata alla clientela

Checkbonus: l'app che premia la tua voglia di shopping [INTERVISTA]

So che avete alcuni pilot test in azione con grandi catene. Puoi fornirci alcuni insight sulla traction?

Siamo partiti in gennaio con una catena di articoli sportivi, BricoSport: l’idea era consentire agli utenti che avessero fatto un tour all’interno dei punti vendita di sbloccare una promo. L’idea iniziale era quella di incentivare la scoperta del punto vendita e poi gratificare l’utente con uno sconto del 10% sugli articoli. In febbraio siamo partiti con alcuni negozi – zona Milano e provincia – del gruppo Marco Polo Expert. Marco Polo ci ha messo a disposizione una serie di promo su videogiochi e altri prodotti. Da quel momento si è generato un flusso di ingressi nei negozi spontaneo e costante. Anche se si tratta di numeri contenuti. Fatto molto interessante: il 15% dei nostri utenti invita i propri amici a usare l’app.

Perché un’azienda retail dovrebbe rivolgersi a voi?

Le carte fedeltà sono oggetti obsoleti, una ragazza di 25 anni non ne vuole neanche sentire parlare. Per lei è normale usare lo smartphone in store, se la catena e il punto vendita non sono attrezzati per offrire una UX e un’esperienza mobile in store di un certo tipo, l’utente finisce con l’usare il punto vendita come showroom per provare oggetti che poi va a comprare online, CheckBonus unisce esperienza mobile e focus sul retail.

E poi c’è il tema dell’aggregare più catene. Certi tipi di esperienze mobile le puoi fare solo con app, e l’utente non ha ovviamente voglia di scaricare un’app per ogni insegna. Da qui nasce l’idea dell’aggregare più insegne e delle coalition che propone ai retailer CheckBonus. Un’unica app per rendere veloce lo sblocco di promo e l’accumulo punti e premi.

Qui il link al download per iOS che ricordiamo è gratuito. Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate di questa nuova formula di carta fedeltà per i retail e se anche voi preferite un’app alla card!