Le 6 parole d’oro per costruire relazioni online basate sulla fiducia

La fiducia: difficilmente quantificabile ma di grande valore per il business

Sempre più relazioni professionali vengono create stringendosi la mano on line. Anche le aziende devono creare sempre più spesso una relazione con gli stakeholder basata su fiducia e credibilità. E per farlo utilizzano i social network, in cui ogni giorno milioni di persone interagiscono tra loro.

Ma non è sempre facile riuscire a creare delle relazioni di valore e di lungo periodo, soprattutto sul social web. Con l’aiuto di Social Media Today, HubSpot e Tech Crunch abbiamo allora estrapolato 6 parole chiave di grande importanza da tenere in mente per fare diventare i portatori di interessi del vostro business dei veri advocate.

Autorevolezza

Dare  un biglietto da visita a un possibile cliente è molto diverso dal presentarsi sui social network. Sulle diverse piattaforme, basta un clic per conoscere  in tempo reale chi voi siate, dove lavorate, quali siano le vostre referenze (a patto che siate online ;-) ).

Per questo, al fine di costruire una figura professionale autorevole online, bisogna innanzitutto conoscere quali strumenti possano fare al caso vostro. Non basta un breve paragrafo – tipicamente sul sito web aziendale – in cui si dice di essere i migliori per guadagnarsi la fiducia degli utenti.

Social proof

Possiamo aver speso una gran parte del budget per customizzare la brand page Facebook, il bellissimo background Twitter e il sito web appena uscito dallo studio di web design. Bene, a livello di “social-packaging” ci siamo, non ci resta che dimostrare chi o cosa siamo al nostro pubblico se vogliamo ispirare fiducia.

E’ necessario dunque migliorare le logiche di social proof o informational social influence, l’influenza positiva che si subisce quando si scopre che altre persone stanno facendo una determinata cosa. Questo è reso possibile dando rassicurazioni all’utente. Nell’e-commerce è un fattore di grande rilievo, in quanto può determinare o meno l’acquisto finale di un prodotto.

Esistono diverse categorie utenti che possono essere di grande aiuto nel social proof:

  • l’esperto: una persona o blogger di rilievo nel settore di appartenza;
  • la celebrità testimonial: specialmente se non pagata ma genuina;
  • il singolo utente: a cui viene chiesto gentilmente di provare il prodotto/servizio e di recensirlo;
  • un largo gruppo di persone che hanno lo stesso interesse in comune;
  • il gruppo di amici e/o conoscenti: persone di cui l’utente si fida a priori.

Quali possono essere i contenuti strategici per trasmettere fiducia e aumentare il social proof?

  • menzioni
  • social plugin
  • social media sharing/follow botton
  • casi studio e testimonial
  • contenuti generati dagli utenti (UGC)
  • recensioni degli utenti e valutazioni
  • social advertising
  • menzioni su blog e altri media

Coerenza

Tra le parole e i fatti ci deve essere coerenza. Non è possibile usare grandi parole per dipingersi guru, per poi magari non riuscire a soddisfare i bisogni degli utenti e per questo rischiare di non avere la loro fiducia. Per intenderci: meglio evitare di proporsi come graphic designer quando il proprio sito sembra un database del paleolitico! 

Perciò ricordatevi che online e offline dovete essere le stesse personalità mantenendo una linea di comportamento coerente in entrambe le situazioni. Mentire non serve a nulla se non ad influire negativamente sulla vostra brand awareness.

Digital PR

Mettersi in contatto con persone da cui imparare può essere molto utile per migliorare la propria presenza online. Oltre a questo nuovi contatti possono diventare occasioni di confronto sul proprio core business oltre a essere la base per nuove partnership lavorative.

Dedicare tempo alla ricerca avrà come risultato la creazione di un valore aggiunto derivante dalla vostra presenza attiva online. In questo modo avrete un bagaglio di informazioni e contatti per creare un circolo di relazioni e connessioni di vostro interesse.

Utilità

Evitare una comunicazione troppo autoreferenziale, che miri esclusivamente ai vostri obiettivi di fatturato. Cercate piuttosto di essere un esempio da cui trarre ispirazione. Ispirazione, esattamente, un qualcosa che possa educare i vostri utenti, creando dialogo e partecipazione tramite contenuti accattivanti e coinvolgenti. A questo proposito, ecco 4 consigli di content marketing molto utili per vendere meglio il vostro prodotto.

Dialogo

Tutti possono imparare ad usare i social network,  ma è la capacità di creare il dialogo – costruendo vere relazioni – che vi distingue dalla massa. Perciò ponete domande, commentate post di utenti in altri blog! Cercate le discussioni di vostro interesse in cui il vostro contributo possa essere utile ad instaurare un rapporto di stima e fiducia reciproca.

Il vostro blog dovrà essere il più invitante possibile. Garantire la condivisibilità dei propri contenuti sulle diverse piattaforme social oltre ad essere utile per l’analisi del traffico referral aiuterà ad avvicinare più persone al vostro business.

Ricordate di utilizzare un linguaggio adatto agli utenti ideali, evitando perciò di cedere a un tono troppo autoritario che vi metterebbe i bastoni tra le ruote nel percorso di conoscenza degli user.

Se per caso non riusciste a raggiungere il livello di engagement che vi eravate prefissati, non abbiate timore nel chiedere suggerimenti ai vostri utenti.

Verso un wikizionario della fiducia!

Difficilmente possiamo quantificare la fiducia in termini economici, ma di sicuro possiamo sostenere che essa ricopre un ruolo di grande valore per la creazione di relazioni stabili… soprattutto online e sui social network!

Per questo curiosamente vi chiediamo: quali altre parole aggiungereste alla lista che abbiamo stilato? :-)

ARTICOLI CORRELATI

12 Modi per progettare un logo nei social media

LinkedIn attiva gli #hashtag e dice grazie ai suoi utenti per i traguardi raggiunti

Le ultime novità in casa Facebook: notifiche dalle pagine e nuovo format della timeline

Dal low cost al no cost? Come viaggiare nell’era del consumo collaborativo

10 azioni che rendono Twitter indispensabile per il business

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Intensivo in Non-Conventional & Viral Marketing