Visto da vicino

C’è ancora vita oltre i social: il caso Tumblr

Se ne parla sempre meno, eppure Tumblr si conferma tra le piattaforme social più utilizzate

Come diventare Social Media Manager? Scopri il Master Online in Social Media Marketing + Factory di Ninja Academy: impara la teoria online e mettiti alla prova lavorando come se fossi nel Social Media Team di Ceres!

Nella marea di post, articoli, commenti dedicati ai padroni indiscussi del web italiano (se state pensando alla Ferragni e a Fedez state sbagliando tutto), c’è qualcosa che continua a muoversi.

Esatto, se anche voi avete occhi solo per Facebook ed Instagram e non potete più fare a meno di vivere per le stories, oggi vi riportiamo ad un’altra realtà che, qualche tempo fa, faceva molto parlare di sé.

Chi ricorda Tumblr? In fondo, non è un pensiero molto lontano, sicuramente meno attuale di Snapchat, ma non tanto “vintage” come MySpace e MSN (gli attuali trentenni ricordano bene le ore spese online a flirtare grazie a questi ultimi).

tumblr-screenshot

Facciamo dunque un passo indietro e parliamo della piattaforma di microblogging più usata al mondo. Nulla a che vedere con il più recente Medium che, sebbene i presupposti siano abbastanza buoni, in quanto a numeri non regge il confronto.

Partiamo dal presupposto che Tumblr si sviluppa nel 2006 e, solo dopo un anno, diventa attivo a tutti gli effetti: si fa spazio tra i più giovani come la piattaforma tematica fresca, veloce, e dai contenuti non troppo lunghi.

Parliamo di 10 anni fa, quando l’instant era ancora un’utopia: solo dopo qualche anno sarebbero giunti sul mercato Instagram (2010) e Snapchat (2011). Ma dopo tutti questi arrivi, qual è la situazione?

report_wearesocial_sei

 

Ecco, cosa riportava nel gennaio scorso We Are Social. Non male come risultato, vero?

No, non lo è affatto, in un momento storico in cui vi è una netta divisione: immediatezza da un lato, long form dall’altro (e su questo, WordPress potrebbe dirci qualcosa, ma questa è un’altra storia!).

Pertanto, Tumblr “resiste” e si conferma tra i social network/piattaforme più utilizzate, sebbene voci di corridoio preannuncino un calo vertiginoso  di utenti nei prossimi anni. Noi non ci fidiamo, o meglio: aspettiamo. In fondo anche Twitter doveva crollare da un momento all’altro, no?

 

ninja_marketing_tumblr

Ad ogni modo, vi riportiamo la fonte aggiornata ad oggi: su questo link, direttamente sulla pagina “About” di Tumblr, si possono verificare il numero di post e il numero di blog esistenti.

Crescita o meno, la piattaforma non è comunque statistica, ma si aggiorna al pari delle sue colleghe. Nell’ultimo anno sono stati inseriti adesivi, filtri e GIF a portata di app e ancora è stata sviluppata “Cabana”, una piattaforma per videochat con più persone nata dalla sinergia con l’incubatore Plyvore Labs (appartenente a Yahoo così come Tumblr). Per non parlare dell’introduzione del “Safe Mode” e di altro ancora. Insomma, si impegna, dai.

Quindi?

Tumblr cerca di stare al passo con i tempi, cercando più interazione e coinvolgimento degli utenti. Certo, a vederlo ora, appare un po’ un mix tra Pinterest e Instagram, anche se, dobbiamo ammettere, essere originali è ormai difficile (e poi, comunque è arrivato pirma).

Calo o no, i numeri parlano chiaro: è comunque la piattaforma di microblogging più utilizzata e poi.. chi vivrà, vedrà.