How To

Come sopravvivere alla ricerca di lavoro online

Massimo Sommella

Editor @ Ninja Marketing

come_sopravvivere_lavoro

Quanto tempo hai speso nella faticosa ricerca di un lavoro? Magari affrontando viaggi lunghi ed estenuanti e con la speranza di trovare dall’altra parte l’azienda della vita, attenta alla tua crescita umana e professionale.

Spesso però, la realtà contrasta le aspettative e ti imbatti in recruiter che pongono domande inutili, le cui risposte sono già nel tuo CV (se l’avessero letto attentamente), all’interno di uffici angusti e con proposte contrattuali ai limiti della legge.

Come fare per conoscere prima della fase di application le caratteristiche dell’azienda, le sue politiche di selezione, retribuzione e gestione del personale?

Abbiamo selezionato per voi alcuni siti e app che forniscono strumenti validi per sopravvivere alla ricerca online di un nuovo impiego.

LEGGI ANCHE: SOS colloquio di lavoro, assumeresti te stesso?

Glassdoor

Con un database di oltre 8 milioni di aziende recensite, Glassdoor è forse la più grande piattaforma (web & mobile) di ricerca lavoro basata sui contenuti forniti dagli stessi dipendenti in forma anonima – che lavorano o che hanno lavorato per queste realtà.

Oltre al tradizionale job search, Glassdoor permette di cercare “per azienda” le recensioni dei dipendenti, conoscerne le retribuzioni medie e le modalità di intervista in fase di colloquio.

Altre informazioni disponibili sono foto degli uffici e benefit aziendali, sempre fornite dai dipendenti.

Glassdoor raccoglie ogni anno i dati forniti dalla sua community ed elabora dei curiosi sondaggi: ad esempio “I CEO più amati dai dipendenti , pool che ha incoronato al primo posto quest’anno Larry Page, CEO di Alphabet Inc (Google), al secondo posto Mark G. Parker di Nike e al terzo posto Charles C. Butt, CEO della catena H-E-B.

Molti potranno obiettare che la piattaforma sia esclusivamente utilizzata da una parte di dipendenti insoddisfatti e dunque più motivati a fornire una recensione negativa, ma la logica è identica a quella seguita da TripAdvisor e altri siti considerati riferimenti di cui ci fidiamo.

Purtroppo la piattaforma non è molto diffusa nel nostro paese: le informazioni risultano dettagliate per le multinazionali ma non lo sono altrettanto per aziende italiane che operano solo in Italia.

Meritocracy

In gara alla scorsa #BattleMI – l’evento targato Ninja Marketing – Meritocracy è una piattaforma di employer branding fondata nel 2013 da Riccardo Galli e Alberto Manassero. La startup permette agli utenti di trovare le migliori opportunità di lavoro in aziende uniche.

Con il termine “uniche” non si fa solo riferimento all’importanza delle aziende presenti – tra le tante Coca Cola HBC Italia, Neomobile, Samsung Italia, Uber, Telecom –  ma all’unicità dell’ambiente di lavoro e delle condizioni offerte.

U

Una foto di Coca Cola HBC Italia pubblicata su Meritocracy

Dopo aver caricato in maniera semplice e veloce il proprio CV sulla piattaforma, inizia una nuova ed esaltante esperienza di ricerca lavoro.

Come un vero esploratore l’utente può metaforicamente entrare nelle aziende presenti e scoprirne luoghi, vision, storia e benefit. Potrà conoscere quelli che saranno i propri futuri colleghi grazie alle video interviste e farsi un’idea più chiara dell’ambiente di lavoro dell’azienda per la quale sta inviando l’application.

Inoltre, grazie ad una tecnologia proprietaria, Meritocracy impara” dai comportamenti dei recruiter ed invia ai suoi utenti opportunità di lavoro per le quali possono davvero fare la differenza.

L’esperienza di contenuti offerta da Meritocracy si sposa con un’eccezionale user experience che si contraddistingue per la semplicità di utilizzo. La piattaforma ha recentemente ricevuto un round di investimento di 500mila euro da parte di United Ventures che utilizzerà “per supportare lo sviluppo della tecnologia, espandere l’attività a livello internazionale (in particolare nel Regno Unito) e ampliare la presenza della startup sul mercato italiano”. (via EconomyUp)

Gild

E se invece fossero i selezionatori a facilitarsi la vita? Gild nasce dalla semplice intuizione che il tradizionale sistema di recruitment non funziona ed offre una modalità nuova e veloce alle aziende per ricercare personale.

La piattaforma velocizza il processo di selezione e assunzione grazie ad alcuni strumenti come la “smart job reqs creation app” (per formulare annunci ad alto tasso di conversione) ed un tool che consente di pubblicare con un solo click il proprio annuncio di lavoro su migliaia di siti specializzati.

Gild è un’azienda con sede a San Francisco ma con un cofondatore tutto italiano: Luca Bonmassar.

Qualcuno può sostenere che al momento nel nostro Paese è già una fortuna trovarlo un lavoro, figuriamoci valutare la possibilità di rifiutarlo. Noi ninja riteniamo, però, che un buon ambiente di lavoro sia fondamentale per l’evoluzione della persona e per lo sviluppo della sua carriera e tali realtà forniscono utili strumenti per orientarsi tra le diverse offerte.