Petme, ecco a voi il social petwork

Nasce in Italia il primo social network dedicato ai nostri amici a quattro zampe

Il business del settore animal friendly è in fase di grande crescita. Ne abbiamo parlato in precedenza ricordando come negli Stati uniti fosse nato un prodotto interessante chiamato Dog Vacay, social network attraverso cui era possibile affittare case private invece di dover a lasciare i propri cuccioli in pensione, se costretti a spostarsi per le vacanze. Un sito che, consentendo ai proprietari di cani di assumere dei veri propri dog-sitter personali, è arrivato a guadagnarsi nel tempo il soprannome di Airbnb per i cani.

LEGGI ANCHE: DogVacay e AdottaMI, il business del mondo animale

Abbiamo lodato questa interessante attività nata dall’altra parte del mondo. Adesso però la lingua animale non parla più solo inglese: in Italia c’è da tempo un’attività simile, un business molto interessante per i nostri amici a quattro zampe.

Petme, una realtà che nasce da un bisogno personale

Spesso ci capita di dover partire senza sapere a chi affidare i nostri cari cuccioli. È da questa problematica che nasce Petme: una piattaforma completamente dedicata al pet sitting.

Una realtà che promette di dedicarsi non soltanto al mondo dei cani, ma di tutti gli animali, da quelli domestici a quelli esotici. Nata nel marzo 2014, adesso è esattamente passato un anno dalla sua ideazione e ha già dei numeri interessanti: 1900 pet sitter sparsi in tutta Italia, una community di circa 7.000 utenti e una pagina Facebook di 28.630 fan.

I pet sitter a disposizione coprono l’intero stivale e prestano servizio di accoglienza nelle proprie abitazioni o a domicilio dei clienti. Il tutto in base alla scelta degli utenti finali.

Questo business nasce proprio da un bisogno riguardante la vita di tutti i giorni: quando un paio di anni fa, Alice Cimini, esperta di comunicazione, e il suo compagno Carlo Crudele, vignettista, traduttore e appassionato di web, avevano il bisogno di partire per un viaggio oltrefrontiera. È proprio in quel frangente che i due protagonisti hanno avuto l’illuminazione.

Dopo esser stati per molto tempo alla ricerca di persone cui affidare i loro gatti durante il loro lungo soggiorno, hanno capito che proprio quello doveva essere un bisogno da soddisfare: si sono immedesimati in un problema davvero comune.

La ricerca di qualcuno che possa badare ai propri cari è certamente molto difficile, soprattutto se eseguita in piena estate, quando poche sono le persone disposte a curare e allo stesso tempo tener compagnia ai nostri cari amici a quattro zampe.

Petme, come funziona il portale

Petme rappresenta un vero e proprio social network, in grado di metter in contatto i proprietari di animali domestici con i diversi pet-sitter sparsi in tutto il paese.

Basatosi su un semplice principio di geolocalizzazione, come filtro di partenza per la ricerca, la piattaforma rappresenta un’ottima soluzione per i padroni che hanno bisogno di spostarsi per motivi di lavoro o per viaggi di piacere, e non solo, rappresenta inoltre un’importante soluzione di lavoro per gli aspiranti pet sitter italiani che hanno la possibilità di caricare il loro profilo online e iniziare a lavorare.

Vi starete chiedendo come scegliere il pet sitter di turno. I nostri amici rappresentano qualcosa di molto importante per noi, ed è difficile doverli affidare a persone che conosciamo poco. Petme offre una soluzione anche a questo: ogni qualvolta avremo bisogno di cercare un pet sitter online, saremo in grado di saggiarne caratteristiche e qualità.

Il sistema social è ben utilizzato e ogni pet sitter viene votato dagli utenti, in questo modo ogni proprietario saprà a chi affidare il proprio cucciolo. Inoltre Petme fornisce un’assicurazione gratuita, per stare più sereni durante l’affidamento dei nostri cari amici.

Petme, sogna di diventare grande

Un servizio molto interessante questo, ma che è in fase di continua crescita: a giudicare dal portale, presto Petme sarà non solo il punto d’incontro tra Pet Sitter e padroni, ma includerà anche veterinari, educatori, strutture alberghiere pet-friendly e molto altro. Insomma un business pensato per i nostri amici a quattro zampe che promette di offrire una copertura a 360 gradi dedicata a loro.

Un’offerta da non lasciarsi sfuggire e che speriamo possa essere in grado di allargare ancor più i suoi orizzonti nei prossimi anni.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Andrea Bono

Nasce a Roma in quartiere poco noto ai più. Per metà è calabrese, ma di mediterraneo ha preso solo la testa dura e la caparbietà. Marketing communication Specialist di ... continua

Condividi questo articolo


Segui Hoyoku su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it