LivingSocial, il concorrente che fa paura a Groupon

Con 4.000 impiegati e 400 milioni di fatturato, il concorrente di Groupon inizia a mostrare i denti e a conquistare il mondo.

La febbre da Groupon sembrava passata, eppure dagli Stati Uniti arrivano segni positivi per il settore dei Deal Online grazie ad una piattaforma concorrente. Forse sì allora, la febbre di Groupon è passata, ma per lasciare spazio al nuovo: stiamo parlando di LivingSocial.

Living Social è una piattaforma nata nel 2007 che offre ai propri utenti offerte, voucher o buoni sconto per attività ed eventi locali. Questo è più o meno lo scopo con cui è nato Groupon, ma anche in Italia sappiamo che le offerte locali sono sempre meno e che oggi svolge sempre più il ruolo di retailer. LivingSocial, invece, continua nella sua strategia originaria e continua a crescere.

Tim O’Shaughnessy, fondatore e CEO, nell’annunciare che cederà l’incarico ad una nuova figura, ha dichiarato che l’azienda sta vivendo un periodo decisamente positivo con un ricavo di oltre 400 milioni di dollari, 1 miliardo in vendite e oltre 4000 impiegati.  Il servizio è già disponibile in 27 paesi e, con queste cifre, è destinato a crescere.

LivingSocial, negli Stati Uniti, è sempre stato il principale concorrente di Groupon nel ruolo di intermediario tra piccole attività e pubblico e forse è anche per questo che Groupon sta iniziando a cambiare piano d’azione.

Non ci resta che aspettare il suo arrivo in Italia e vedere se avrà risultati altrettanto positivi.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?