Social network: 5 trend per il 2014

Cinque tendenze che guideranno il social media marketing nel prossimo anno

Elisa Marino
Elisa Marino

Marketing Manager @ Nuna Lie

social-network-5-trend-per-il-2014

Dicembre è tempo di riepiloghi, come vi abbiamo già detto la settimana scorsa riassumendo cosa è successo nel 2013 sui social media, ma anche di buoni propositi e previsioni. Per questo oggi vogliamo presentarvi 5 trend che a nostro avviso guideranno le strategie di digital marketing nel 2014 e getteranno le basi per nuovi social network, o per apportare modifiche a quelli già esistenti.

1) Social Snap

Ovvero: i social in uno schiocco di dita. Se guardiamo indietro, l’evoluzione della comunicazione ha portato alla nascita di internet prima e dei social network dopo, velocizzando notevolmente il processo di domanda–risposta tra utenti.

Oggi i tempi sono maturi per far sì che la comunicazione si evolva nuovamente in un processo ancora più rapido e istantaneo. A dimostrarlo, è la costante crescita di Twitter, ormai ricca di account di adolescenti e di campagne aziendali, ma lo è anche la nascita di SnapChat.

social-network-5-trend-per-il-2014

140 caratteri e 10 secondi, a quanto pare, sono sufficienti per comunicare. Oltre alla facilità della comunicazione e al tempo – sempre più prezioso – risparmiato, il marketing “istantaneo” stimola anche divertimento e spontaneità ed è una fonte sicura, almeno per ora, per i dati immessi nelle piattaforme. Un trend, quindi, destinato a crescere ed evolversi. In cosa? Lo scopriremo nel resoconto del prossimo anno! 😀

2) Mobile

social-network-5-trend-per-il-2014

Che sempre più app siano inserite di diritto nella categoria dei social network è evidente, e ne sono una prova piattaforme quali Instagram, Vine, Snapchat, ecc. Che i dispositivi mobili siano diventati oggetti sempre più importanti per la vita quotidiana di ognuno di noi, poi, è un dato di fatto.

È per questo che consideriamo uno dei trend del 2014 il mobile marketing che, seppur già ampiamente diffuso e utilizzato, si trasformerà da “plus” a “must” per le strategie digitali del futuro: il messaggio giusto, al momento giusto, nel luogo giusto sarà la chiave del marketing del futuro, e lo smartphone sarà lo strumento per veicolarlo.

3) Adv

Se fino ad oggi l’advertising sui social media è stato un lusso o almeno una attività non considerata di rilievo, nel 2014 diventerà una necessità. I contenuti di qualità non basteranno più: per avere visibilità, sarà necessario pagare.

La tendenza da parte delle piattaforme social, primo tra tutti Facebook con il suo nuovo algoritmo, sarà infatti quella di portare gli utenti e i brand ad investire in pubblicità. Non è un caso, infatti, se negli ultimi aggiornamenti che hanno coinvolto i principali social network sulla scena sono stati inserite le campagne a pagamento. Tra tutti, Twitter, Instagram e Pinterest.

4) Video

I segni per uno sviluppo del video-marketing ci sono tutti: Pew ha dichiarato in uno studio che negli ultimi quattro anni gli utenti che pubblicano video sono raddoppiati, e che circa il 78% degli utenti americani fruisce dei video online. La nascita di Vine e il conseguente aggiornamento di Instagram ne hanno solo accelerato lo sviluppo.

Il marketing digitale del 2014, è quindi destinato a passare attraverso il video–marketing, non più incentrato su video lunghi e ricchi di contenuto, ma focalizzato su messaggi rapidi, diretti, in tempo reale, di pochi secondi e per questo piacevoli da guardare anche dal proprio smartphone e da ricondividere subito dopo.

5) Google

social-network-5-trend-per-il-2014

Foto: http://knowyourmeme.com/

La fine del 2013 ha portato numerosi aggiornamenti per il colosso di Mountain View: 300 milioni di utenti attivi al mese su Google Plus, i commenti di YouTube direttamente collegati al proprio profilo, le ricerche personalizzate all’interno del motore di ricerca, la Google Autorship e il Google Autor Rank come principali novità SEO. Il social di Google sembra inarrestabile, e sarà difficile, per coloro che ancora lo fanno, continuare ad ignorarlo nel 2014.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?