PC “fai da te”: quando la creatività si trasforma in arte tecnologica [INTERVISTA]

La parola all??autore di un fantasmagorico PC basato su tecnologia video Nvidia

PC “fai da te”: quando la creatività si trasforma in arte tecnologica

Nei giorni scorsi abbiamo avuto modo di conoscere, grazie alla pagina Facebook di NVIDIA Italia, un gentile libero professionista di nome Giovanni L. Puggioni che ha dimostrato un grande interesse nel condividere pubblicamente il proprio PC raffreddato a liquido, scatenando l’entusiasmo e l’euforia della community italiana di appassionati di tecnologia informatica.

Scopriamo le caratteristiche del PC, prima di fare qualche domanda a Giovanni!

Specifiche Hardware / Caratteristiche Tecniche

PC “fai da te”: quando la creatività si trasforma in arte tecnologica

Il case è un Corsair Obsidian-D800.
Il monitor è un Samsung SyncMaster SA950, dotato di un display Full HD  di 27 pollici (16:9) 120Hz, 1920×1080 pixel, con retroilluminazione LED.
Il processore è un esa-core Intel i7 990X Extreme (5000MHZ-liquid coolingWB Koolance CPU-370).

La scheda madre è un Asus R.O.G. Rampage III extreme.
La memoria conta su 12 GB RAM 2000 Corsair Dominator GT.
La grafica è supportata da ben due NVIDIA GTX 780 liquid cooling-Watercool HeatKiller più Backplate, il tutto in modalità SLI-Evga.
La memoria d’archiviazione è dotata di un disco SSD: 480 GB 2x Corsair ForceGT 240GB RAID 0 più Velociraptor WD 300GB.
Il drive ottico è un masterizzatore BluRay.
L’Alimentatore è un  SilverStone Strider 1550W.
La Tastiera retroilluminata è una Razer DeathStalKer Ultimate.
Il sistema operativo è Windows 7 Ultimate 64 Bit.

L’Intervista

PC “fai da te”: quando la creatività si trasforma in arte tecnologicaSalve Giovanni, è un vero piacere conoscerti. Difficile frenare la propria crescente curiosità su questo tuo magnifico computer.

–  Quanto tempo è stato necessario per realizzarlo da zero?
“Circa una settimana.”

– Da quando hai scoperto di avere la passione per l’assemblaggio di componentistica PC?
“14-15 anni fa. Inizialmente ero molto “preso” dai portatili, più avanti acquistai il mio primo PC fisso già assemblato, e da lì è nata la passione.”

– Hai mai pensato di partecipare a competizioni di assemblaggio e configurazione professionistica?
“No, sinceramente non ci ho mai pensato.”

– Qual è stato il componente più complicato d’assemblare?
“Secondo me è stata la realizzazione dell’impianto a liquido.”

– E’ stato difficile procurarsi i materiali idonei per un simile raffreddamento a liquido?
“Direi di no, su Internet con tempo e pazienza si riesce a realizzare e procurarsi ciò che si desidera.

– Abbiamo anche notato quella affascinante “fiala” luminosa con all’interno i tubi intrecciati a spirale, di che si tratta?

PC “fai da te”: quando la creatività si trasforma in arte tecnologica
“Si tratta di una vaschetta su cui circola il liquido dell’impianto, si chiama “FrozenQ Liquid Fusion”, reperibile negli shop più forniti di accessori per pc.”

– Qual è stato il primo programma che hai avuto in mente di testare una volta ultimato il tuo lavoro?
“Beh, il programma che misura le temperature dei rispettivi componenti raffreddati a liquido.”

– A che velocità sei riuscito ad overclockare le memorie RAM?
“A 2133 mhz.

–  Che tipo di temperature hai potuto registrare durante le tue sessioni?
“Beh, dipende dal carico sulla CPU e GPU: sul PC che hai visto con le schede in full load non supero i 46 °C, mentre a 5 Ghz sulla CPU a pieno carico non supero i 66 °C.”

– Quali sono i tuoi videogiochi preferiti e quali titoli stai aspettando impazientemente di testare?
“Beh, per queste cose sarei un po’ vecchiotto e dovrei vergognarmi un pochino, ma vista la passione qualche gioco me lo sparo volentieri tipo Metro Dead Space, ma anche i race games non mi dispiacciono.”

– Se qualcuno dei nostri lettori volesse emulare le tue gesta, che tipo di spesa (in €) dovrebbe affrontare, più o meno, tra componentistica e materiali vari? E soprattutto qual è il singolo pezzo su cui è più necessario investire i propri risparmi?


PC “fai da te”: quando la creatività si trasforma in arte tecnologica
“Il prezzo dipende e può variare da tante cose, secondo me non si deve badare a spese sulla piattaforma: Scheda Madre, CPU e Ram. Se li tieni bene, sei sempre al top per anni. Mentre per realizzare una configurazione tipo la mia si spende parecchio (purtroppo): dai 5500-6500 euro e oltre.”


Sei stato gentilissimo Giovanni, grazie mille della tua disponibilità e ancora tanti complimenti per una simile meraviglia!  :-)

Scritto da

Nathan Gangi

Come grande appassionato di comunicazione online, dei social media e delle nuove tecnologie.. ama definirsi un "Community Media Manager", dividendosi tra attività tematiche ... continua

Condividi questo articolo


Segui Nathan Gangi .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it