Facebook, le 5 regole d’oro per aumentare l’engagement

Qualche suggerimento per i brand che vogliono aumentare l'interazione con i propri fan

Quando si pianifica una strategia social, uno degli step molte volte ‘obbligati’ è quello di creare e gestire una Facebook fanpage. Creare engagement con i followers della pagina è il passo successivo. Ma come si crea e si misura il coinvolgimento degli utenti su Facebook? Le metriche sono diverse, come la condivisione dei contenuti, il numero di commenti e dei ‘mi piace’.

Alcuni stimoli per fare in modo che l’interazione degli utenti con la brand page sia dinamica li abbiamo già dati poco tempo fa nell’articolo “Facebook: 6 tipi di post che stimolano l’engagement“. In pratica, per spronare all’interazione si deve essere in grado di creare valore aggiunto attraverso i contenuti che verranno così condivisi tra amici, parenti e contatti degli addicted della pagina. Questi ultimi possono essere considerati dei potenziali contatti che devono essere attirati nell’orbita del brand a tutti i costi.

Come ci ricorda Micheal Lazerow - CEO di Buddy Media:

“Mentre il marketing può funzionare dal lunedì al venerdì, Facebook funziona 24 ore al giorno, sette giorni la settimana.”

I brand, quindi, hanno necessità di adattarsi ai tempi e ai ritmi degli utenti se desiderano massimizzare l’engagement della propria presenza social.

Facile a dirsi, sicuramente meno a farsi: quali sono i tempi, i modi e le parole chiave da utilizzare nei post quando si gestisce una brand page su Facebook? Quali le strategie per incrementare l’interazione e l’engagement con i propri fan? A queste e ad altre domande risponde una ricerca elaborata sempre da Buddy Media e ripresa da Mashable - “Strategies For Effective Facebook Wall Post: a Statistical Reviews.

Secondo il report esistono tre parametri principali per misurare l’effettivo successo di una fanpage e del relativo engagement che essa crea con i followers:

  • comment rate: numero di commenti rispetto alla percentuale di fan;
  • ‘like’ rate: numero di ‘mi piace’ rispetto alla percentuale di fan;
  • engagement rate: una combinazione delle due metriche – comment e ‘like’ – sempre calcolata in base al numero di fan.

In base all’analisi condotta, per aumentare l’engagement degli utenti fan i brand dovrebbero seguire una semplice to do list:

  • essere tempestivi: i brand che postano contenuti al di fuori della fascia oraria lavorativa – quella in cui gli utenti accedono maggiormente a Facebook – registrano un incremento del 20% di engagement rispetto ad un post condiviso in orario d’ufficio.
  • essere concisi: i dati dimostrano che post e tweet condivisi che hanno meno di 80 caratteri ottengono il 27% in più di interazioni. Essere brevi e sintetici, quindi, aiuta!
  • chiedere l’interazione: “Chiedi e ti sarà dato”! Se il brand chiede agli utenti interazione in maniera chiara e diretta – ad esempio con una domanda – riuscirà a raggiungere il 15% in più di coinvolgimento della base fan.

Vediamo concretamente quali sono i 5 consigli – o meglio regole d’oro – che aumenteranno sicuramente il coinvolgimento degli utenti nella vostra brand page, avendo a disposizione una pagina Facebook progettata e creata in maniera corretta (seguendo i tips degli esperti) e dei fan.

#1 Incentivare e coinvolgere in modo creativo

Ai fan piace la creatività e, soprattutto, i concorsi. Se si vince qualcosa, poi, è ancora meglio! Altrimenti, l’importante è partecipare :-) Gli ‘incentivi’ posso essere sconti, buoni, regali.

La casa cosmetica Kiko, ad esempio, ha lanciato una sua particolare iniziativa sulla timeline di Facebook – MY KIKO Collection – dove invitata i propri utenti a partecipare a mini-concorsi per acquistare buoni, a rispondere a domande per guadagnare punti da spendere in voucher per prodotti Kiko. Ogni utente ha inoltre la possibilità di aumentare i propri bonus portando amici a partecipare al concorso e alle attività della fanpage.

#2 Postare contenuti altamente virali

Per invogliare gli utenti a condividere i contenuti si devono creare post ‘allettanti’: esattamente come sventolare una bandiera rossa davanti agli occhi di un toro! Per attirare l’attenzione e aumentare il potenziale sharing del contenuto utilizzate quasi sempre un’immagine, che tende tipicamente a ottenere un EdgeRank molto più alto, eventualmente contenente citazioni e/o frasi accattivanti.

#3 Creare una community fidelizzata

Alcuni brand riescono a costruire intorno alla propria pagina una ricca comunità di veri e propri appassionati che seguono con costanza il flusso di contenuti e li condividono. Gli addicted e gli evangelist, inoltre, si sostengono l’un l’altro come una vera famiglia. Importante è anche che il community manager ‘scenda in campo’ e faccia sentire la sua presenza, verso un flusso di comunicazione a doppio senso.

Esempio lampante è la fanpage Telefilm Addicted, creata a supporto dell’omonimo sito. La comunità che si è creata attorno ad essa, infatti, interagisce con le iniziative che vengono proposte (e poi seguite!). Gli utenti hanno la possibilità di diventare contributors della pagina e del sito, possono esprimere le loro opinioni e postare contenuti. A conferma di questo, basta dare un’occhiata alla campagna portata avanti per invitare i fan a sostenere il sito ai Macchianera Italian Awards 2012.

#4 Avere un brand divertente… o farlo diventare tale!

La gente ama divertirsi! Questo è il motivo per il quale bisogna aggiungere verve e simpatia alla formula della vostra brand page. Creare contenuti che siano veramente originali, che stimolino l’inventiva e che siano facilmente condivisibili non basta se non si ride un pò! In questo caso anche prodotti e brand poco conosciuti – o di nicchia – possono avere una possibilità in più.

Di contenuti divertenti da condividere la sa lunga la 3M che si è fatta realizzare questa campagna pubblicitaria. Il prodotto? Una spazzola per peli di gatto! Ovviamente nessun animale è stato maltrattato! Tutta da condividere!

#5 Essere un personaggio amato

Non meno importante è essere popolare nel popolo della rete ed amato – perchè si sa, si governa con l’amore o con la paura! – dai chi ci segue. Questa è una leva non facilmente gestibile in modo diretto, ma ci si può sempre provare :-) Un esempio è la popstar Lady Gaga. Amata ed odiata, criticata e osannata, i suoi fan non fanno altro che aspettare il prossimo status, foto o video che la cantante pubblicherà. Contenuti divertenti, altamente virali e un tam-tam che percorre la rete, that’s the secret! Se aggiungiamo a tutto questo altre due componenti – l’amore e la fedeltà – otteniamo davvero una formula vincente.Ora, it’s up to you: quali sono invece i segreti per aumentare l’engagement della vostra pagina? Diteci diteci che siamo curiosi :-)

ARTICOLI CORRELATI

Facebook Offers: ecco le prime esperienze italiane di social shopping

8 consigli indispensabili per migliorare la gestione delle fanpage delle PMI

Facebook brand page: qual è l’impatto della nuova timeline?

Facebook: la misura del brand engagement in like e commenti

5 cose da sapere a proposito del Facebook Edgerank

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Promo Corsi in House