10 azioni che rendono Twitter indispensabile per il business

Sfruttare al meglio le potenzialità della piattaforma di micro-blogging si rivela sempre più spesso una strategia vincente

Che voi siate una grande azienda oppure un singolo freelancer, l’utilizzo di Twitter può cambiarvi la vita (non solo quella lavorativa :-) ) e rivelarsi davvero strategico. Per questo abbiamo raccolto per voi un decalogo che racchiude le azioni e i tip più importanti che si possono intraprendere sulla piattaforma di micro-blogging del pennuto blu.

#1 Trovare lavoro o impiegati

Nella selezione del personale può rilevarsi utile sfruttare i social come luoghi in cui domande e offerta di lavoro posso incontrarsi senza tante difficoltà, oltre ad utilizzare le banche dati delle agenzie interinali. Se si è nella posizione di chi offre lavoro bisogna ricordarsi di linkare la pagina che descrive la posizione lavorativa che dovrà ricoprire il nuovo personale (si sa 140 caratteri potrebbero essere leggermente riduttivi, per questo meglio il link). Successivamente per creare più visibilità è bene favorire – o domandare – il retweet  dell’offerta.

Se si è alla ricerca di lavoro è buona pratica seguire profili che aiutano nella ricerca come @trovalavoro e utilizzare nelle proprie ricerche keyword pertinenti alla mansione desiderata, specificandone il titolo lavorativo. Ricordasi di specificare nella descrizione del profilo il proprio titolo di studio, o comunque interessi pertinente al ruolo richiesto oltre che al collegamento con la propria presenza LinkedIn (se volete saperne di più sul social, leggete 5 interessanti consigli di personal branding 2.0).

#2 Condurre ricerche

Se volete condurre una semplice ricerca basta twittare la domanda giusta e il vostro pubblico di affezionati follower sicuramente non vi deluderà! In fondo per avere risposte il metodo più semplice è porre domande pertinenti, non credete? L’utilizzo di un hashtag dedicato che riconduca al quesito d’interesse può essere un’opzione aggiuntiva che rende visibili le risposte, utile per avere un campione di riferimento a costo zero!  8-)

#3 Connettersi con diversi tipi di media

Volenti o nolenti il giornalismo sta attraversando una fase di cambiamento, ma certo è che su Twitter è possibile entrare in contatto con molteplici editori e testate giornalistiche. Ciò può rilevarsi utile soprattutto se siete un’azienda e dovete rendere pubblico un comunicato stampa. Rapidità e velocità nella condivisione di informazioni fanno di Twitter il social più seguito per quanto riguarda gli aggiornamenti in tempo reale. Creare una lista dei principali editori può essere dunque ottimo per tenere monitorati gli argomenti d’interesse senza darsi alla stalkerizzazione mediatica, quando riterrete opportuno suggerire casi che vi possano rappresentare. Pensate, avete la possibilità di entrare in contatto senza utilizzare la pesantezza di un’e-mail, che molto spesso rischierebbe di venire semplicemente cestinata!

#4 Monitorare l’online reputation

Un’attenta analisi della rete, in particolar modo di Twitter, si rivela utile nella costruzione di una favolosa banca dati da cui trarre informazioni utili al proprio business. Sia chiaro non mettetevi corone d’oro in testa prima di aver fatto una ricerca sul vostro conto: non tutti parleranno bene di voi, ma c’è chi dice che il proprio obiettivo non è quello di piacere a tutti, ma molto a pochi. Senza peccare di presunzione, è bene tenere sott’occhio i commenti negativi  e, dove si ritiene opportuno, rispondere con un tono cordiale da vero community manager, ricordandosi di non farsi prendere da schizzi di scleroticismo 2.0, ! :)  Nelle Digital PR mostrare interesse anche verso chi non la pensa come noi viene riconosciuto positivamente.

A meno che non siate finiti in un intricato roveto negativo, gustatevi anche la prospettiva rosea dei commenti positivi ringraziando e favorendo una comunicazione continuativa con i migliori influencer o brand ambassador. Coinvolgendoli con offerte speciali e ricordatevi di sottolineare che l’offerta sarà esclusiva per gli utenti Twitter, una sorta di valore aggiunto che rispecchia il principio dell’esclusitività.

#5 Promuovere i propri prodotti

Se volete che la gente compri i vostri prodotti, deve sapere cosa producete. Perciò sfruttate Twitter per parlarne condividendo anche immagini che illustrino le vostre creazioni. Ma fate attenzione a non diventare monotoni, pubblicando esclusivamente contenuti autoreferenziali. Stimolate l’engagement verso il vostro brand variando gli argomenti e rendendo partecipi alla vostra presenza su Twitter gli utenti.

Siate sempre in ascolto: se riuscirete a dare soluzioni positive (per esempio in caso di guasto) proponendo uno dei vostri prodotti il risultato non potrà che essere ottimale! Ricordate il caso Amazon e della tweet pubblicità?

#6 Arricchire il network

Sia a livello personale che commerciale avere nuove amicizie su Twitter risulta essere molto utile oltre che divertente, e in un’ottica di lungo termine può creare una relazione duratura via tweet a vostro vantaggio. Cercando i vostri interessi grazie al following potrete seguire altri utenti con cui condividere argomenti che più catturano la vostra attenzione. Una volta trovati ricordatevi di inserirli in liste di pertinenza, in maniera tale da avere in qualsiasi momento una rapida panoramica sulle news.

#7 Condividere news

Diventa necessario creare traffico, in quanto se non si sfruttano indicizzazione e azioni di marketing mirate difficilmente gli utenti visualizzeranno il vostro sito web. Perciò parlate del vostro brand,  il passa-parola o cinguettio è da sempre l’azione più efficace! Create tweet intriganti e linkate al vostro blog o sito web l’utente; se siete in una fase promozionale coinvolgete gli utenti come enunciato nel punto #4 riallacciandovi al concetto di esclusività.

#8 Fare social CRM

Rendersi a disponibilità dei proprio clienti  in qualsiasi momento dando un aiuto in situazioni difficoltose favorisce la fidelizzazione del cliente al proprio brand. Volete un esempio? Vodafone Italia utilizza prevalentemente Twitter per il costumer service. Mettendo in evidenza il proprio Social Team trasferisce la percezione positiva di avere a che fare con persone e non con automi dalla voce stridula che vi fanno perdere la pazienza in un labirinto da tastierino numerico per procedere con la risoluzione del problema!

Inoltre sfruttando l’hashtag #tw190 rende possibile la segnalazione di problemi  agli operatori garantendone così la tracciabilità, per una tempestiva azione.

Nel caso forniste questo tipo di  servizio ricordatevi di pubblicizzarlo sul vostro Sito Web, in questo modo gli utenti possono rivolgersi direttamente agli operatori connessi tramite Twitter.

#9 Rimanere collegati con eventi live

L’ integrazione tra evento on-line e off-line rende possibile la geolocalizzazione di persone interessanti. A posteriori se vogliamo entrare in contatto con altri utenti che hanno partecipato ad un determinato evento di nostro interesse possiamo reperirli tramite ricerca su twitter. Ovviamente vige la necessità di designare un hashtag ufficiale che gli utenti utilizzeranno durante l’evento.

#10 Integrare i vari canali

La visibilità risulta necessaria al fine di poter essere presenti al meglio su Twitter. Perciò menzionare il contatto Twitter sia sui profili web tramite follow buttons, widget, tweet button loghi ed icone che su altri media favorisce il ricordo e il successivo utilizzo della piattaforma nei migliori dei modi possibili.

Per sapere tutte le offerte che Twitter mette a vostra disposizione basta andare  su Twitter For Business. Ogni sezione è particolarmente curata e fornisce chiari esempi. Inoltre potrete trovare un sacco di casi studio sui quali ponderare la vostra strategia social! Perciò che il potere del cinguettio sia con voi, non vi resta che spiccare il volo! ;)

ARTICOLI CORRELATI

Twesume, il curriculum vitae ora sta nei 140 caratteri di Twitter

Come usare i social network per trovare lavoro

Live tweeting: come utilizzarlo nella vostra strategia di social media marketing

Twitter e le PMI: il micro-blogging può far grandi le piccole aziende

Content is King? Non è sempre vero. Parola del New York Times

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Intensivo in Corporate Storytelling