Youtube Partner Program aperto a (quasi) tutti

Il programma che prima era aperto solo ai produttori più popolari in rete apre le porte a tutti gli utenti di altri venti paesi.

L ‘ultima novità in casa Google sponda Youtube, riguarda il Partner Program: un programma a cui finora potevano partecipare solo produttori di contenuti che avevano raggiunto una certa popolarità, requisito questo che limitava fortemente l’accessibilità al programma. La novità, stando a quanto riporta Mashable, riguarda proprio quest’ultimo aspetto.

Il Partner Program di Youtube è ora disponibile a tutti gli utenti di questi paesi: Argentina, Australia, Brasile, Canada, Colombia, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Giappone, Messico, Olanda, Nuova Zelanda, Polonia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti.

Non è necessario dunque aver raggiunto una certa popolarità, ma si può anche essere dei normali sconosciuti per essere partner.

Spiega Youtube

“il Partner Program è uno speciale programma che offre ai creatori di contenuti l’opportunità per migliorare le loro abilità, costruire un proprio audience e guadagnare. L’iscrizione è gratuita. In qualità di partner di YouTube, si avrà accesso ad una comunità globale che include membri che vanno da musicisti a registi, comici per gli atleti e altro ancora.”

Per diventare un partner di Youtube, è necessario attivare un account e monetizzare almeno uno dei propri video. Come fare a guadagnare con un video? Youtube offre delle buone linee guida che possiamo riassumere così: creare contenuti originali e avere i diritti per commercializzarli, soprattutto nel caso questi provengano da altre fonti.

Ovviamente i nuovi partner non potranno – per ora – beneficiare delle stesse condizioni dei creatori più conosciuti, come banner personalizzati e offerte di contenuti popolari.

ARTICOLI CORRELATI

Cannes Lions premia McDonald’s con il Creative Marketer of the Year

Tutti pronti per il Live Performers Meeting 2011? [OPPORTUNITA']

L’app mobile ufficiale di Playstation è in arrivo! [MOBILE APP]

Sziget Sound Fest: con il contest per band emergenti parte Sziget 2010

Investimenti alberghieri: l’Italia non segue il trend europeo

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Intensivo in Non-Conventional & Viral Marketing