I 10 prodotti di fiction divenuti realtà

Quando il product placement fa il percorso inverso - dalla fiction alla realtà.

Conoscete il product placement?

È quella tecnica di marketing che permette alle aziende di sfruttare l’universo televisivo e cinematografico per pubblicizzare i propri prodotti. È risaputo che un fan, trovando nel suo film/serie tv preferita un prodotto, possa aver voglia di provarlo. Sarà il desiderio di far parte di mondi avvincenti o forse la voglia di avere qualcosa in comune con dei personaggi che talvolta sembrano reali, sta di fatto che il product placement funziona, soprattutto sui fan.

Pensate allora di effettuare il procedimento inverso, scegliendo un prodotto fittizio che, tramite un film o serie tv è diventato celebre e mettendolo sul mercato. Cosa penserebbero i fan?Di certo sarebbe un modo per mettere un piede nella realtà di cui spesso vorrebbero far parte.

Sta di fatto che questo, miei cari fan di prodotti televisivi e cinematografici, non è più solo un sogno (ma forse lo sapete già)!

Per provarlo, ho raccolto una serie di prodotti nati sullo schermo e diventati in seguito reali.

La carta Dunder Mifflin

I fan della sitcom The Office adesso potranno davvero acquistare la carta Dunder Mifflin, prodotta nella realtà da Staples Inc., grazie ad un accordo con la NBC Universal. La scelta di questa compagnia non è per niente da sottovalutare. Infatti,  così facendo ha potuto pubblicizzare la propria attività, utilizzando un marchio noto agli occhi dei telespettatori come unica pubblicità.

Le patatine Cheesy Poofs

Per festeggiare i 15 anni di South Park, la Frito-Lay ha prodotto un milione e mezzo di pacchetti di patatite Cheesy Poofs e le ha distribuite nei negozi WalMart, facendo la felicità dei fan dell’irriverente show.

I supermercati Kwik-E-Mart

Tutti conosciamo The Simpson, la più longeva sitcom e serie animata mai trasmessa. Per pubblicizzare il film tratto da questo show famoso in ogni angolo del pianeta era doveroso fare le cose in grande.E così è stato: per l’occasione la catena di supermercati 7-Eleven ha cambiato i connotati a 12 dei suoi punti vendita trasformandoli in Kwik-E-Market, il supermercato gestito da Apu e conosciuto in Italia come Jet-Market.

La trasformazione ha coinvolto anche i prodotti messi in vendita. Infatti, nei Kwik-E-Market della realtà, è possibile trovare la Buzz-Cola, i cereali di Krusty il clown, lo Squishees (in Italiano lo Slurp), la birra Duff, un’edizione speciale del fumetto L’uomo radioattivo e le Donuts, le mitiche ciambelle tanto amate da Homer.

L’iniziativa è risultata vincente, portando un aumento del 30% sulle vendite.

La Bubba Gump Shrimp Company

Tra i personaggi del film Forrest Gump ricorderete di certo Bubba, compagno d’armi di Forrest durante la guerra del Vietnam. Bubba era davvero fissato con i gamberi, tanto che riuscì a convincere Forrest a fondare una società che si occupasse proprio della pesca di gamberi. Purtroppo Bubba morì in Vietnam e Forrest rimase l’unico socio della compagnia.

Ebbene, se Bubba vi ha fatto venire l’acquolina in bocca e non desiderate altro che assaggiare i famosi gamberi cucinati in tutte le varianti, non dovete far altro che prenotare un tavolo! Nel 1996 La Bubba Gump Shrimp Company Restaurant and Market ha aperto ufficialmente i battenti anche nel mondo reale. Attualmente ci sono 32 ristoranti specializzati in pesce e frutti di mare sparsi per il mondo.

I Mighty Ducks

È una squadra di hockey fondata nel 1993 da Walt Disney ispirata al film The Mighty Ducks (conosciuto in Italia come Stoffa da campioni) uscito nelle sale l’anno precedente. Il film narra la storia di una squadra di hockey composta da ragazzini (tra i quali figura anche un giovanissimo Joshua Jackson). Nel 2006 i coniugi Samueli, che avevano acquistato la società da Walt Disney un anno prima, cambiarono il nome e la divisa della squadra, da allora nota come Anaheim Ducks.

La variante di gelato Schweddy Balls di Ben & Jerry

Il nome deriva da un celebre ed esilarante sketch del Saturday Night Live che vede come protagonisti Alec Baldwin, Molly Shannon e Ana Gasteyer.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=Qcf-NvtAg54&feature=related’]

Le gelatine Tutti i gusti più uno

I fan di Harry Potter le conoscono bene e adesso possono anche assaggiarle. Queste particolari gelatine si chiamano così proprio perché non si limitano ai classici gusti di frutta, ma spaziano in una illimitata variante di sapori. Attenti però, non è detto che vi capiti un gusto gradito, può confermarlo Albus Silente:

« Ah! Gelatine Tuttigusti+1! Da giovane ho avuto la sfortuna di trovarne una al gusto di vomito, e da allora devo dire che per me hanno perso ogni attrattiva… Ma se prendo una bella caramella mou, non dovrei correre rischi… Tu che dici?» Sorrise e si cacciò in bocca un cubetto dal bel colore ambrato. Appena l’ebbe masticata, esclamò: «Povero me! Cerume! »

Harry Potter e La pietra filosofale

Il romanzo Heat Wave

È definito pseudobiblium, ovvero un libro mai scritto nella realtà, ma nato come artificio narrativo. In questo caso l’autore è il romanziere immaginario Richard Castle, protagonista dell’omonima serie televisiva. Heat Wave è stato realmente pubblicato, prima parzialmente sul sito della ABC, poi per intero in versione cartacea. Il romanzo è stato seguito da Naked Heat e Heat Rises, sempre frutto della penna immaginaria di Richard Castle.

Il profumo Sex Panther

Se avete visto il film Anchorman, di certo vi sarà venuta la curiosità di sapere cosa si prova ad avere addosso un profumo “made with bits of real panther”, è il momento di scoprirlo. La fragranza, che a detta di Brian Fantana, è vietata in nove paesi, è diventata reale. Ma che profumo avrà?

Le scarpe Nike MAG

Direttamente dal secondo episodio della saga Ritorno al Futuro nascono le mitiche scarpe Nike MAGRitorno al Futuro ha fatto sognare (e continua tutt’ora) grandi e piccini soprattutto per le sue invenzioni strabilianti. Erano anni che i fan speravano di poter tenere tra le mani alcuni degli oggetti del film. Essendo troppo complicato ricreare un Hoverboard (per intenderci lo skateboard volante), la Nike ha commissionato a Tinker Hatfield (colui che aveva ideato le scarpe per il film) e Tiffany Beers di trasformare questo sogno in realtà. Purtroppo, a differenza della versione che Martin indossa nel 2015, quelle proposte a noi attualmente non si allacciano da sole, ma magari in futuro lo faranno!Le Nike MAG sono state messe all’asta su Ebay e il ricavato è stato devoluto alla Michael J. Fox Foundation per la lotta al Parkinson

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Simona Maddaloni

Mi chiamo Simona, sono nata a Napoli nel 1986. Ho sempre cercato di seguire i miei interessi, sia nella vita che nello studio. Nel 2009 mi sono laureata in Linguaggi Multimediali ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kamija .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it