Lutebox: il social network per l’entertainment on-demand

Un nuovo spazio dedicato alla fruizione "social" di contenuti

Presentato alla Inspire Conference che si è tenuta lo scorso giugno a Londra, Lutebox si presenta come un “social entertainment hub for premium content”.

La startup, di base a Londra, offre uno spazio online i cui utenti possono non solo visionare contenuti premium on-demand, ma possono virtualmente farlo in compagnia dei loro amici: questi possono infatti scegliere uno dei contenuti presenti sulla piattaforma e pagarlo insieme utilizzando i propri Lutes (una sorta di moneta virtuale) e interagire in tempo reale durante la visione. Lutebox detiene una percentuale su ogni transazione, devolvendo il resto ai proprietari dei contenuti. Il sito integra inoltre feature localizzati, che permettono di acquistare cibi e bevande da luoghi vicini, oltre a biglietti per il cinema.

A chi mette in evidenza la somiglianza con il servizio di streaming già offerto da Facebook, S.Ali Ahmed, fondatore e managing director di Lutebox, risponde: “The way Facebook has built entertainment around itself, it’s a very cluttered experience. You have to dig through various apps, approve the apps, you then have to click through to the Warner Brothers website, and then purchase a movie to stream it. And you don’t really have a social experience with your friends. With Lutebox, the social interaction is all in real-time – as you’re watching a movie or playing a game.

La versione alpha di Lutebox è stata lanciata lo scorso 22 settembre in UK. I primi contenuti fruibili sulla piattaforma afferiscono alla categoria Music, ma dovrebbero diventare disponibili anche quelli legati a cinema, TV show, sport e giochi.

ARTICOLI CORRELATI

Numbers sarà virale come Ruzzle? Scopriamo il gioco per Android e iOS

Aperte le iscrizioni del Master Online in Digital Strategy & Social Media Communication

Aperte le iscrizioni del Master Online in Social Media Marketing e Community Management

e-Participatory budgeting between kangaroos

Facebook pagherà gli utenti per la fruizione degli ads

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Master Online in Digital Marketing