Google introduce il "Momento Zero della verità"

L'empowerment del consumatore attraverso ricerche, recensioni, video e commenti.

Massimo Sommella

Managing Editor @ Ninja Marketing

Era il 2005 quando Procter & Gamble parlò per la prima volta di “First Moment of Truth“, l’istante in cui l’acquirente davanti agli scaffali prende la decisione d’acquisto.

Il tempo per gli acquirenti di farsi un’idea del prodotto sugli scaffali è quantificabile tra i 3 e i 7 secondi. Il First Moment of Truth è appunto questo lasso di tempo, ed è considerato una delle più importanti opportunità di marketing per un brand.

Il “Second Moment of Truth” segue l’acquisto. E’ il momento in cui l’utilizzatore, che può non essere colui che ha acquistato il prodotto, prova il prodotto per la prima volta.

Seguendo le orme di P&G, Google ha introdotto lo “Zero Moment of Truth“: Oggi l’acquirente si fa un’idea di ciò che desidera acquistare molto prima di raggiungere lo scaffale; ricerca attraverso blog e recensioni, segue i consigli degli amici sui social network e alla fine esce a fare shopping più consapevole e informato.

Questa nuovo momento di verità è analizzato in un colorato e-book scaricabile gratuitamente scritto dal Managing Director US Jim Lecinski, con una prefazione dell’esperta Dina Howell, global CEO della Saatchi & Saatchi X.

Il primo e secondo momento di verità sono importanti oggi come allora, ma il momento Zero è centrale per i brand. L’avventura del pre acquisto è molto di più che un confronto fra informazioni, è anche emozionale e relazionale: “Gli acquirenti oggi desiderano sempre più scoprire quanto i prodotti possano migliorare le proprie vite”

Tutti questi momenti di verità – ZMOT, FMOT, SMOT –sono diverse sfaccettature di un’unica grande verità del marketing: il cliente ha il controllo, o come afferma il CEO di P&G Lafley: “E’ il capo”.

Ecco 7 consigli di Lecinski alle aziende per vincere nello “Zero Moment of Truth”

1. Metti qualcuno a comandare

Se non ce l’hai ancora, occorre trovare uno ZMOT “Evangelist” ad ogni meeting!

2. Cerca i tuoi “momenti zero”

Scopri esattamente come le persone cercano il tuo prodotto. Dove vanno? Di chi si fidano per le informazioni?

3. Rispondi alle domande

Non puoi incontrare la gente nel momento zero se non fornisci loro le informazioni, come e quando le desiderano.

4. Ottimizza per lo ZMOT

Mostra di più quando conta, rendendo i tuoi contenuti super rilevanti, rimanendo dove hai bisogno di essere.

5. Sii veloce!

Cerca di scoprire quando una persona sta facendo una ricerca sul tuo prodotto, e capitalizza velocemente quel momento.

6. Non dimenticare i Video

SISOMO insegna!Fallo anche tu.

7. Buttati dentro!

Le emozioni portano all’azione. Fai succedere qualcosa!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?