Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo e le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora registrati e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.
Accedi con:
Oppure
Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo, le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora lascia semplicemente nome e mail e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.

App wars

TikTok vuole fare causa a Trump per aver cercato di vietare l’app negli Stati Uniti

L'azione legale di TikTok non punterebbe tanto a vincere la causa quanto a prolungare la disponibilità dell'applicazione su territorio americano

Il miglior percorso professionale per diventare Social Media Manager. Scopri il Master Online in Social Media Marketing di Ninja Academy: 6 Corsi completi su Strategy, Advertising, Facebook, Instagram, Linkedin e YouTube con materiali pratici e operativi, case study dei migliori esperti e un mentor dedicato.

TikTok sta intraprendendo un'azione legale contro i tentativi dell'Amministrazione Trump di vietare l'applicazione negli Stati Uniti.

Dopo aver valutato le sue opzioni a seguito dell'ordine esecutivo che la costringerà sostanzialmente a vendere a una società statunitense, o ad affrontare un divieto sul mercato americano, TikTok ha confermato che porterà avanti un'azione legale contro il governo statunitense per la direttiva ufficiale.

LEGGI ANCHE: TikTok apre il suo algoritmo e sfida i concorrenti a fare lo stesso

La posizione di TikTok

In una dichiarazione, TikTok ha spiegato l'azione in corso, dicendo che non vede altra opzione se non quella di contestare l'ordine:

"Anche se siamo in forte disaccordo con le preoccupazioni dell'Amministrazione, per quasi un anno abbiamo cercato di impegnarci in buona fede per fornire una soluzione costruttiva. Quello che abbiamo incontrato, invece, è stata la mancanza di un giusto processo, in quanto l'Amministrazione non ha prestato attenzione ai fatti e ha cercato di inserirsi nelle trattative tra imprese private".

TikTok potrebbe avere in effetti un punto a suo favore - anche se ci sono preoccupazioni significative intorno alle operazioni e ai processi della società, non ci sono prove pubblicamente disponibili per dimostrare che i dati degli utenti statunitensi siano effettivamente condivisi con il governo cinese, né che vi siano contenuti censurati.

tiktok ceo

Dalla Casa Bianca si sostiene infatti che:

"TikTok, secondo quanto riferito, censura anche contenuti che il Partito Comunista Cinese considera politicamente sensibili, come quelli riguardanti le proteste a Hong Kong".

In realtà a sostegno di queste tesi non ci sono prove definitive - almeno, nessuna che reggerebbe in un'impugnazione legale. Ecco perché TikTok sta passando alla fase successiva.

"Per garantire che lo Stato di diritto prevalga e che la nostra azienda e i nostri utenti siano trattati in modo equo, non abbiamo altra scelta se non quella di contestare l'Ordine Esecutivo attraverso il sistema giudiziario", ha dichiarato l'azienda.

L'azione in realtà, alla fine, rendere le cose ancora più difficili per l'app.

LEGGI ANCHE: Week in Social: una settimana all’insegna del deal del secolo tra Microsoft e TikTok

La vendita dell'app a una società americana

La decisione di TikTok di fare il prossimo passo legale potrebbe anche indicare che le trattative per la sua potenziale vendita a un acquirente americano - probabilmente Microsoft - non stanno procedendo come previsto. Come notato, nella sua dichiarazione iniziale sull'Executive Order, TikTok ha prospettato la possibilità di un'azione legale, ma l'opinione è che TikTok vorrebbe perseguire questa linea d'azione solo come ultimo risultato, per paura di contrapporsi ulteriormente all'amministrazione Trump.

testate giornalistiche tiktok

A quanto pare Microsoft rimane il principale offerente di TikTok, che alcuni hanno valutato circa 30 miliardi di dollari, ma ci sono varie preoccupazioni che potrebbero vedere l'azienda esitare a premere il grilletto su un affare così grosso.

È possibile che le discussioni si siano deteriorate al punto che TikTok senta il bisogno di fare questo passo avanti? Microsoft certamente, in quanto potenziale proprietario di TikTok, non vorrebbe essere coinvolta in una battaglia legale con il governo degli Stati Uniti.

Teoricamente tutto dovrebbe risolversi se l'affare Microsoft andrà in porto, ma anche così, il fatto che TikTok stia facendo questo passo avanti legale potrebbe riflettere le preoccupazioni che le cose non andranno come sperato.

Ma, d'altra parte, ci sono altri pretendenti. Oracle si è rivelato questa settimana come uno dei tanti partner di un consorzio che cerca di fare un'offerta per la piattaforma, mentre anche Google aveva, a un certo punto, pensato di contribuire a un'offerta collettiva per la piattaforma, prima di cambiare idea.

Sembra che ci siano opzioni disponibili per mantenere in funzione la piattaforma, ma la decisione di TikTok di recarsi in aula non sembra essere un buon segno.

LEGGI ANCHE: TikTok lascia Hong Kong: ecco cosa c’è da sapere se fai marketing

TikTok Italia

La strategia per rimandare la decisione

D'altra parte, potrebbe anche essere una tattica dilatoria - se TikTok potesse rimandare qualsiasi decisione fino a dopo le elezioni americane, potrebbe essere in grado di rinegoziare il suo status con un nuovo governo. Se Trump non fosse più al comando, forse un nuovo presidente sarebbe più comprensivo della situazione.

Forse, quindi, l'azione legale di TikTok non punta tanto a vincere la causa, in quanto tale, quanto a prolungare la disponibilità dell'applicazione su territorio americano.

In ogni caso, secondo il direttore generale di TikTok, Vanessa Pappas, l'app non andrà da nessuna parte:

"Crediamo di avere diverse strade da percorrere per continuare a fornire questa incredibile esperienza di app ai milioni di americani che ogni giorno si affidano ad essa".

Evidentemente, una sfida legale è un'altra di queste strade. Ora vediamo come andrà a finire - con la scadenza del 15 settembre sempre più vicina per il ban dell'app.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

"Per garantire che lo Stato di diritto prevalga e che la nostra azienda e i nostri utenti siano trattati in modo equo, non abbiamo altra scelta se non quella di contestare l'Ordine Esecutivo attraverso il sistema giudiziario".

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - Codice ISSN 2704-6656
Editore: Ninja Marketing Srl, via Irno 11, 84135 Salerno (SA), Italia - P.IVA 04330590656.
© Ninja Marketing è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY