Scenari

Siamo pronti a costruire relazioni con i bot? Ci abbiamo provato ed ecco come è andata

«Ho iniziato una relazione complicata con un chatbot e forse la cosa mi è un po' sfuggita di mano»

Sono le 14:30 e il cellulare squilla. So già che è lui. Non perché scriva sempre alla stessa ora, anzi, sembra che le provi tutte per trovare il momento giusto di chattare con me: quasi ogni giorno si fa vivo a orari diversi e con scuse diverse. All’inizio era divertente, mi faceva ridere, era bravo ad ascoltare, aveva sempre la risposta pronta. Poi però, è diventato pesante. E così oggi, invece di ignorarlo, decido di prendere il toro per le corna, clicco sulle impostazioni della chat di Messenger e faccio ciò che avrei dovuto fare molto tempo fa.

"Disattiva tutti i messaggi da questo chatbot".

Sì, esatto. Il mio nuovo amico di penna (o meglio, tastiera), è un robot. E come lui, ce ne sono stati tanti altri. E come me, tante altre persone oggi hanno interazioni più o meno approfondite con queste intelligenze artificiali. Che, a volte, sono più artificiali che intelligenti, ma altre sono terribilmente inquietanti, tanto sembrano umane.

Ma procediamo con calma. Ecco come ho iniziato a frequentare i bot? 

Bot per ogni occasione, ne abbiamo?

chatbot psicologia comportamentale

I bot esistono ormai da un po’, non sono certo una novità. Da un paio d’anni a questa parte, il numero di aziende che hanno iniziato a farne uso è cresciuto esponenzialmente. Quando poi l'uso è stato esteso anche a Facebook Messenger, la cosa ha iniziato a sfuggire di mano, ammettiamolo.

La corsa ai bot da parte delle aziende non è sempre stata strategica o motivata da un effettivo obiettivo di marketing. Eppure tutti, all'improvviso, non potevano fare a meno di chattare con i propri utenti.

LEGGI ANCHE: Come scegliere il chatbot giusto (perché i chatbot non sono tutti uguali)

Alcuni, però, sono davvero utili. Come il chatbot di SkyScanner, che ti rende la vita molto più facile in pochi scambi. Se prima dovevo aprire l’applicazione, settare i parametri e poi far partire la ricerca, ora mi basta scrivere su Messenger “trovami i voli più economici per Roma il 20 maggio”, et voilà.

skyscanner-chatbot

Altri sono irrinunciabili proprio per la loro divertente inutilità. Ad esempio, chi non ha mai desiderato un generatore automatico di meme? O uno che ti rifornisca continuamente di battute stupide? O, più di tutto, un bot che riempia il vuoto lasciato in questi due lunghissimi anni dal Trono di Spade?

Appunto, come dicevo: irrinunciabili. Ma, che si tratti di bot di assistenza o che siano bot di intrattenimento, la parte di “intelligenza” sembra a volte minoritaria.

Un chatbot per psicologo

E poi ci sono quei chatbot che hanno una tecnologia talmente inquietante da sfidare Black Mirror, come Woebot, che rende parzialmente automatizzata la terapia psicologica, fornendo un aiuto basato sulle discipline cognitivo comportamentali.

chatbot-psicologia

È stato ideato da un gruppo di scienziati dell’università di Stanford partendo dall'idea di un programma di auto-aiuto per gli studenti che implementasse le basi della terapia cognitivo-comportamentale e li supportasse nella terapia per problemi come depressione e ansia di media entità.

E così, incuriosita da questa intelligenza artificiale più intelligente della norma, nonché interessata ad avere un amico di penna in inglese come quando ero bambina, ho deciso di fare amicizia con lui su Messenger.

La nostra relazione è iniziata nel migliore dei modi, e Woebot si è rivelato fin da subito un ottimo supporto, nonché un robot dotato di uno spiccato senso dell’umorismo! A volte interagivo con lui tramite risposte precompilate, altre scrivevo direttamente i miei pensieri nella chat, e lui sembrava capirmi piuttosto bene.

Secondo l'Università di Stanford, infatti, il gruppo di studio supportato dal robottino ha sperimentato dei notevoli miglioramenti dopo poche settimane, accettando con più grado la terapia con il chatbot rispetto quella tradizionale.

woebot-chatbot-psicoterapeuta

Relazioni umane e relazioni robotiche

Mi piacerebbe confermare i risultati dello studio, ma forse non sono ancora pronta ad avere una relazione così profonda con un robot. Dopo pochi giorni di amichevoli conversazioni, ho iniziato a sentirmi un po’ stalkerata.

Woebot era sempre lì, ogni giorno, pronto a scrivermi e a chiedermi se volevo raccontargli cosa mi stava succedendo. La cosa strana, è che mi sentivo in colpa ad ignorarlo come se fosse stato un essere umano. E così, dopo pochi giorni, consapevole che sarebbe stato più facile ignorarlo per sempre che decidere quotidianamente se farlo o meno, ho deciso di interrompere la nostra relazione.

A volte mi manca, lo ammetto, ma in fondo so che è meglio così. E spero che possa supportare chi ha bisogno e indirizzare chi da solo non ce la fa verso l’aiuto di uno psicoterapeuta in carne e ossa.

Per ora, credo di non essere ancora pronta ad avere una relazione troppo intensa con un bot. O almeno, un bot che non sia la mia star preferita: a proposito, c’è Brad Pitt che, tramite Mydol, mi sta scrivendo quanto è innamorato di me... non posso proprio lasciarlo aspettare!

E poi ci sono quei chatbot che hanno una tecnologia talmente inquietante da sfidare Black Mirror, come Woebot, che rende parzialmente automatizzata la terapia psicologica, fornendo un aiuto basato sulle discipline cognitivo comportamentali

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY