Design

Per lavorare da casa comincia progettando il tuo nuovo ufficio

Lavorare da remoto non è facile come sembra, è molto importante, infatti, progettare adeguatamente anche gli spazi

Andrea Zucchiatti 

Copywriter and Marketing Assistant

Lavorare da casa non è per tutti. L'immagine del manager o dell'impiegato che fa le skype call seduto al tavolo in soggiorno in giacca e cravatta senza pantaloni non è, infatti, molto veritiera. Anche se le nuove modalità di smart working possono essere molto soddisfacenti e aprire tante opportunità, non sempre è tutto oro ciò che luccica.

LEGGI ANCHE: Lavorare da casa è meglio? No se non hai la personalità e le skills giuste

Tuttavia, lavorare da casa sta diventando sempre più comune, perché tra i benefici c'è una grande flessibilità per i lavoratori, specialmente se si parla di equilibrio lavoro-vita privata.

Come la mettiamo, quindi, se parliamo di spazi dedicati al lavoro? Mentre un ufficio è sicuramente predisposto a ospitare un lavoratore, mettendolo a suo agio nell'attività che dovrà svolgere, in casa non è sempre possibile ritrovare tutti i vantaggi offerti dall'ufficio. Ecco perché è utile sapere come arredare la propria casa e quali soluzioni adottare per lavorare efficacemente da remoto?

lavorare da casa

Esempi di design per chi lavora da casa

Anna Yudina, cofondatrice di Monitor Magazine, ha affrontato questi argomenti nel suo nuovo libro Homework: design solutions for working from home. Il volume contiene un insieme di progetti che rivelano come si possano trasformare anche piccoli appartamenti in luoghi di lavoro, direttamente dal letto alla scrivania.

Non sempre è facile fare tutto questo: «le persone fronteggiano diverse situazioni alle quali devono adattare il loro posto di lavoro» dice Yudina. «Alcune volte bisogna trovare un equilibrio anche con i bambini che girano per case, altre volte si ha uno spazio molto ridotto in cui trovare un modo per organizzarsi in base a differenti momenti del giorno e situazioni spcifiche. Tutto questo ha a che fare con il trovare lo scenario giusto nel momento e nello spazio giusto, attraverso il buon design».

Homework, libro

Soluzioni time-based: flessibilità nel progettare gli spazi

Una prima utile distinzione è quella tra design time-based e space-based.

Il primo fa riferimento a soluzioni come muri e arredi "mobili", in grado di trasformare interamente uno spazio tra i momenti di svago e quelli lavorativi.

Un esempio potrebbe essere il progetto dell'architetto di New York Michael K. Chen: un unico muro semovibile trasforma uno spazio di 35 metri quadri da salotto/studio dove lavorare, in una camera da letto. Un modo per tenere il proprio lavoro separato dal resto della propria vita.

Michael K. Chen

O ancora, potremmo rivolgerci al modello di appartamento-studio progettato dagli Spheron Architects di Londra, in cui vengono nascosti cucina e letto da due blocchi di legno mobili rispettivamente posti alle estremità opposte della stanza, dando così la possibilità di creare uno spazio dove lavorare in totale libertà.

Per chi lavora da casa, diventa fondamentale creare un contesto e un'atmosfera in cui potersi concentrare sulle proprie attività, senza le classiche distrazioni causate dall'ambiente domestico.

homework-libro-design-lavoraredaremoto4

Fonte: Dezeen

LEGGI ANCHE: Come spiegare a tua madre che quando sei col pc sul divano stai lavorando

Soluzioni space-based: dinamismo su più livelli

Le soluzioni space-based sono più permanenti: utilizzano l'intero spazio di un appartamento, sia verticalmente che orizzontalmente.

Il Domino Loft di San Francisco, progettato dagli architetti Peter Suen e Charles Irby, ne è un chiaro esempio. Un singolo componente d'arredo può essere considerato contemporaneamente come tavolo da cucina, guardaroba, stanza da letto, letto degli ospiti e, naturalmente, spazio di lavoro. Una specie di letto a castello, ma un po' più evoluto.

homework-libro-design-lavoraredaremoto6Fonte: Dezeen

Un altro esempio è l'appartamento di Hong Kong progettato da Jaak Design. Uno spazio di circa 30 metri quadri viene diviso da un mobile su misura che include una piccola cucina, un bagno, una postazione di lavoro e il letto. Il letto e la scrivania sono connessi attraverso un'apertura nel mobile per conferire un senso di connessione mediante lo spazio, che però può essere chiusa quando si ha bisogno di lavorare fino a tardi.

LEGGI ANCHE: Smart working: le app e i tips per il lavoro agile

Domino LoftFonte: archello

Gli svantaggi di un ufficio in casa

Tante soluzioni, insomma, ma anche alcuni svantaggi. Un aspetto che potrebbe essere criticato in queste soluzioni, ad esempio, è proprio la mancanza di separazione tra l'ambiente notte e quello in cui si lavora. La stessa Yudina è particolarmente attratta dai progetti che separano visivamente questi due diversi spazi: «La semplice idea di muovere un muro e chiudere la camera da letto quando non ti serve, visivamente mette ordine mentale e porta probabilmente a una maggiore concentrazione», ha dichiarato l'autrice del libro.

Lavorando da casa, nel suo appartamento a Parigi, descrive il suo ambiente di lavoro come «un grande tavolo bianco che si affaccia su una vetrina gigante», che le consente di stabilire una grande connessione con il mondo esterno. E, cosa molto importante, da lì non riesce a vedere il suo letto: «l'altra parte della mia vita è dietro di me, non sono distratta da "me stessa"».

La semplice idea di muovere un muro e chiudere la camera da letto quando non ti serve, visivamente mette ordine mentale e porta probabilmente a una maggiore concentrazione - Anna Yudina

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy