Tech

Ray Kurzweil di Google e la sua profezia: nel 2045 saremo tutti uomini-macchina

Ray Kurzweil, lo scienziato di Google, prevede che nel 2045 gli esseri umani saranno "ibridi"

Gloria Esposito 

Web/SEO copywriter, SEM Specialist

Capita spesso, di questi tempi, che alcuni si lancino in elucubrazioni poco attendibili, per ottenere un po’ di notorietà  o magari per ridurre fenomeni complessi a sintesi fin troppo approssimative, trovando certezze laddove non ve ne sono. Ray Kurzweil, però, non è fra questi: scienziato di Google, guru e uno dei più grandi informatici e inventori viventi quando ha immaginato il futuro l’ha sempre fatto con una precisione fuori dal comune.

Dagli anni '90, infatti, il futurologo ha lanciato 147 profezie di cui l’86% di queste si è avverato; ciò che resta, comunque, "non è sbagliato, deve soltanto ancora avvenire", quindi sarebbe solo una questione di tempo e il risultato sarebbe ancora più eccezionale.

La teoria della singolarità tecnologica e il sorpasso dell’ I. A. sull’intelligenza umana

Ray Kurzweil ha annunciato, durante la SXSW Conference tenutasi in Texas, un’agghiacciante futuro possibile: molto presto la tecnologia (in particolare l’A.I.) diventerà più intelligente degli esseri umani, per cui i progressi saranno sempre più serrati e straordinari e l’umanità non potrà più seguirli, restando fuori dal processo.

Abstract techno end environmental backgrounds for your design

LEGGI ANCHE: Lavoro, chi ha paura di robot e automazione?

Nel suo libro “The singularity is near”, Ray Kurweil scrive:

“il 2045 segnerà il passaggio dall’intelligenza biologica che conosciamo oggi ad una combinazione di intelligenza biologica e artificiale.”

Ciò vorrebbe dire che tra meno di 30 anni si entrerà in quella che lui stesso definisce la V epoca di sviluppo della storia evolutiva dell’umanità.

Gli esseri umani diventeranno quindi degli "ibridi": le nostre menti saranno legate, tramite degli impianti di nanorobotica che rappresenteranno il neural lace diretto tra cervello umano e computer,  a un grande magazzino online di dati potenzialmente infiniti;  secondo Ray Kurweilche sembra essere molto ottimista riguardo a questo prossimo futuro, 

“le capacità cerebrali degli esseri umani verranno moltiplicate miliardi di volte rispetto alle originarie potenzialità biologiche.”

Si tratterà quindi di progresso della civiltà o piuttosto di un’involuzione del genere umano a favore di una nuova intelligenza?

Ai posteri (molto prossimi) l’ardua sentenza.

Ray Kurzweil, lo scienziato di Google, prevede che nel 2045 gli esseri umani saranno "ibridi".

Scritto da

Gloria Esposito 

Web/SEO copywriter, SEM Specialist

Appassionata di scrittura, web/SEO copywriting e Google Adwords, sono laureata in Economia e giornalista pubblicista.

Condividi questo articolo


Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy