Social media

Dipendenza da Social: sei un iGen anche tu?

Hai sempre il cellulare in mano e scorrere la home dei tuoi social preferiti ti appaga? Leggici e scopri se fai parte della iGen!

Facci indovinare: soffri di dipendenza da social.

E sai come lo sappiamo? Non lo sappiamo, ma lo immaginiamo e con buona probabilità abbiamo ragione.

Social victim

Ti è certamente capitato, almeno una volta nella vita, di entrare su Facebook dal tuo smartphone mentre lo avevi già aperto davanti agli occhi, sullo schermo del pc. Si tratta di un fenomeno piuttosto comune e denota quanto sia diventato abitudinario il gesto di entrare a curiosare nei social quando si ha un attimo di tempo.

LEGGI ANCHE: 15 motivi per i quali la dipendenza da smartphone è pericolosa

Lo facciamo al volante, in bagno, qualcuno persino mentre si fa la doccia. Lo facciamo a letto, per strada, sui mezzi pubblici e nelle sale d’attesa o in coda alla posta o in banca. Ovunque, quando ne abbiamo la possibilità (e talvolta anche quando in teoria non l’avremmo) tiriamo fuori il cellulare e clicchiamo sulle icone dei nostri social network preferiti.

dipendenza_da_social_sei_un_igen_anche_tu_1

Siamo “social addicted”. Siamo dipendenti da qualcosa che ci dà piacere e tormento al tempo stesso. Scrollare la home di Facebook o quella di Instagram, non sempre è per ingannare il tempo: a volte è per solitudine, altre per ficcanasare nelle vite altrui, altre ancora per invidia. Questo non fa bene e ci porta ad allontanarci sempre di più dal contatto umano.

LEGGI ANCHE: Dipendenza da internet, 8 sintomi per riconoscerla

Perché ci piace tanto?

Secondo l’imprenditore Ben Angel, il nostro continuo bisogno di prendere in mano il telefono è la conseguenza della “ricompensa” ottenuta nel farlo. Ogni interazione positiva che le persone hanno con un nostro post o una nostra condivisione, ci fa sentire appagati. Questa piacevole sensazione diventa un ghiotto pasto per il nostro cervello e lui la ricerca sempre più spesso.

dipendenza_da_social_sei_un_igen_anche_tu_2

Questa tecnologia ci distrugge?

Un interessante articolo di Jean M. Twenge, docente di psicologia all’Università di San Diego, ha affrontato la tematica da un punto di vista più allarmante, quello della distruzione di un’intera generazione.

Lo studio di Twenge parte infatti dall’analisi dei comportamenti della iGen, la generazione dei nati tra il 1996 e il 2012. I ragazzi della iGen non hanno mai conosciuto il mondo senza smartphone e la maggior parte di loro ne possiede uno dagli 11 anni d’età. Si tratta di giovani che passano più tempo in solitudine col telefono in mano, che in compagnia.

dipendenza_da_social_sei_un_igen_anche_tu_3

In seguito ad alcune interviste coi diretti interessati, Twenge ha constatato come i ragazzi preferiscano sentire gli amici comodamente da casa piuttosto che uscire con loro. Inoltre, in base ai dati raccolti, pare che la ricerca dell’indipendenza da parte dei giovani abbia perso importanza.
Una delle conseguenze principali è, per esempio, il ritardo con cui viene conseguita la patente di guida, uno dei simboli di libertà per eccellenza della cultura popolare americana.

LEGGI ANCHE: Dipendenza da smartphone: la vita è Not Available on the App Store!

C’è un iGen in ognuno di noi

Ammettiamolo, non serve far parte della iGen per riconoscere di avere un rapporto vagamente morboso con i nostri dispositivi tecnologici, soprattutto con lo smartphone. Sempre più spesso, sui social, il confine tra solitudine e vanità tende ad assottigliarsi.

Dobbiamo preoccuparcene? La serie Netflix Black Mirror la dice lunga a riguardo.