Life

Non è il solito albergo: ecco il nuovo brand di AccorHotels

JO&JOE è una forma di ospitalità innovativa pensata per i viaggiatori di domani

Mariagrazia Repola

contributor

    Siete alla ricerca di un albergo che vada oltre i soliti schemi dell’ospitalità tradizionale? Allora segnate questo nome: JO&JOE. 

    Uno spazio living dal design rivoluzionario che punta a trasformare il futuro della ricettività, della ristorazione e dell’interazione sociale, puntando tutto sulla condivisione, la spontaneità e l’esperienza, per favorire la vita comunitaria. È risultato della collaborazione con Penson, studio di design britannico che precedentemente ha curato l’estetica visionaria di Google, YouTube, Playstation e la torre Lotte World ed ora ha studiato una sorta di casa aperta e innovativa che accoglie sia i townsters, ossia le persone che vivono nei dintorni della città, sia i tripster, cioè chi si trova in città per visitarla.

    Le persone del luogo e i visitatori, dispongono di diverse aree comuni e possono svolgere molte attività insieme, come concerti, corsi di yoga e laboratori fai-da- te.

    co-living psfk.com

    Questo concept coniuga il tradizionale hotel all’ostello ed all’appartamento in affitto. Le soluzioni per dormire sono molteplici: Together è una zona notte condivisa ma separata da spazi modulari, che ricorda la classica camera dell’ostello ma non compromette la propria privacy; Yours, stanze ed appartamenti, per 2/5 persone, con bagno privato e uno spazio cucina; OOO! (Out Of the Ordinary) offre alloggio per persone che viaggiano da sole o in gruppi che possono arrivare fino a sei persone ed è piena di sorprese, come camper, tende ed amache.

    co-living psfk.com

    co-living psfk.com

    co-living psfk.com

    La cucina è aperta a tutti, con piatti locali a prezzi convenienti ed offre agli ospiti la possibilità di mettere alla prova il proprio talento culinario, mentre Happy House è l’area privata dove i tutti possono rilassarsi, lavorare, cucinare o fare il bucato, proprio come a casa propria.

    co-living psfk.com

    Ovviamente non può mancare l’app, realizzata in collaborazione con il Marketing Innovation Lab e gli studenti della Webschool Factory di Parigi. Entro il 2020, il gruppo aprirà 50 alberghi tra Bangkok, Varsavia, Budapest, Rio de Janeiro, San Paolo, Parigi e Bordeaux che saranno ubicati vicino ai mezzi di trasporto e nelle vicinanze di posti turistici.

    Che facciamo, prenotiamo?

    Scritto da

    Mariagrazia Repola

    contributor

    Laureata in Comunicazione Digitale e in Lettere, amante dell'arte, la fotografia, il cinema e le serie tv. Lettrice incallita. Animo rock'n'roll. Appassionata di marketing, ... continua

      Condividi questo articolo


      Segui Mariagrazia Repola .

      Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it