Mobile Marketing

Le tecnologie chiave per le app del futuro

Dal riconoscimento vocale alla biometrica: le tendenze tech per il mobile marketing

La crescita dell’utilizzo del Mobile per navigare in internet negli ultimi anni è stata esponenziale, ed esponenziale è stato lo sviluppo delle app e delle strategie di mobile marketing.

Ogni giorno leggiamo su internet (magari proprio dal nostro smartphone) notizie di nuove app, di aggiornamenti epocali dei social più seguiti, ed è difficile anche dire come sarà internet, e di conseguenza come sarà il mondo, nei prossimi anni.

Quello che possiamo fare è tracciare, sulla base delle strategie di mobile marketing che si stanno affermando nell’ultimo periodo, quali saranno i trend che traineranno il settore e sui quali investire di più nel 2017 se avete intenzione di sviluppare o aggiornare la vostra App.

Riconoscimento Vocale

riconoscimento vocale

Lo smartphone è fondamentale nella vita di ognuno di noi, così come vitale è la comunicazione. Poter comunicare con il proprio smartphone diventa allora centrale nelle strategie di mobile marketing del prossimo futuro. Tanto più che una recente di indagine di Speak Easy dimostra come la relazione intima fra uomo e macchina riguarderebbe ben il 36% degli utenti, vale a dire all’incirca 1 persona su 3 è innamorata di “Siri” e simili.

Inoltre, la possibilità di interagire con la propria app la renderebbe fruibile in diverse occasioni: alla guida della propria auto ad esempio o per lavorare in multitasking come fosse una segretaria personale in grado di tramutare in testo (senza errori) le annotazioni vocali, organizzare l’agenda, etc etc.

Biometrica

biometrics

In un mondo in cui i confini della privacy si stanno lentamente sgretolando, anche la sicurezza dei dati personali ha la sua grande importanza. Per chi non possiede smartphone con sistemi di riconoscimento digitale o visivo, si stanno sviluppando molte app che utilizzano tecniche biometriche per la protezione dei dati sensibili.

Le tecniche biometriche di identificazione sono infatti finalizzate a identificare un individuo sulla base delle sue peculiari caratteristiche fisiologiche o comportamentali, difficili da alterare o simulare, e sono fondamentali per la sicurezza dei propri smartphone.

Ad esempio, una delle app più quotate è CM Locker Sicurezza che permette tra le altre cose di bloccare lo schermo del telefono, le app, le foto e i contatti per proteggere la privacy, tracciare il telefono perso o rubato, e scattare automaticamente foto degli intrusi che immettono la password sbagliata!

Utile, no?

Bluetooth 4.0/5.0

Le nuove evoluzioni del Bluetooth 4.0 e 5.0 utilizzano molta meno batteria rispetto al passato e pertanto garantiscono un utilizzo migliore e più duraturo dei sistemi collegati tramite lo smartphone.

Inoltre, con la presenza sempre più forte della Domotica ( e Jarvis di Facebook ne è una prova lampante) nelle nostre case, grazie al Bluetooth sarà possibile comandare quasi tutti gli apparecchi tramite lo smartphone, quindi in fase di programmazione della vostra nuova App, non dimenticatevi del Bluetooth: il mondo è sempre più connesso!

Realtà aumentata

digital-marketing-la-sfida-dei-brand-ai-top-trend-2017

Vi ricordate di Pokemon Go? L’app-gioco che ha fatto letteralmente impazzire milioni di utenti la scorsa estate e che ha popolato la realtà virtuale di simpatici animaletti dai nomi bizzarri?

Quello che ne è rimasto, oltre a qualche fan accanito, è l’idea di poter far interagire i nostri smartphone con la realtà che ci circonda creando una quarta dimensione, quella virtuale, con la quale confrontarsi anche con intenti più divulgativi o commerciali che la mera conquista di un Pokemon.

La dimensione virtuale potrà aumentare sensibilmente la mobile user experience dei vostri clienti, dando loro maggiori opportunità di conoscere prodotti e servizi. Non sottovalutate questa opportunità!

Domotica e Internet of Things

google-home_burger king

Ne abbiamo parlato prima, il futuro è la connessione totale tra tutti gli apparecchi della nostra vita e noi stessi. Facebook sta lavorando negli ultimi anni allo sviluppo di Jarvis, un assistente per la casa in grado di soddisfare le tue richieste e aiutarti nella gestione quotidiana.

Apple ha lanciato sul mercato nel 2016 HomeKit, un’app che permette di mettere in comunicazione i vari devices presenti in casa con il proprio smartphone, e anche Google ha annunciato il suo Brillo da pochi mesi.

Project Brillo è una vera e propria versione di Android che, nei piani di Big G, dovrebbe fornire una piattaforma operativa ai miliardi di oggetti smart che nei prossimi anni dovrebbero affollare la nostra vita.

Realtà Virtuale

realtà virtuale

La realtà virtuale è un altro dei pilastri su cui si baseranno le strategie di marketing del futuro.  Tra le applicazioni più immediate per la realtà virtuale troviamo sicuramente il gaming dove sarà possibile interagire anche fisicamente con l’ambiente virtuale e il turismo, per far vivere esperienze immersive ai viaggiatori “virtuali” invogliandoli a conoscere fisicamente le bellezze di un paesaggio o i sapori e gli odori di una terra.

Tutti i player più importanti stanno lavorando alacremente sulla Virtual Reality.  Google, dopo aver accantonato il progetto dei suoi Glass (ma sono certo che ne risentiremo parlare molto presto) ha puntato su Cardboard.

L’app Cardboard ufficiale è il primo passo verso la realtà virtuale da smartphone Android o iPhone. Cardboard permette di utilizzare qualsiasi visore compatibile con tutte le app per Cardboard disponibili e comprende una vasta serie di demo immersive tra cui ad esempio un Live a 360° del concerto di Paul McCartney.

La cosa pazzesca di Cardboard è che è possibile costruirsi il visore Compatibile anche da soli!

Stay tuned perché ne vedremo veramente delle belle!