Advertising

Project Loveday: la campagna di Tesla basata sul suggerimento di una bambina

Dallo zero advertising al quasi-zero advertising budget

Carol Frer

Insights * Brand * Comms

Rullo di tamburi… Il momento che stavamo aspettando è arrivato: anche Tesla farà pubblicità e lo farà – a sorpresa- grazie al suggerimento di una bambina.

Dopo aver fatto parlare di sé per la politica dello zero advertising, Elon Musk, CEO della società, si è convinto ad attivare una campagna, ma anziché aprire le porte alle grandi agenzie di advertising sta chiedendo ai propri fan di aiutarli inviando i propri video “fatti in casa”.

La lovely favola di Bria Loveday

Dopo Lego e Google, un altro super-brand prende a cuore le lettere dei piccoli fans, e lo fa con una marcia in più, addirittura integrando il suggerimento nel proprio marketing plan!
La “leggenda” vuole che la piccola Bria Loveday abbia scritto una lettera per suggerire di utilizzare i video creati da fan e utenti di Tesla, per produrre una campagna pubblicitaria

Ecco il passaggio più interessante:

“…Ho notato che non fate pubblicità, ma molte persone fanno video home-made per Tesla e alcuni sono davvero belli, sembrano professionali e intrattengono. Quindi penso che dovreste fare un concorso per decidere chi sa creare il migliore video pubblicitario e i vincitori vedranno il proprio video on air. La cosa forte è che voi non dovrete nemmeno spendere tempo e denaro per fare pubblicità a voi stessi. Inoltre i vostri clienti e fan saranno certamente entusiasti di questa idea…”

A cui lo stesso Musk avrebbe risposto con entusiasmo:

“Grazie per la tua lettera adorabile. Sembra un’ottima idea. Lo faremo!”

Non temete, la piccola Bria ha ricevuto anche il merchandising richiesto, anzi, non solo la T-shirt ma il set completo!

Bria Loveday

Merchandising Tesla

 

Come dimostra la sua lettera di ringraziamento:

Project loveday campagna tesla

È stato proprio forte ricevere l’attenzione di così tante persone, ma è stato anche tanto stancante. Non so come facciano le persone famose. Sono entusiasta del concorso e non vedo l’ora di scoprire i dettagli e il vincitore! Tesla mi ha inviato un intero pacco di cose, anche se io mi aspettavo solo una t-shirt. Ho ricevuto 2 t-shirt, una borraccia, una giacca, una felpa con cappuccio, un marsupio, un modellino della Tesla Modello S, ma che non ha il pilota automatico. Mi piacerebbe che un giorno una vera Tesla mi guidasse e mi portasse in giro. Mi sono data come obiettivo che un giorno verrò lì, visiterò la Giga Factory e andrò in Tesla.  Ora che io e Elon siamo amici, sono sicura che ci incontreremo quando sarò grande.

Grazie Elon!

La tua amica, Bria Loveday

LEGGI ANCHE: Fanta: “Per la strategia 2017 abbiamo assunto un Teen Marketing Officer”

Project Loveday, un progetto di advertising crowdsourced

La lettera iniziale appare sospettosamente ben congegnata per essere stata prodotta da una bambina di soli 10 anni, ma anche nel caso in cui fosse stata creata a tavolino dai marketer di Tesla poco importa. La grande novità è che con questo progetto Tesla farebbe un primo passo verso l’advertising e lo farebbe coinvolgendo ancora una volta il pubblico utilizzando video crowdsourced.

Una win-win situation. Grazie a Project Loveday il brand di auto elettriche potrebbe in un colpo solo ottenere moltissimi contenuti da utilizzare per le proprie campagne di engagement ad un costo irrisorio.

Il procedimento è semplice, basta creare il proprio contenuto video di massimo 90 secondi, caricarlo su una piattaforma video e condividere la URL con Tesla. Le 10 migliori proposte verranno condivise sui canali social di Tesla e il fan che produrrà il video riceverà inoltre un invito per due persone al lancio del prossimo modello di Tesla (spese di viaggio e alloggio “ragionevoli” verranno pagate dal brand).

 

Project Loveday Tesla submit

 

Qualcuno forse storcerà il naso di fronte all’entità dei premi, ma se la cosa non vi spaventa e volete sfruttare la chance di dare il vostro contributo alla storia del mitico brand, allora potete partecipare cliccando qui, avete tempo fino all’8 maggio per partecipare!