Facebook

Cosa vorremmo da Facebook nel 2016

Quali sono le features che potrebbero aiutarci nel nostro lavoro sui social media?

Impara le strategie e gli strumenti per il Social Media Management. Scopri il Master in Social Media Marketing, Formula Online + Aula pratica (opzionale) a Milano e Roma di Ninja Academy.

Facebook è uno strumento potentissimo, sia per le relazioni sociali che per le strategie di web-marketing… ma non è un prodotto perfetto! Ci sono alcune migliorie che potrebbero facilitare e migliorare l’esperienza d’uso: siamo certi che almeno una volta ti sarai chiesto: “ma perchè su Facebook non si può fare questo?“.

Programmazione dei post

Se hai una pagina Facebook sicuramente sei a conoscenza del fatto che puoi programmare i tuoi post (testi, link, foto, video) per i giorni e le ore a venire: questa funzione è ovviamente molto comoda per la predisposizione di un calendario editoriale per la tua impresa.

Non è possibile però programmare i post sul tuo profilo privato, se non retrodatandoli. Non che sia una mancanza enorme, ma magari può venirti in mente una cosa interessante da dire, una foto da pubblicare in un determinato giorno, un link da condividere a un’ora strana. Scordatelo, devi essere attivo su Facebook e farlo al momento!

Se questa lacuna può aver senso, perchè tutto sommato il profilo privato non andrebbe usato per business (vero???), non è accettabile che un amministratore non abbia la possibilità di programmare i post nei gruppi, che sono sempre più a tutti gli effetti delle armi aziendali!

Non è possibile inoltre, per nessun tipo di account  (a meno di utilizzare piattaforme esterne di gestione) programmare ciclicamente uno stesso contenuto su diversi giorni, o con cadenza regolare (ad esempio ogni lunedì, o ogni 30 giorni).

LEGGI ANCHE: Pagine, gruppi e profili di Facebook: quali sono le caratteristiche e le differenze?

Supporto per aziende e inserzionisti

Se il tuo business si basa su una pagina Facebook, sei di certo attanagliato dall’ansia di poter avere un problema grave (ban? furto di account? esigenze di ads sensibili? verifica di una pagina?) e di rimanere invischiato nel girone dantesco delle FAQ, dei moduli preconfezionati, e delle risposte copia-incollate del supporto.

690x390-Service-TechSupportHeroFonte immagine

In giro se ne leggono tante e effettivamente il supporto diretto di Facebook alle PMI o ai piccoli-medi inserzionisti spesso lascia a desiderare, e in rete il mantra è “Eh, se spendi tanto invece Facebook ti sta a sentire!

In realtà non è sempre vero visto che c’è chi spende (o vorrebbe farlo!) decine di migliaia di euro al mese e rimane nel limbo dell’indifferenza. Oltre a un piano di investimento corposo è utile avere un’azienda solida e conosciuta alle spalle, con un buon trust, che ti consente di avere la possibilità di un contatto diretto via mail con un account manager (a volte in Italia, molto spesso all’estero). In alternativa ci vuole solo tanta fortuna!

Facebook ha dalla sua una facilità irreale di marketing entry level (basta un click e hai sponsorizzato il tuo post!), ma potrebbe far felici molti professionisti con una gestione più umana dei problemi, soprattutto quelli più gravi.

Migliorare i gruppi

Premessa: quella dei gruppi su Facebook è una storia strana. Hanno avuto un discreto successo agli albori del social network, per poi passare in secondo piano soppiantati dall’enorme visibilità che avevano le pagine.

Ora però stanno tornando di moda e possono essere una grossissima arma di marketing perchè rappresentano un rapporto molto più orizzontale tra partecipante e azienda, rispetto alla verticalità insita nel rapporto tra pagina-fan. E’ la stessa differenza che passa tra avere un portale che pubblica news, e un forum. Sono complementari!

Fonte immagine

Assodato quindi che i gruppi sono utili alle aziende, rimane il fatto che le funzionalità tecniche presenti sono totalmente inadeguate a un utilizzo aziendale. Ecco quindi cosa potrebbe essere utile:

  1. Avere la possibilità di fissare una gerarchia di permessi utente: attualmente l’unica distinzione è tra admin e membro, mentre è fondamentale aver possibilità di nominare degli editor o moderatori senza che questi abbiano la possibilità di “rubarti” il gruppo.
  2. Poter programmare i post: proprio come avviene per le pagine, sarebbe molto utile poter stilare un calendario editoriale e programmarlo per i giorni a venire.
  3. Migliorare la struttura delle discussioni: così come avviene per i forum proprietari, poter strutturare il gruppo in sotto-categorie e thread, e magari migliorare la funzione di ricerca, per rendere tutto più ordinato e fruibile sia ai membri, sia agli amministratori.
  4. Eliminare la possibilità di aggiungere gli amici senza il loro consenso: esiste qualcosa di più fastidioso, e irrispettoso della privacy?

Che ne dici? Anche tu per il 2016 vorresti questi regali da Facebook?