Visual Content Marketing: tutto ciò che devi sapere [GUEST POST]

Ecco dei semplici consigli che ti aiuteranno a creare contenuti più efficaci


Questa serie di articoli sono stati scritti in collaborazione con LikeHack, un’azienda che si occupa di content curation. Questo post è la traduzione di un articolo scritto da Brett Relander, Growth Hacker, Consultant, Speaker.

Quando si tratta di marketing digitale il contenuto rimane ancora un elemento molto importante. Al fine di ottenere risultati è diventato sempre più indispensabile integrare contenuto visivo di marketing nelle campagne.

Visual Content Marketing: perchè utilizzarlo

Se hai bisogno di una ragione per l’utilizzo del Visual Content Marketing, basta sapere che il numero di post di contenuti video è aumentato del 75% di tutto il mondo. Negli Stati Uniti, si è addirittura registrato un aumento di un sorprendente 94%. Non rappresenta, quindi, una sorpresa che il 70% dei responsabili di marketing ha dichiarato di avere in programma l’aumento di Visual Content Marketing per il prossimo anno.

Generare più risposte

Il Visul Content Marketing è in aumento ed, è innegabile che post con le immagini possono anche aiutare a generare più attenzione ed interazione. Usi Twitter? Tweets con immagini o foto possono generare fino a 150% in più di retweet rispetto a Tweet senza immagini, secondo la ricerca di Buffer. Quando si parla di Facebook, invece, post con le foto generano la maggior parte delle azioni, un impressionante 87% delle interazioni totali, come riportato da eMarketer.


LEGGI ANCHE: I consumatori non scelgono da soli, sono influenzati dai gruppi sociali [GUEST POST]

Creazione di informazioni semplici

Per i marchi che vogliono distribuire un sacco di informazioni, dati e statistiche, lo strumento migliore è: un’ infografica. Lo scorso anno il 39% dei buyer  ne ha condiviso una.

Ottenere un buon contenuto di Visual Marketing

Oltre a sapere che il contenuto di Visual Marketing è “the king” e può dare ai tuoi messaggi più esposizione, è anche importante capire come implementare correttamente questi messaggi.

  • Il Visual Content Marketing dovrebbe sempre migliorare l’esperienza degli utenti. In nessun caso il contenuto deve avere l’aspetto di un messaggio pubblicitario. Invece, dovrebbe essere integrato, perfettamente, con l’esperienza dell’utente. Il tuo approccio può variare in base alla piattaforma che utilizzi. Per esempio, l’approccio che si utilizza su Twitter potrebbe essere molto diverso dall’approccio usato su Facebook. Le differenze di ogni piattaforma possono avere un impatto significativo sui tuoi sforzi di marketing.
  • Meglio dare che ricevere. L’obiettivo di contenuti visivi dovrebbe sempre essere quello di fornire agli utenti qualcosa di valore, piuttosto che fare richieste. Tra i più diffusi tipi di Visual Content Marketing vi è il “racconto”, ma ci sono anche molte altre opzioni. Indipendentemente dal tipo di contenuto che si sceglie di utilizzare, bisogna sempre chiedersi ciò che l’ utente riceverà da esso.
  • Mantieni la semplicità. Proprio per questo un’infografica tende a rendere così bene; consente agli utenti di avere un sacco di informazioni in un breve lasso di tempo. Nel 2014, l’uso di un’infografica è aumentato del 9%, secondo le tendenze riportate da Demand Gen , indicando che gli acquirenti desiderano chiaramente brevi contenuti di marketing.
  • Essere coerenti. Non c’è niente di sbagliato nell’utilizzare diversi approcci e/o sfruttare piattaforme diverse. In realtà, questo può essere un potente strumento per ottenere esposizione e raggiungere un pubblico ancora più ampio. Indipendentemente dal metodo o dalla piattaforma utilizzata, fai in modo, però, che la tua identità di marca e la personalità rimangono coerenti.

La varietà è il sale del Visual Content Marketing

Tra i grandi vantaggi di contenuti visivi vi è la capacità di mantenere le cose interessanti, con una presentazione sempre variabile. Non cadere nella trappola di usare lo stesso post o messaggi noiosi. Scopri tutte le opzioni, eccone alcune:

  • Statistica: da sole, le statistiche possono essere un pò scarne e noiose. Proprio per questo si può ravvivare l’atmosfera combinandole con immagini. Con strumenti come Visual.ly , è possibile creare video condivisibili, infografiche ed esperienze interattive per l’utilizzo in campagne di content marketing.
  • Memes : i memes non sono adatti per ogni marca, ma se il tuo brand utilizza umorismo, i memes possono essere un ottimo modo per attirare l’attenzione e mostrare il tuo lato divertente. Ci sono molte fonti disponibili online per memes, ad esempio Memes oppure è possibile creare il proprio meme.

Il Visual Content Marketing è grande e sta diventando ancora più grande. Incorporandolo in campagne di marketing può aiutare a guadagnare la giusta esposizione, riuscendo a sconfiggere la concorrenza.