Candy Crush Soda Saga: sarà un successo o un'indigestione?

Orsetti gommosi, bottigliette di soda, glassa e miele: cosa cambia nel nuovo Candy Crush Soda Saga

Nel 2012 Candy Crush permise alla software house King di decollare, ma qualcosa è cambiato nell’ultimo anno: a causa della forte concorrenza di altri giochi free-to-play, i risultati del terzo trimestre del 2014 di King sono stati poco rassicuranti, con ricavi in calo del 17 % rispetto all’anno precedente e del 13 % rispetto al trimestre precedente, e gli utili sono diminuiti del 38 % rispetto al 2013. Il numero di persone che effettivamente pagano per il loro modello di gioco free-to-play è sceso da 10.4 a 8.7 milioni.

Ecco perché martedì King ha lanciato Candy Crush Soda Saga: nel giro di pochi giorni la nuova release ha subito scalato le classifiche degli app store, ma è ancora presto per dire se la questa app potrà invertire la fortuna di King: infatti la piccola azienda sviluppatrice negli ultimi anni ha puntato sempre sulla stessa tipologia di puzzle game, senza investire in idee originali e nuovi. Da Pet Rescue a Diamond Digger, i giochi non cambiano di molto e questo, come sempre nel mercato delle game apps, è un rischio.

LEGGI ANCHE: 4 consigli per generare profitti dalla tua app

Il game play di Candy Crush Soda Saga

[yframe url=’https://www.youtube.com/watch?v=mN7o1jybuP8′]

Quando una serie di giochi raggiunge un livello di rilevanza da “mainstream”, è interessante conoscere lo studio che sta dietro il gioco e  capire come l’azienda sviluppatrice cerca di coltivare la sua eredità nei giochi futuri.

Candy Crush Saga di King ha costruito la sua fama puntando su due aspetti: il suo gameplay è diabolicamente coinvolgente, e il fatto che faccia infuriare continuamente i suoi giocatori, consentendo loro solo un certo numero di mosse che non sembrano mai sufficienti per  completare gli obiettivi.

È il gioco che riempie il vuoto esistenziale che avverti durante la corsa in metro o in autobus. È l’app che ti distrae dalle cose importanti da fare senza farti sentire in colpa, perché ”suvvia, una partita dura pochi secondi”! È infine un gioco con un’alta componente social perché per completare i livelli devi chiedere aiuto ai tuoi amici su Facebook.

Candy Crush Soda Saga trova più modi per tenere il giocatore incollato allo schermo e ovviamente cerca di spingerlo a comprare più mosse quando il contatore raggiunge lo zero. Tecnicamente, Soda Saga non è troppo diversa dalla Candy Crush Saga originale. Si ottengono ancora punti facendo le file di tre o più caramelle, c’è solo una serie di elementi in più che potrebbero terrorizzare un qualsiasi dentista: bottigliette di soda, più caramelle, miele, glassa, pasticcini e orsetti gommosi!

Le caramelle compaiono dal basso e non dall’alto ed è possibile fare qualche mossa in più, cambia la musica (non vi preoccupate, inizierete a trovar noiosa anche questa!) e il design delle caramelle: insomma, di novità significative al momento non ce ne sono, ma quelle che ci sono, sono sufficienti per conquistare i giocatori compulsivi!

 

King e il mercato delle gaming app

Candy Crush Saga è uno dei più popolari giochi di smartphone in tutto il mondo. È costantemente in cima alle classifiche in termini di numero di download, ma come abbiamo detto, non rende più come prima.

La maggior parte del reddito di King, che ha comunque nel suo carnet molti altri giochi  e non puzzle game, proviene da Candy Crush Saga. Quindi, è un brutto segno quando il loro gioco principale inizia a perder colpi. Candy Crush Saga costituisce circa la metà del fatturato della società, mentre il resto dei loro giochi costituiscono l’altra metà.

King non demorde e oltre a realizzare Candy Crush Soda Saga, sta valutando nuove strategie, al fine di rendere Candy Crush Saga più popolare in tutto il mondo e renderla più attraente per mercati ancora non completamente conquistati. È il caso della Corea, dove King sta collaborando con Kakao e in Cina con Tencent ( gli sviluppatori dell’app di messaggistica WeChat) con cui sta progettando di rilasciare una versione cinese del gioco. È per diversificare la sua offerta di gaming app, King ha acquisito una società con sede a Singapore, Nonstop Games, per migliorare tutto il suo portfolio. 

Il nuovo capitolo di Candy Crush sarà un successo o ne avete già fatto indigestione?

Intanto vi ricordiamo che il gioco è disponibile su Facebook, su iTunes e Google Play Store.