Come progettare una digital UX efficace? La parola a Jacopo Pasquini e Simone Giomi, autori di "Web Usability" [INTERVISTA]

Ninja Marketing intervista Jacopo Pasquini e Simone Giomi, autori del manuale "Web Usability" (Hoepli)

progettare user experience

Quello della progettazione di una user experience di valore per l’utente delle piattaforme digitali – siti web ed eCommerce in primis – è un tema molto attuale e ‘caldo’, che impatta con forza nelle digital media strategy aziendali. In un contesto saturo di ‘luoghi’ e contenuti digitali, infatti, le persone diventano sempre più diffidenti ed esigenti nei confronti dell’esperienza di navigazione e fruizione online.

A proposito, è stato recentemente pubblicato da Hoepli “Web Usability – Guida completa alla User Experience e all’Usabilità per Comunicare e Vendere Online”. Come anticipa lo stesso nome dell’opera, si tratta di un manuale molto pratico, utilizzabile già durante la lettura da Manager e professionisti di Digital Marketing per migliorare le performance delle web properties. Abbiamo avuto il piacere di intervistare Jacopo Pasquini (aka Doctor Brand) e Simone Giomi, co-autori del libro nonché professionisti molto apprezzati in Italia. Ne abbiamo approfittato per chiedere loro qualche tips & tricks in fatto di UX e usabilità 😉 Curiosi?

Buongiorno Jacopo e Simone, grazie per essere qui con noi! Come è nata l’idea di scrivere un manuale sulla UX in ambito digitale e web?

Buongiorno a voi ed ai lettori di Ninja Marketing! La storia inizia dai documenti utilizzati nelle nostre consulenze e dalle oltre 1.000 slide sull’usabilità web e sulla user experience che avevamo preparato, negli anni, per i corsi di formazione. Dopo quasi dodici mesi di lavoro siamo riusciti a sbobinare, a razionalizzare e a impacchettare una mini-enciclopedia che si è trasformata nelle 248 pagine del libro.

Volevamo, infatti, creare una guida esaustiva e pragmatica sul mondo dell’esperienza d’uso nella quale spiegare come progettare siti web piacevoli, facili da usare e che funzionano meglio di altri in termini di marketing digitale. Sì perché, a nostro avviso, su questi temi c’era la duplice necessità di ‘rinfrescare’ il panorama italiano e di estendere la divulgazione della disciplina ai non addetti ai lavori: anche la migliore campagna creativa online diventerà budget sprecato se ad attendere l’utente sarà un’interfaccia inadeguata rispetto agli obiettivi di navigazione, disordinata nell’organizzazione informativa oppure addirittura ostile nella resa visiva.

Proprio per questo, il lettore del nostro Web Usability si porta a casa una cassetta degli attrezzi, costituita da consigli semplici e pronta per essere applicata sul campo; tramite le indicazioni e gli esempi, oltre agli approfondimenti di tanti esperti coinvolti, chiunque potrà svolgere un checkup del proprio sito web oppure un’analisi dei concorrenti e capire come migliorare le conversioni o la comunicazione più in generale.

web usability jacopo pasquini

Partiamo dalla progettazione di un sito web: quale è il primo passo fondamentale da compiere?

Domanda complessa. La UX è una disciplina centrata sull’ascolto, sullo studio e sul coinvolgimento diretto delle persone durante lo svolgimento dei loro compiti, nel loro contesto d’uso. Pertanto, se vogliamo disegnare un e-commerce o una qualsiasi pagina web usabile, occorre progettare con e per gli utenti seguendo un processo ciclico suddiviso principalmente in tre parti e relative principali tecniche:

  • Ricerca e analisi: fase di indagine sui bisogni (questionari, interviste, etnografia), sui requisiti (use case, task analysis) e sui competitor (benchmark).
  • Progettazione/Ri-progettazione: fase creativa di concept (brainstorming, moodboard, personas, scenario, card sorting) e di prototipazione (sketch a mano, mockup, wireframe).
  • Valutazione: fase di test su utenti reali (user test) oppure svolto da esperti (valutazione euristica).

L’errore frequente è, di conseguenza, quello di partire dalla scelta del tema grafico della UI.

Quali sono le 5 dimensioni indispensabili affinché un eCommerce ‘funzioni’?

Qui ci sarebbe bisogno di un’intervista a parte 😉 ma facciamo lo stesso un tentativo:

  • Buy-Zone: occorre collocare l’icona carrello in pagina nell’area standard (tipicamente in alto a destra) e mantenerla riconoscibile, aggiornata e sempre nella stessa posizione.
  • Findability: l’architettura e le voci del menu vanno strutturate per rendere trovabili i prodotti con meno click possibili.
  • Selling page: la scheda prodotto deve presentare caratteristiche descrittive, dettagli fotografici in alta risoluzione con zoom e call to action inequivocabile nei colori e nel testo.
  • Shipping Costs: i costi di spedizione vanno reperiti nei pressi del bottone di acquisto, oltre che nell’area di assistenza e nelle FAQ.
  • Checkout Flow: il processo di acquisto non deve essere farraginoso e si deve concludere in pochi step, senza sovraccaricare di richieste l’utente e magari senza registrazione obbligatoria.

Quando possiamo definire davvero “usabile” un blog, un sito, un portale o uno shop online?

Nel nostro blog “Nel sito più brutto del mondo…” abbiamo stilato in questi giorni un Bignami della Web Usability alla portata di tutti: se il sito supera l’esame del nostro decalogo allora è sicuramente minimale, intuitivo e, perché no, piacevole da vedere. Dateci un’occhiata!

Quale è il principale tool del professionista di digital UX?

Come strumento analogico non c’è dubbio: carta e penna!

Su Internet invece esistono una marea di software che coprono le diverse esigenze… Il nostro must have è Balsamiq Mockups.

In che modo il paradigma mobile sta incidendo sui temi di cui stiamo discutendo?

Non sta “incidendo”, sta “rivoluzionando” la user experience, così come ha già concretamente stravolto tutti gli altri aspetti della strategia digitale. In modo particolare si sono elevati gli standard di usabilità necessari per offrire un’interazione di qualità. Ma occorre fare attenzione all’esperienza complessiva, perché la componente di piacevolezza estetica non basta più a soddisfare le esigenze delle persone, soprattutto mentre consultano un dispositivo in mobilità piuttosto che in multi-screening.

A tuo avviso quale è il trend in ambito web/digital che inciderà su user experience e usabilità online nel 2015?

Domanda difficile e lasciamo volentieri ad altri la predizione del futuro. Siamo però molto curiosi di approfondire l’impatto, in termini di UX, del mondo wearable per ciò che concerne le nuove convezioni di design e di usability.

libro sulla web usability

Grazie a Jacopo Pasquini e Simone Giomi per l’intervista davvero interessante! Come vi suggerivamo già alcune settimane fa nell’articolo “3 libri su social e digital media da leggere al rientro dalle ferie estive”, non vi resta che correre ad acquistarlo… ne rimarrete molto soddisfatti, parola di Ninja! 😉

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?