12 strane tradizioni natalizie trovate in giro per il mondo

Le più strane e incredibili usanze che ancora oggi si praticano nel mondo durante il periodo natalizio

Siete stufi della solita routine natalizia? State cercando un bel modo per rendere il Natale 2013 diverso da tutti gli altri? Bene, Ninja Marketing, grazie ai consigli di Flavorwire, non ci pensa due volte a soccorervi con delle idee tanto strane quanto divertenti e incredibili!

#1. La notte dei Krampus

Celebrata attorno al 6 Dicembre in Austria, Germania e nel nord-est Italia, la notte dei Krampus ci racconta la storia di questi terribili mostri, metà caproni, metà uomini, che vanno alla ricerca dei bambini cattivi. Con l’ausilio di grandi campanacci, le creature girano i paesi con l’intento di elargire carbone o, peggio, di rapire chiunque si sia comportato male durante l’anno.

#2. Yule Goat

Simbolo della tradizione scandinava, la capra, realizzata in paglia e stoffa rossa, ha avuto nel tempo diversi significati e origini. Dal diciannovesimo secolo, la Yule Goat viene identificata come portatrice di doni, una specie di Babbo Natale versione scandinava. Oggi è possibile trovare delle mini versioni da appendere all’albero di Natale come simbolo di buon augurio.

#3. Wren Day

In Irlanda il 26 Dicembre è il giorno della “Caccia allo scricciolo”, ovvero una manifestazione con tanto di sfilate in costumi tipici in cui si celebra il giorno di Santo Stefano. Probabilmente di origine celtica, la festa serve a raccogliere denaro per la città in cui viene organizzata e per ballare insieme il Céili, ovvero la danza tipica irlandese.

#4. Caganers

Queste curiose statuette si possono trovare principalmente in Spagna e Portogallo. Ci sono veramente tantissime teorie sulla nascita di questa figura che, normalmente, trova il suo posto ideale niente meno che nel Presepio! Una delle spiegazioni più gettonate è che, grazie a questo simbolo, la fede del cattolico verrà messa alla prova e ne uscirà più forte di prima. Per i bambini, ovviamente, è solo un momento in più per divertirsi a Natale 😀

#5. Mari Lwyd

Questa strana maschera fa parte della tradizione natalizia gallese. Nonostante la sua apparenza, viene usata per buon augurio e la persona che la indossa deve visitare ogni casa del villaggio, cantando canti natalizi in cambio di cibo e vino. Nata per celebrare il nuovo anno, oggi Mari Lwyd inizia il suo viaggio già prima del giorno di Natale, per concluderlo dopo Capodanno.

#6. Caga Tió

Un’altra tradizione spagnola che, questa volta, vede come protagonista un piccolo tronco di legno. Dopo averlo dipinto, coperto e “nutrito” per tutto il mese di Dicembre, il tronco viene buttato nel camino il giorno di Natale. Questo gesto serve da buon augurio per le feste e per assicurarsi che Babbo Natale porti tantissimi doni ai bambini.

#7. Delizie decomposte

In Groenlandia non perdono certo tempo a mangiare panettoni e pandori a Natale! Il 25 Dicembre è il giorno perfetto per mangiare il Mattak, pelle e grasso di balena, e il Kiviak, uccello artico avvolto nella pelle di foca, tutto curiosamente seppellito per mesi e mesi prima di essere consumato!

#8. Ragnatele nell’albero di Natale

Nella tradizione natalizia ucraina si usa nascondere un ragno e una ragnatela (finti!) dentro l’albero di Natale, il primo che troverà le decorazioni verrà premiato con un anno di buona fortuna. Questa curiosa tradizione deriva da una storia in cui una vedova, troppo povera per comprare le decorazioni per l’albero di Natale, lasciò che dei ragni facessero la loro ragnatela sul malcapitato. Il giorno di Natale, appena i raggi del sole illuminarono le ragnatele, queste ultime si trasformarono in fili d’oro e d’argento, portanto fortuna e prosperità alla donna.

#9. La sauna estone

Vi piace passare il Natale in famiglia? Allora questa tradizione estone fa per voi! Il giorno di Natele, le famiglie, si riuniscono dentro una sauna a bere e raccontarsi storie natalizie e non.

#10. Roller-skating Christmas

A Caracas il Natale si passa sui pattini! Dal 16 al 24 Dicembre i venezuelani vanno persino in chiesa sui loro amati pattini a rotelle. Se tutto ciò non vi sembra abbastanza strano, che ne dite dei bambini che si legano il pollice del piede con un nastro in modo che i pattinatori glielo tirino? Questo gesto è simbolo di buon augurio!

#11. Streghe norvegesi

Non aspettatevi di trovare delle scope in Norvegia dopo il 25 Dicembre! I norvegesi le nascondono nei ripostigli per non farle trovare alle streghe e ad altri spiriti maligni!

#12. Natale al KFC in Giappone

In quanto a stranezze nessuno può battere il Giappone. Questa usanza deriva direttamente da una mancanza della famosa terra orientale: il tacchino! Nel 1970 gli addetti del Kentucky Fried Chicken notarono un’insolita affluenza di stranieri nel punto vendita durante il Natale, così decisero di offrire un menù speciale fatto apposta per celebrare la festività con quello che loro ritenevano un parente prossimo del tacchino, ovvero il pollo fritto!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?