La crisi fa meno paura: crollo del business di Halloween

Si prevede un calo di circa 60 milioni di euro rispetto al 2012 per festeggiare la notte delle streghe

Fabio Casciabanca
Fabio Casciabanca

Editor Business Ninja Marketing

Il dolcetto di Halloween 2013 potrebbe essere un po’ meno calorico.

Si prevede infatti che in Italia  il business di questa festa di lontane origini celtiche crollerà del 20%  rispetto al 2012, sotto il peso della generalizzata riduzione dei consumi anche in settori decisamente meno frivoli.

60 milioni di euro in meno

Una differenza di oltre 60 milioni di euro risparmiati su festoni, costumi, addobbi, dolcetti e zucche, per la festa importata dagli Stati Uniti con una grande imposizione mediatica. Film, pubblicità su riviste, accessori moda correlati all’evento hanno invaso, come un’orda di zombie, il campo dei media italiano, colorando di uno sgargiante arancione-zucca le vetrine dei negozi e gli eventi organizzati, proponendo certamente come festa votata al merchandising, ma che viene ormai festeggiata al pari della altre di casa nostra. Una sorta di carnevale autunnale in cui il tema esula dall’ambito strettamente horror per trasformarsi in un mondo colorato di costumi e personaggi, ben diverso dalla rigorosa interpretazione anglosassone più gotica e oscura.

 

 

Il business di Halloween si attesta comunque con un giro di affari di circa 280-300 milioni di euro, con le grandi città trasformate in location da film horror, le bancarelle e le serate a tema, ma nulla a che vedere con i miliardi di dollari spesi dai consumatori americani nonostante il rischio del default appena scampato.

Horror made in Usa: da The Walking Dead a The Purge

Negli Usa il mercato dell’horror si alimenta certamente attraverso il cinema e le serie delle tv commerciali, con produzioni come Sleepy Hollow e American Horror Story, che confermano il genere come uno dei più popolari e maggiormente commerciabili: il film “The Purge – La Notte del Giudizio”, che  ha incassato ben 64 milioni di dollari in pochissimo tempo, a fronte dei 3 milioni di dollari di budget investiti per la realizzazione.

Non si rileva, invece, un considerevole calo nella spesa per le zucche. Secondo la Confederazione Italiana Agricoltori, il mercato italiano di riferimento è prevalentemente alimentare, con acquisti e consumi regolari anche nel periodo di Halloween, soprattutto nel nord Italia. Poco spazio, quindi, alla zucca decorativa di Jack O’ Lantern, che, pur con un mercato di riferimento piuttosto contenuto, rileva un incremento delle richieste per questi prodotti ornamentali dedicati esclusivamente alla festa.

Abito da vampiro o film horror con gli amici?

In italia un costume di Halloween costa in media circa 70 euro. Troppo? Ripiega sul fai date, con idee originali ispirate ai social network, o scarica una delle tante app per iOS e Android che promettono di trasformarti in una perfetta strega o in un pauroso zombie.

Se non puoi permetterti il pacchetto gold con cenone, festa in maschera e tavolo in discoteca, dedicati ad una cena in famiglia con menu a base di zucca e scherzetti goliardici, oppure organizza una bella maratona di The Walking Dead con cola e popcorn o, perché no, invita gli amici a partecipare ad una delle tante zombie walk organizzate in tutta Italia.

Perché sarà pure vero che la crisi fa paura, ma mai quanto i metallici artigli di Freddy Krueger.