Be the artist not the canvas: bere meno vuol dire divertirsi di più

E magari diventare un artista!

E’ il solito venerdì sera a casa di amici. Birra e vodka non mancano e puntualmente c’è quel vostro amico che beve così tanto fino a crollare dove capita. Come resistere alla tentazione di metterlo in ridicolo disegnando sul suo corpo scarabocchi politicamente scorretti?

Questo è il concept alla base della campagna  ‘Be the artist not the canvas‘ realizzata da DDB New Zeland per Steinlager, che  invia in modo divertente un importante messaggio.

La marca di birra neozelandese ha voluto mostrare uno dei tanti effetti dell’alcool e puntare il dito contro coloro che ne abusano tanto da svenire e offrire involontariamente il proprio corpo come tela per i vari amici artisti durante una festa.

Il Group Account Director di DDB, Scott Wallace, ha dichiarato: “dovevamo dimostrare che ci si può divertire lo stesso senza devastarsi e senza suonare come la paternale di un genitore“.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=oeR7lupVGnM’]

Il messaggio dietro la campagna risulta immediato: se devi bere non esagerare, piuttosto sii più furbo, fai in modo di essere l’artista e non diventare la tela. Gli sviluppatori del progetto non solo hanno realizzato una vera e propria galleria d’arte sul sito di Steinlager con tanto di titolo delle opere e spiegazione del significato da parte dell’artista, ma hanno anche creato una app, “Be the artist”, che offre la possibilità a chiunque di immortalare per sempre le proprie opere e condividerle con gli amici.

Piuttosto che puntare sui soliti moralismi, Steinlager ha scelto di mettere in ridicolo un comportamento sbagliato portandolo ad un livello più leggero, puntando alla reputazione sociale dell’individuo che, soprattutto per i giovani, è un tema di estrema importanza.

Credits

Client: Steinlager
Agency: DDB, Auckland, New Zealand
Executive Creative Director: Andy Fackrell
Creative Director: Chris Schofield
Art Director: Gavin Siakimotu
Copywriter: Natalie Knight
Account Director: Susie Darling
Photographer: Troy Goodall
Account Manager: Jonathan Rea
Photographer, Producer: Michele Richards

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?