Facebook Marketing: utilizzare le note come leva di engagement [HOW TO - Parte 1]

Ecco come fare diventare le note Facebook potenti leve di engagement

Nell’ultimo periodo – e soprattutto da quando si è quotato in BorsaFacebook sta lanciando continuamente feature e novità per la propria piattaforma: solo a Settembre, per esempio, vi avevamo parlato di 3+1 aggiornamenti davvero interessanti.

Una cosa però a cui lo staff del social network sembra non dare troppa importanza, ma che invece nasconde grandi potenzialità, sono le note: uno strumento esplorato e utilizzato soprattutto dagli utenti, ma che se ben sfruttato potrebbe diventare una potente leva di engagement anche per brand e aziende di tutti i tipi e dimensioni.

Con questo articolo battezziamo allora una mini serie di due post dedicati alle note Facebook: nello specifico, oggi capiremo come fare per scriverle e i possibili utilizzi per il branding, mentre tra qualche giorno sarà pubblicato il secondo articolo con alcuni consigli preziosi per scrivere note davvero efficaci!

Come creare e scrivere una nota su Facebook?

Come anticipato, la prima cosa da fare per utilizzare al meglio le note Facebook è capire come crearle sia lato utente che fanpage:

  • Dal primo punto di vista, vi basta digitare nell’url https://www.facebook.com/notes: accederete a uno spazio contenente le note scritte dagli amici, e cliccando sul tasto in alto a destra “scrivi una nota” potrete cimentarvi subito in prima persona. Una leva molto utile per mettervi in mostra alimentando il vostro personal brand :-)

  • Se invece gestite una fanpage e volete cominciare a impegnarvi per utilizzare le note a fini di branding, comunicazione e social media marketing, ci sono tanti percorsi possibili. Ve ne proponiamo uno: modifica pagina –> ruoli di amministrazione –> applicazioni –> note (se non avete l’applicazione, potete comunque aggiungerla).

Una volta ‘giunti a destinazione’, troverete una schermata identica a quella presentata nello screenshot mostrato sotto.

Come avrete già immaginato, scrivere una nota è uguale a scrivere un blog post in modalità visuale! La prima cosa da fare (obbligatoriamente) per poter salvare il contenuto come bozza è inserire il titolo. Potrete così dedicarvi nella seconda fase alla stesura del testo vero e proprio: per questo sono a disposizione i pulsanti per evidenziare una parola in grassetto o corsivo, sottolinearla, creare elenchi puntati o virgolettati. E’ anche possibile caricare e includere una o più immagini, che di default compariranno in fondo al testo. Vi basterà allora copincollare la breve stringa di codice che le identifica nella posizione desiderata… e il gioco è fatto :-)

In pochi minuti avrete così creato la nota! Come dicevamo, Facebook non dedica troppa importanza e sforzi al perfezionamento della funzione: per evitare di scrivere un testo lungo e perderlo sul più bello, il consiglio è di salvare spesso e volentieri, utilizzando l’anteprima per capire se il risultato finale è conforme alle attese.

Quali sono i vantaggi e i possibili utilizzi delle note Facebook?

Sono tanti i vantaggi per le aziende e i brand che decidono di inserire nel content mix su Facebook anche le note:

  • Viralità del contenuto: non dimentichiamo che siamo sulla piattaforma più popolare al mondo. Ciascuna nota è likabile, commentabile, condivisibile. Senza contare che le note più popolari finiscono dritte dritte in alto nel newsfeed!
  • Engagement: le note permettono di scrivere dei veri e propri articoli pur rimanendo all’interno della fanpage, andando dunque al di là dei limiti degli aggiornamenti di stato.
  • Relationship: grazie al mix di immagini e testo, le note stimolano la fidelizzazione e toccano la dimensione più emozionale del fan.

Riguardo invece ai possibili utilizzi per le attività di social media marketing, anche in questo caso abbiamo diverse opzioni in funzione degli obiettivi e del contenuto:

  • Presentazione del prodotto/servizio: è naturalmente l’opzione più utilizzata. Una variante è quella di Barilla, azienda davvero innovativa nel campo del digital marketing che utilizza le note anche per presentare le ricette fatte con i propri prodotti.

  • Gestione proattiva di crisi di immagine nate su Facebook: un’altra possibilità è quella di rispondere – grazie al maggiore spazio a disposizione – alle critiche nate sulla pagina, gestendo in modo proattivo la potenziale nascita di una crisi. L’esempio di viene ancora da Barilla.

  • Presentazione di suggestioni e contenuti che esulano dall’azienda/brand: una delle principali caratteristiche del branding della cultura consiste nel comprendere i trend sociali allineandovi le leve di marketing. Ecco allora che, in periodo di forte crisi soprattutto per l’Italia, Cedrata Tassoni – che avevamo citato come esempio eccellente di mito 2.0 – sceglie di scrivere una nota con una piccola citazione sul tema, per tenere alto il morale.

Coming soon…

In questo primo articolo abbiamo dunque apprezzato le potenzialità delle note come leva di marketing, branding e comunicazione, comprendendo come crearle e gli eventuali utilizzi.

Vi abbiamo incuriosito? Nel caso, stay tuned: presto, anzi prestissimo! – pubblicheremo la seconda parte del post, con i migliori consigli per scrivere note Facebook davvero efficaci e coinvolgenti;-)

ARTICOLI CORRELATI

Facebook Marketing: utilizzare le note come leva di engagement [HOW TO - Parte 2]

Notegraphy, l’app che dà colore e stile al tuo status!

12 contenuti efficaci per la vostra content strategy

Come utilizzare il potere delle immagini per promuovere il vostro brand [INFOGRAFICA]

5 cose da sapere a proposito del Facebook Edgerank

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Prossimi corsi Ninja Academy