Roma Startup Hub: il futuro per le giovani imprese è nella capitale

L'associazione Startup presenta al pubblico il suo obiettivo: creare un polo di eccellenza per l'innovazione e l'imprenditorialità nella capitale.

Cosa si può creare mescolando un team di importanti esponenti del settore delle startup, una buona dose di storia e cultura, giovani ambiziosi e idee innovative , il tutto condito con un abbondante manciata di voglia di cambiare questo Paese e servito nella cornice più suggestiva che esista?

Il risultato di questa fantastica ricetta lo abbiamo scoperto partecipando alla manifestazione Capitali Coraggiosi, primo grande evento organizzato dall’Associazione Roma Startup per far conoscere al pubblico il loro obiettivo: fare di Roma lo Startup Hub del Mediterraneo.

Perchè Roma?

L’associazione

Per cambiare le cose, è sufficiente spingere tutti nella stessa direzione (G. Carnovale)

In questo caso la direzione è stata intrapresa da una squadra più che qualificata, il cui valore è da ricercare nel mix di competenze degli associati: marketing, tecnologia, reperimento di fondi, formazione imprenditoriale e supporto alle startup. Sanno cosa manca agli imprenditori di oggi, ma l’aspetto più importante è la motivazione; dalle loro parole traspare la voglia di “cambiare le cose”.

In ordineLuigi Capello fondatore di Enlabs, Gianmarco Carnovale presidente dell’associazione Roma Startup, Augusto Coppola fondatore di Innovaction Lab, Andrea Genovese esperto di internet marketing e business digitale in Italia, Peter Kruger CEO di eZecute, Carlo Maria Medaglia esperto di imprenditorialità e trasferimento tecnologico , Salvo Mizzi fondatore di Working Capital e Alessandro Nasini CEO di Maple.

Se il buongiorno si vede dal mattino…

Capitali Coraggiosi organizzato il 26 settembre presso Eataly in concomitanza con l’Investor Day di EnLabs ha riscosso un enorme successo. Oltre 700 persone sono arrivate da tutto il Paese (e non solo), per assistere al “battesimo” della neonata Associazione Roma Startup e ascoltare i pitch delle startup che partecipano al programma di incubazione fondato da Luigi Capello.

Non si può fare ecosistema senza territorio e con questo progetto vorremmo portare qui i player internazionali (G. Carnovale)

Roma Startup è collegata con i maggiori Hub internazionali, la prova la troviamo nell’interesse mostrato da importanti personaggi intervenuti per sostenere l’iniziativa. Tra gli ospiti d’onore troviamo infatti due guru del mondo delle startup: Phil Wickam e Jason Best.

Phil Wickam, della Kauffman Foundation, la più grande fondazione al mondo dedicata alla diffusione dell’imprenditorialità, all’innovazione e all’educazione, ha tenuto una lectio magistralis sul capitale di rischio. A seguire la lectio magistralis tenuta di Jason Best sul Crowdfunding come alternativa. Best è il cofondatore di Crowdfund Capital Advisors, famoso per aver “convinto” il presidente Obama a rendere legale il crowdfunding negli USA.

Non sono mancate le istituzioni, erano presenti infatti il sindaco Alemanno, il presidente della Provincia Zingaretti e i deputati Paolo Gentiloni, Roberto Rao e Antono Palmieri, i quali hanno recentemente firmato un decreto legge sul tema innovazione.

Tante sono le iniziative pubbliche in cantiere: dalla volontà di creare al’interno della stazione Tiburtina un centro per l’innovazione, al Wifi disponibile su tutto il territorio della Capitale, le istituzioni sono sempre più convinte della , necessità di un cambiamento, .

Il cammino non è facile, ma se è vero che tutte le strade portano a Roma, è meglio creare un posto dove farsi trovare, no? 😉

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?