Come i social media cambiano il nostro modo di conoscere il cinema [INFOGRAFICA]

Il cinema è un mezzo dalla natura social. Vediamo come i social media sfruttano questo aspetto per promuovere i film in uscita

Il cinema non è un social media, ma da sempre è un mezzo con una forte connotazione sociale. Se la televisione è pensata per un uso privato, la fruizione cinematografica nasce come spettacolo collettivo, proprio come il teatro. Guardare un film è un’esperienza non interattiva e che può svolgersi anche in privato, eppure nonostante questo i cinema sono ancora pieni; perchè è bello fruire del cinema insieme, perchè stimola il confronto e la discussione, genera riti e tormentoni, funziona sul passaparola.

Con l’avvento dei social media il cinema ha ampliato la sua dimensione sociale. Oggi un film può essere portato dalle stelle alle stalle (e viceversa) in poche ore dal word of mouth su Twitter. Questo ha influito sulle strategie di marketing delle case di produzione, che usano sapientemente i social per creare attesa, lanciare e poi continuare a sospingere i film in uscita.

Le strategie più comuni comprendono campagne teaser virali, apertura di pagine Facebook dedicate ricche di contenuti interessanti, apertura di account Twitter ispirati ai personaggi, ecc. Consideriamo la strategia adottata da un blockbuster uscito quest’anno, The Amazing Spider-Man. Molti mesi prima dell’uscita del film e quando ancora nessuna informazione era nota,  furono diffuse in rete immagini di murales a forma di ragno realizzati in varie aree industriali dismesse degli USA.  Poi vennero distribuiti degli “zainetti di Peter Parker” contenenti vari oggetti che stimolarono curiosità e ipotesi su trama e personaggi.

L’hype così generato è stato prontamente raccolto dalla pagina Facebook. Il film è uscito a Luglio 2012, ma la pagina è tuttora attiva, conta quasi 2 milioni e mezzo di fan e posta regolarmente curiosità sul film (e sull’Uomo Ragno in generale), contenuti esclusivi (immagini di backstage, curiosità sul making of, immagini d’archivio) etc.

Facebook, Twitter & co. stanno dunque rivoluzionando il passaparola, il modo di acquistare biglietti (si pensi alle Facebook app dedicate) e ovviamente anche il modo in cui la gente viene a conoscenza dei nuovi film.

Questa interessante infografica di Crowdtap si basa su un sondaggio tra 500 persone per cercare di comprendere come la peer influence cambia il nostro modo di conoscere, condividere e comunicare il cinema.

ARTICOLI CORRELATI

Jelly, l’app per che risponde alle tue domande via social!

Il Grande Gatsby: il successo grazie ai social network

Cinema e social media: il caso Divergent

Paris, Dior, Noir e la comunicazione 2.0

Coraline : il nuovo linguaggio del prodotto cinema

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Intensivo in Non-Conventional & Viral Marketing