Miti 2.0: se i brand che hanno fatto storia rivivono su Facebook

Alcuni casi di brand e prodotti storici che, con l'avvento del social web, non hanno avuto paura e hanno saputo mettersi in gioco

Ogni tanto, parlando di web e social media, ci si imbatte in discorsi che portano a riflessioni più profonde e probabilmente non banali: frasi che sottolineano il cambio di paradigma rispetto al modo tradizionale di fare business e comunicare la propria offerta, case study che mostrano nuove startup high-tech farla da padrona in tutto il mondo & so on

Ma cosa ne è invece delle marche e dei prodotti mitici, che hanno fatto la storia della società dei consumi italiana e internazionale e che ancora oggi sono ricordati come tali (basta una piccola ricerca su Google per ritrovare le mitiche bibite Sanpellegrino e i mitici Jesus Jeans)? Sono stati davvero tutti spazzati via da Facebook e una comunicazione che va a una velocità 100x rispetto al ritmo a cui erano abituati, oppure la situazione non è così semplice e si mostra ben più gloriosa per gli stessi brand/referenze?

I brand mitici su Facebook? Continuano a scrivere la storia!

In effetti, nel DNA di queste marche e di questi prodotti c’è la capacità di appassionare intere generazioni e, se vogliamo, di continuare ad essere altamente virali stimolando l’affetto e il passaparola. Ecco che i social network – Facebook in primis per la sua audience e la spiccata multimedialità – non possono che aiutare questa loro identità e non semplicemente oscurarla. Non ci credete? Ecco una piccola selezione dei 5 casi che ci piacciono di più: un mix di tradizione, innovazione e fit perfetto con un contesto in continuo cambiamento!

#1 Cedrata Tassoni

Imitatissima e inimitabile allo stesso tempo, chi non ha mai assaggiato un sorso dell’inconfondibile Cedrata Tassoni? Bene, guardate la pagina Facebook del brand: perfetta! Tantissime fotografie (‘scattate’ anche con Instragram) colorano lo spazio e presentano il prodotto in vari momenti, dal commerciale all’ironico, e riportano alla luce pubblicità ormai antiche ma che rappresentano la storia di tutti. Il tono del community manager è leggero e spensierato come quello del prodotto e del suo momento di utilizzo, e (finalmente!) c’è anche un uso abbastanza originale delle note. I risultati? 70.000 fan – o meglio brand advocates – pronti a sostenere la loro bibita preferita anche quest’anno!

#2 Effervescente Brioschi

Ci è voluta la dicitura “Effervescente Brioschi – La Pagina Ufficiale” per scansare ogni dubbio rispetto alle tante imitazioni… e i quasi 48.000 fan hanno risposto alla grande 😉 Sulla fanpage sono presentate le scorribande nel mondo del mitico cinghialotto Ernesto, che non manca di fare quiz sistematici ai fedelissimi della pagina. Simpatica anche l’app che permette di caricare la propria foto e avere ‘un cinghiale sullo stomaco’, e bellissima infine la piccola galleria di video che riprendono in varie scene la pubblicità che ormai conoscete tutti benissimo! Anche in questo caso, un’efficace azione di community management completa l’opera.

#3 Prep

La crema dermoprotettiva multiuso Prep… se non ci fosse bisognerebbe inventarla! Se volete entrare in questo mondo con una storia ricca e bella, date un’occhiata anche alla pagina Facebook 😉 Chi lo direbbe che la Prep ci protegge dal 1860? Il community manager della fanpage non perde occasione di rimandare l’utente al bell’account Pinterest del prodotto, proponendo notizie sul tema sole e abbronzatura, consigli, link al sito aziendale Coswell. Interessante anche il contest – appena concluso – per ingaggiare la community a realizzare brevi spot video:

“Coswell ha deciso di rivolgersi alla community creativa di Zooppa, chiedendovi di realizzare degli spot video della durata massima di 60 secondi. I video dovranno rappresentare, in maniera divertente e dissacrante, come la crema Prep sia la soluzione migliore per affrontare episodi irritanti o momenti di rossore: irritazione e arrossamento raccontati tramite situazioni metaforiche, in cui Prep emerge comunque come il rimedio efficace!”

I risultati? 10.000+ fan e circa 50 video prodotti per il concorso. Lunga vita a Prep!

#4 Fabbri

Gli sciroppi Fabbri… avete già l’acquolina, vero? Andate sulla pagina Facebook dell’azienda e ne avrete ancora di più! Interessante in questo caso la scelta dell’editor di rivolgersi anche a chef, baristi e chiunque abbia da preparare delizie, per invogliarli e convincerli del valore aggiunto offerto dal prodotto. Uno stile forse più commerciale e marketing-driven, ma nel complesso azzeccato, efficace e molto elegante. Interessantissima anche la Fabbri TV, una serie di video tutorial sull’arte della buona cucina, e il mondo Fabbri, per scoprire davvero tutto su questa bella realtà. E 10.500 fan l’hanno già scelta! :-)

#5 Campari

Sembra non finire mai – e anzi accrescere di anno in anno il proprio successo – la storia dell’intramontabile Campari, che sceglie una strategia Facebook ‘a rete di fanpage’ dedicate ai singoli paesi e ramificate dalla pagina internazionale (in inglese): la sua presenza digital italiana vanta circa 24.000 fan, molti dei quali che tentano di scalare la classifica di top fan per vincere i premi in palio! Citiamo anche qui la gestione brillante della pagina, sempre aggiornata e ‘densa’ di rimandi al sito web e alle iniziative del brand. Epic win!

Per concludere

Ecco dunque 5 buoni esempi che fanno capire ancora una volta perché certe marche e certi prodotti riescono a sopravvivere e rinforzarsi nel tempo, rimanendo in sintonia con i cambiamenti del mondo della comunicazione e trovando sempre nuovi modi per ingaggiare i propri fan. Per fare i pignoli, qualcosa che avremmo voluto vedere di più? L’uso dello storytelling e della timeline… di storie ce ne sarebbero da raccontare 😉

E questo è solo un piccolo assaggio… ora, largo a voi! Altri casi virtuosi e di epic win da citare?

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?