Starbucks e il concept store The Bank ad Amsterdam: sperimentazione e glocalizzazione

Un laboratorio creativo ispirato alla cultura contemporanea olandese e alla sua tradizione di caffè

Considerando la sua meritata fama progressive, Amsterdam è il luogo ideale per provare cose nuove. Lo sa benissimo Starbucks, che l’8 marzo ha aperto le porte del suo nuovo concept cafè, rinominato ‘La Banca’ a causa della sua posizione nel caveau di una banca storica sulla Rembrandtplein.

Come con tutti gli store Starbucks, il negozio di Amsterdam si presenta come una svolta radicale nel mondo dell’estetica.

Sotto la direzione di Liz Muller oltre 35 artisti e artigiani hanno equipaggiato lo spazio sotterraneo con stravaganti tocchi di design e materiali locali sostenibili: piastrelle di Delft, pareti rivestite con tubi di biciclette, stampi per biscotti di pan di zenzero in legno e tela di sacco di caffè, e graffiti che evidenziano i più importanti commercianti olandesi di caffè del 17° secolo, in un’ottica di glocalizzazione e di forte legame con il territorio.

L’intero negozio è stato progettato per rispettare l’architettura della banca storica, ma anche per trattare il caffè in modo teatrale. É il primo Store al mondo che può vantare la nomea di ‘laboratorio’. Un grande negozio ispirato alla cultura contemporanea olandese e alla sua tradizione di caffè. La Banca è stata creata appositamente per spingere Starbucks oltre il limite in termini di innovazione e sperimentazione.

Funzionerà come centro di sperimentazione per innovativi metodi di erogazione del caffè e offrirà riserve di caffè più unici che rari, introvabili in qualsiasi altro luogo del continente. Il tutto condito da croissant freschi al mattino e biscotti freschi nel pomeriggio, con tanto di tweet che ne annuncerà l’orario preciso di uscita dal forno!

Starbucks La Banca non si sente come un caffè americano in Europa, ma come un caffè olandese perfettamente integrato.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?