Google mette ordine e chiude molti servizi

Processo di razionalizzazione dell'offerta in casa Google

Google è sempre molto attivo nel mercato dei social network e dei servizi web: dopo l’interesse per Pinterest, Webnews riporta come il team di Big G abbia compreso la necessità di razionalizzare il portafoglio di servizi e applicazioni offerte, in modo anche da rafforzare il posizionamento di G+ (come nel caso della chiusura di Picnik per spingere G+ Creative Kit). Senza considerare che la maggior parte dei progetti sono stati chiusi per motivi di underusage e risultati insoddisfacenti rispetto a stime e attese.

Ecco allora la decisione, tra gli altri, di bloccare tra Marzo e Aprile Picnik (applicazione che consente di apportare modifiche alle foto), Social Graph API (dedicato agli sviluppatori), Urchin (a causa di Google Analytics), NeedleBase. Sky Map diventerà invece opensource.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?