Outsourcing /3: 8 strategie per freelance alla ricerca di nuovi clienti [HOW TO]

Trova la strategia più adatta a te e alla tua professione e metti davvero in pratica anche solo una di esse, piuttosto che sfruttarle tutte parzialmente.




Outsourcing /3: 8 strategie per freelance alla ricerca di nuovi clienti [HOW TO]Siamo arrivati alla terza puntata della nostra serie sull’outsourcing. Nel primo articolo abbiamo visto i vantaggi e gli svantaggi di questa strategia, mentre nella seconda puntata abbiamo affrontato il tema dell’outsourcing dal punto di vista delle aziende che sono in cerca di freelance dandovi alcuni consigli per non sprecare risorse inutilmente. Oggi invece parliamo dell’outsourcing dal punto di vista del freelance che è in cerca di nuovi progetti/clienti. Anche in questo caso l’obiettivo è fornirvi alcuni consigli o strategie a cui potresti non aver pensato, ma che potrebbero portarti grandi risultati.

Lavorare da freelance è per certi aspetti molto difficile proprio perché è necessario ottimizzare il proprio tempo dividendo la propria attività tra l’acquisizione di nuovi clienti e la realizzazione operativa dei progetti. Quest’operazione risulta particolarmente difficile per chi è alle prime armi o chi, sebbene abbia molta esperienza, non ha una base clienti ampia e solida. D’altra parte è molto importante ricordare che è sempre meglio, anche nel caso in cui si svolge l’attività di freelance da diverso tempo, dedicare una parte del proprio tempo a quest’attività per evitare di trovarsi spiazzati o semplicemente senza nessun lavoro da svolgere o semplicemente per fare network con persone che un giorno potrebbero esservi di aiuto.

Qui di seguito alcune delle tante possibilità che un freelance ha a disposizione per la ricerca di nuovi clienti o progetti su cui lavorare. Alcune possono sembrare scontate, ma se mettete davvero in pratica anche solo una di queste strategie i risultati sono assicurati!

#1 Acquisizione Diretta

Questo è sicuramente il metodo più efficace, in modo particolare se l’obiettivo è entrare in contatto con un’agenzia. Qualunque tipologia di agenzia (pubblicitaria, web agency, public relation) lavora molto spesso con i freelance. Alcune di esse hanno una base fissa di freelance con cui lavorano regolarmente, ma il più delle volte sono sempre alla ricerca di nuovi partner a cui affidare i loro progetti. Contatta le agenzie scrivendo direttamente al loro indirizzo email, quasi sicuramente vi risponderanno!

#2 Acquisizione Diretta con le aziende

Anche le aziende sono in alcuni casi alla ricerca di partner a cui affidare in outsourcing delle loro attività. Non è così semplice entrare in contatto con loro come nel caso delle agenzie perché solitamente le aziende necessitano di meno freelance. D’altra parte entrare in contatto con loro può essere davvero molto utile perché, se farete un buon lavoro, torneranno sicuramente da voi.

#3 Social Networks / Business Newtork

Se decidi di utilizzare i social network o i vari business network (come LinkedIn, Viadeo, Xing) per cercare nuovi clienti la prima cosa da dovrai fare è costruire attentamente la tua “vetrina virtuale”. Non dimenticare che sempre più agenzie o aziende consultano i social network per capire chi siete e di cosa vi siete occupati nei vostri lavori precedenti. Questa vetrina dovrebbe essere composta almeno di due elementi: un sito web su un tuo dominio personale (magari ottimizzato per i motori di ricerca) in cui mostrare i tuoi lavori e un’attenta cura della renderizzazione dei tuoi profili sui social network.

Fatto? Ok se e solo se avete superato il primo passaggio, passate alla fase operative cercando di essere il più creativi possibili. Ecco alcune idee su come utilizzare i social network a questo scopo:

– unitevi a gruppi rilevanti nel vostro ambito professionale;
mettetevi in contatto con altri freelance. In alcuni casi potrebbero aver bisogno di una mano nel realizzare progetti grossi che gli sono stati affidati o hanno bisogno di persone con competenze molto specifiche e tecniche
utilizza tutte le potenzialità che i social network offrono. Ricorda che in Rete tu sei il tuo brand e più risulterai affidabile e autorevole nel tuo ambito professionale, più le altre persone si fideranno di te e potrebbero pensare di affidarti del lavoro da svolgere.

#4 Piattaforme project-based

Oltre ai social network esistono piattaforme project-based come twago che offrono interessanti possibilità per trovare nuovi clienti in modo semplice e immediato. Dopo aver costruito il tuo profilo personale segnalando le tue competenze e le tue esperienze precedenti riceverai nella tua casella di posta notifiche riguardanti nuovi progetti che vengono caricati sulla piattaforma. La logica è sempre la stessa: se i tuoi clienti saranno soddisfatti dei tuoi lavori molto probabilmente torneranno da te oppure altri clienti si affideranno a te!

#5 Bacheche per annunci di lavoro

Non dimenticarti di fare un check costante sulle opportunità di lavoro caricate sulle svariate piattaforme per la ricerca di lavoro. In alcuni casi le aziende cercano profili professionali flessibili o pubblicano annunci per progetti specifici.

#6 Progetti che offrono spazi di coworking

Gli spazi per il coworking (come The Hub a Milano o Enlabs a Roma) possono essere una fonte molto importante per entrare in contatto con aziende o agenzie in cerca di freelance oppure altri professionisti come te che sono alla ricerca di partner per realizzare i loro progetti.

#7 Directory dedicate ai freelance

Esistono in Rete directory specifiche per i freelance in cerca di nuove opportunità. Solitamente è possibile contattare direttamente ognuna delle persone che sono registrate in questi siti. Potete trovare una selezione di community ad hoc per i freelance realizzata da una nostra ninja.

#8 Fiere e conferenze

Per concludere questa serie di consigli non bisogna dimenticare che anche partecipare alle fiere di settore o alle conferenze può essere davvero efficace. In questo caso è indispensabile superare il timore di rivolgersi ai professionisti che incontrate in queste occasioni. Alla fine che avete da perdere?

Concludo quest’articolo con un’affermazione di Robert Goetze di twago che mi sembra molto interessante per coloro che hanno deciso di svolgere la professione di freelance:

Working with clients is like working with kids: they need attention and you have to understand what they want. Make sure you listen carefully, ask if things are not clear. After the project is finished stay in contact, but not over-do it. Talk the language of your client and always deliver on time and to the agreed terms. Show that you’re reliable. If you can’t make a deadline, tell them in advance, they’ll understand.


Logo twago (small)

twago è la piattaforma europea d’intermediazione online per servizi in outsourcing, in grado di mettere in contatto aziende con fornitori di servizi.
I servizi offerti spaziano dalla programmazione, al graphic e web design fino a servizi alle aziende. I fornitori di servizi iscritti nella piattaforma sono sia freelance che aziende di ogni dimensione.

Il concetto è semplice: i Clienti pubblicano progetti (o lavori) su twago. I Fornitori iscritti inviano le proprie offerte, ed il Cliente seleziona il Fornitore che meglio risponde alle sue necessità.
twago offre inoltre un sistema di pagamento sicuro (acconto di garanzia “Escrow”) grazie al quale ogni pagamento tra le parti è protetto e accreditato al destinatario solo a conferma di entrambe le parti; si tratta della prima piattaforma in Europa ad offrire un sistema di pagamento cifrato di questo genere.

L’azienda è nata e ha sede in Germania (Berlino) ed è attiva in Italia dal marzo 2010 con un sito tutto italiano.