Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo e le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora registrati e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.
Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo, le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora lascia semplicemente nome e mail e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.

Forti Precipitazioni

Starlink: 40 satelliti distrutti da una tempesta geomagnetica

L'azienda di Elon Musk afferma che l'80% dei satelliti lanciati la scorsa settimana non raggiungerà l'orbita

Vuoi saperne di più su questo tema per diventare un Esperto e fare Carriera nel Digital Marketing? +100.000 professionisti e oltre 500 grandi aziende si sono formati e hanno incrementato i loro Affari grazie a Ninja. Entra subito nella Ninja Tribe per avere Informazione, Formazione e l’accesso alla più grande Community di professionisti del digitale.

Verso l'infinito e oltre, diceva qualcuno, ma SpaceX, l'azienda di Elon Musk ha dichiarato che la maggior parte dei satelliti Starlink lanciati proprio la scorsa settimana sono andati distrutti a causa di una tempesta geomagnetica.

Su 49 satelliti, 40 stanno già bruciando e prima di raggiungere l'orbita. Lanciati il 3 febbraio dal Kennedy Space Center in Florida da un razzo Falcon 9, l'80% di essi non ce l'ha fatta. La perdita è una battuta d'arresto per il rivoluzionario piano d'infrastruttura Internet di Musk. Inoltre rappresenta una macchia sul record altrimenti stellare di SpaceX.

LEGGI ANCHE: Elon Musk ha venduto circa 5 miliardi di dollari di azioni Tesla

Che cos'è Starlink

Se non la conosci, Starlink è una vera e propria costellazione di satelliti attualmente in costruzione da parte di SpaceX e serve a garantire l'accesso a internet satellitare globale a banda larga e a bassa latenza.

Insomma, Starlink mira a vendere connessioni Internet a quasi chiunque sul pianeta, tramite una rete crescente di satelliti privati ​​in orbita sopra la nostra testa.

satelliti Starlink

Cosa sappiamo sulla tempesta geomagnetica che ha distrutto i satelliti Starlink

Le tempeste geomagnetiche sono il risultato delle interazioni tra il vento solare, un flusso di particelle cariche provenienti dal sole, e il campo magnetico terrestre. Queste tempeste provocano il riscaldamento dell'atmosfera e l'aumento della densità atmosferica alle basse altitudini.

Da un'analisi preliminare effettuata da SpaceX, l'aumento della resistenza alle basse quote ha impedito ai satelliti di lasciare la modalità provvisoria per iniziare le manovre di sollevamento dell'orbita. Di conseguenza la velocità e la gravità della tempesta hanno provocato una sorta di resistenza atmosferica ​​fino al 50% superiore rispetto ai lanci precedenti.

Si poteva evitare?

La società di tecnologia spaziale, fondata da Musk 20 anni fa, ha condotto il lancio il 3 febbraio, schierando 49 satelliti Starlink in orbita terrestre bassa da un razzo Falcon 9. Ma il giorno successivo, una tempesta geomagnetica ha costretto gli ingegneri a interrompere la missione.

Nonostante ai satelliti fosse stato ordinato di evitare la traiettoria della tempesta, cambiando l’angolo di volo e volando di "taglio", cioè come un foglio di carta, non sono riusciti a eseguire le manovre necessarie per raggiungere l'orbita richiesta.

Fino a 40 satelliti rientreranno o sono già rientrati nell'atmosfera terrestre, e quelli in deorbitazione non comporteranno alcun rischio di collisione con altri satelliti. Questa perdita è già da record perché rappresenta il maggior numero di satelliti mai eliminati da un singolo evento geomagnetico.

Pioveranno satelliti?

I satelliti Starlink sono progettati per disintegrarsi al rientro nell'atmosfera terrestre, il che significa che non verranno creati detriti orbitali e nessuna parte del satellite colpirà il suolo terrestre. SpaceX ha già lanciato 2.000 satelliti Starlink e ha il permesso delle autorità statunitensi d'inviarne in tutto 12.000.

Le proteste dagli astronomi sui satelliti Starlink

Tutto ciò ha suscitato una crescente preoccupazione da parte degli astronomi, che temono che una "megacostellazione" di decine di migliaia di satelliti possa rovinare il cielo notturno ma soprattutto ostacolare lo studio dell'universo.

E non solo...

Josef Aschbacher, capo dell'Agenzia Spaziale Europea, ha affermato a dicembre che Musk, parafrasando, si vuole imporre un po' troppo nello spazio e ha chiesto un'azione coordinata dall'Unione Europea per garantire che la costellazione Internet satellitare di SpaceX non impedisse ad altri Paesi di lanciare i propri satelliti.

Nello stesso mese, la Cina ha accusato gli Stati Uniti di aver ignorato gli obblighi dei trattati internazionali dopo 2 incontri molto ravvicinati in cui la stazione spaziale cinese è stata costretta a manovrare per evitare collisioni con i satelliti Starlink.

Il prossimo lancio di satelliti Starlink è previsto per il 14 febbraio. Staremo a vedere.

E dallo spazio è tutto, alla prossima puntata!

L'aumento della resistenza alle basse quote ha impedito ai satelliti di lasciare la modalità provvisoria per iniziare le manovre di sollevamento dell'orbita.

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - Codice ISSN 2704-6656
Editore: Ninja Marketing Srl, Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4, Palazzo A - scala 2, 20057 Assago (MI), Italy - P.IVA 04330590656.
© Ninja Marketing è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY