Tech

Tecnologia connessa: sei sicuro che ti faccia (soltanto) bene?

A volte, le tecnologie che quotidianamente ti aiutano nella tua vita hanno la possibilità di essere controllate da terzi, spesso con le peggiori intenzioni

Anna Tartaglia 

Visual Communication Specialist

Se stai leggendo questo articolo probabilmente farai parte di quella cerchia di persone appassionate di tecnologia connessa. Probabilmente avrai tecnologie avanzate all'interno della tua casa, o del tuo luogo di lavoro. E altrettanto probabilmente non ti sarai mai chiesto se tutto questo possa avere in sé anche un lato oscuro.  Ecco perché siamo sicuri che tu riesca a capire l'importanza di conoscere, saper gestire e sfruttare al meglio tali tecnologie.

L'importanza di una tecnologia sicura

Technology in the hands of businessmen

Probabilmente ti scioccherà sapere che alcune di queste tecnologie che quotidianamente ti aiutano nella tua vita, hanno la possibilità di essere controllate da terzi, spesso con le peggiori intenzioni.
Alcuni giorni fa è avvenuto il primo attacco botnet da parte di hacker utilizzando un vero e proprio esercito di dispositivi domestici vulnerabili e non protetti, connessi tra loro con lo scopo di colpire i più grandi siti web del mondo.

Molti di voi penseranno che questo problema non li riguarda: la realtà invece è che i nostri dispositivi domestici sono anch'essi vulnerabili e soggetti ad una potenziale schiavitù che li porterà a fare cose senza il nostro permesso.
Alla luce di questi recenti eventi, la domanda da porci è quindi: cosa influenza il tipo di rapporto che hai con la tecnologia intelligente?

Leggi anche: l'identità digitale tra ologrammi e realtà aumentata

Cosa fare, quindi?

Dovrai preoccuparti quindi di quanto innocue siano queste tecnologie? Non esageriamo! Il punto è che la fiducia e la responsabilità che affidiamo a questi oggetti è sempre più riconducibile alla fiducia che trasmessa dalla marca che li fornisce.
Senza questa fiducia le nostre case non sarebbero più quei luoghi sicuri che ci aspettiamo, ma anzi sarebbero invasi da un "esercito di prodotti" comandati da altri e che hanno accesso però ai luoghi più intimi della nostra vita. Ecco perché le marche stesse che forniscono questi oggetti dovrebbero avere l'obbligo di fornire anche i requisiti di sicurezza necessari per i loro prodotti.

Quanto più il mercato si satura di prodotti intelligenti, tanto più dovremmo essere interessati a vedere come le marche costruiranno relazioni con i consumatori sulla base delle reali esigenze e esperienze, perché sono tali relazioni che andranno ad influenzare il rapporto tra consumatore e tecnologia.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy