Startup

Dave McClure di 500 Startups si scusa per i suoi comportamenti nei confronti delle donne

Il founder di 500 Startups nell'occhio del ciclone, ma il problema del rapporto del mondo del Tech con le donne ha radici più profonde

Dave McClure, il partner fondatore dell’incubatore per startup 500 Startups, si è scusato per i suoi comportamenti nei confronti delle donne del Tech.

Il post arriva come risposta ad un articolo del New York Times, nel quale McClure veniva accusato di un messaggio inappropriato su Facebook nei confronti dell’imprenditrice Sarah Kunst, che stava considerando un posto all’interno dell’incubatore.

“Più volte ho approfittato della mia posizione con le donne del mio settore, mettendole in situazioni inadeguate e inappropriate. Il mio comportamento non aveva scuse ed era sbagliato“, ha scritto McClure.

Dave McClure

Dave McClure lascia il suo ruolo di CEO a Christine Tsai

Proprio a causa della vicenda, ed in seguito ad una indagine interna, McClure ha deciso di lasciare la gestione di 500 Startups.

Si tratta però solo dell’ultimo caso nel settore, di una cattiva condotta nei confronti di donne con ruoli di qualsiasi genere all’interno delle aziende, dai Manager alle semplici impiegate, come era già capitato anche in Uber recentemente.

Nel frattempo,il nuovo direttore esecutivo di 500 Startups, Christine Tsai, si è espressa con queste parole in relazione ai cambiamenti in atto:

“Negli ultimi mesi abbiamo scoperto che il mio co-fondatore Dave McClure aveva relazioni inappropriate con le donne nella comunità tecnologica. Il suo comportamento era inaccettabile e non rifletteva la cultura e i valori di 500 Startups. Mi scuso sinceramente per le scelte che ha fatto e il dolore e lo stress che ha causato. Ma le scuse non sono sufficienti senza azioni e cambiamenti significativi.

Per questo motivo abbiamo deciso alcuni mesi fa di cambiare la nostra struttura di leadership. Ho assunto il ruolo di amministratore delegato, che prevede di dirigere il team di gestione e le operazioni giornaliere di 500 Startups.

Il ruolo di Dave è stato limitato all’adempimento dei suoi obblighi ai nostri investitori come Partner. Inoltre, sta lavorando con un consulente al cambiamento delle sue prospettive e del suo comportamento inaccettabile.

[…] Il cambiamento che vorrei vedere è quello di un ambiente startup in cui tutti, indipendentemente dal genere e dal background, si sentano benvenuti e sicuri. Un ambiente in cui la molestia sessuale o la discriminazione non impedirà ai grandi talenti di produrre grande impatto.

Come facciamo ad attuare questo cambiamento?

Cominciando da me e dal lavoro che 500 Startups ha iniziato e continuerà a fare. […] Abbiamo molto da fare”.

Donne e Tech: un cambiamento necessario

Rashmi_Sinha_of_slideshare_at_LinkedIn_(7390928274)

Nel frattempo, un post di Rashmi Sinha, CEO di SlideShare, ha portato alla luce una diversa esperienza nel rapporto tra una donna leader della propria azienda e Dave McClure. Nonostante l’imprenditrice critichi i comportamenti di McClure nei confronti delle donne, il suo post su Medium mette in luce un altro aspetto molto importante riguardo alla vicenda: McClure avrebbe solo aperto gli occhi a Rashmi Sinha rispetto alla sua possibilità di ricevere un finanziamento e far crescere la sua startup in un mondo che non vede di buon occhio la presenza di un leader donna in azienda.

Il problema, ancora una volta, parte dalla base di valori culturali condivisi nel settore del Tech.

Non basteranno altre indagini interne e altre scuse a modificare lo stato delle cose. Ciò di cui si sente davvero il bisogno è un cambiamento sostanziale.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?