Week in Social

Week in social: Facebook pronto a salvare il mondo e YouTube le vostre serate solitarie

Tutte le novità social in una tranquilla settimana di mezza estate, dal serenissimo mondo dei social media

In questo ultimo venerdì di giugno, oltre agli aperitivi in spiaggia o all’organizzazione delle vacanze, non possiamo sicuramente perderci le principali novità social della settimana. Ecco quindi la nostra review.

Facebook

Iniziamo dall’impero di Zuckerberg, che festeggia il raggiungimento di ben 2 miliardi di utenti iscritti.

Questo dato, oltre a confermare che Facebook resta il social media più utilizzato, ci evidenzia anche un altro traguardo, ben più impressionante: più di un quarto della popolazione mondiale ne fa uso. Considerando che è vietato in Cina e limitato in altre nazioni, che le persone al di sotto dei 13 anni non ci si possono iscrivere e che delle 7.5 miliardi di persone nel mondo 3.8 miliardi non hanno accesso a internet, risulta che in effetti Facebook è utilizzato dal 53% delle persone che possono accedere al web, più di una ogni due.

Se vuoi celebrare questo risultato insieme a Facebook, puoi farlo con il video personalizzato lanciato per l’occasione.

È comunque sempre più chiaro che da questa reach deriva molta responsabilità. Ecco perché Zuckerberg ha annunciato un cambio di mission che punta a fare la differenza: “Bringing the world closer together“.

Nell’ultimo decennio ci siamo concentrati nel rendere il mondo più interconnesso e aperto. Ma pensavo che per rendere il mondo un posto migliore fosse sufficiente dare alle persone un mezzo per esprimersi e aiutarle a essere connesse una con l’altra. Guardandoci intorno, però, vediamo che la società è ancora fortemente divisa. Abbiamo la responsabilità di fare di più, non solo connettere il mondo, ma renderlo più unito.”.

Queste le parole di Zuckerberg che pongono grandi obiettivi, ma fanno anche sorgere anche grandi questioni in merito alle modalità di interazione di queste intenzioni con i più concreti obiettivi di business.

Ma non di soli ideali vive l’uomo, e neppure Facebook Messenger, che ha recentemente lanciato negli USA Discover, una nuova sezione all’interno di Messenger in cui cercare nuovi bot, locali e aziende nei paraggi. Per le aziende Discover diventa un tool per mostrare messaggi agli utenti di Messenger.

discover

Last but not least, Facebook continua il suo percorso televisivo e lo fa questa volta andando dritto al cuore dei 34 milioni di tifosi che seguono la Champions League. Grazie ad un accordo con Fox Sport, infatti, sarà possibile seguire la Champions direttamente su smartphone, senza doversi scomodare a uscire dal social network. La visione, gratuita, prevede: due match di ciascuna giornata nella fase a gironi, quattro gare negli ottavi di finale e altre quattro gare nei quarti. Al momento questa svolta epocale è riservata agli Stati Uniti.

A tal proposito, Luca La Mesa, il top teacher di Ninja Academy, ha commentato:

La notizia non è la prima del suo genere dati gli accordi già firmati il mese scorso con la Major League Baseball per trasmettere 20 partite ma è sicuramente la più eclatante per il grande interesse mondiale verso il calcio e la Champions League. Facebook sta sapientemente studiando tutti i meccanismi per abituarci a rimanere sempre più a lungo sulla sua piattaforma. In particolare ci abitueremo a vedere filmati molto più lunghi (come una partita di calcio) per poi ritrovarci a vedere delle mini serie che si vocifera essere in studio proprio in questo periodo ed infine ci faranno compagnia delle Facebook Live di utenti con un buon pubblico che potranno lanciare dei veri e propri “spot” durante la diretta andando in revenue share pubblicitario con Facebook. L’importante è che la contropartita per noi utenti sia la qualità dei contenuti, e la Champions League sicuramente è qualcosa di super riconosciuto e apprezzato. Se volete provate a stimare quanti utenti in contemporanea vedranno la prima partita su Facebook Live e a Settembre vedremo insieme i risultati.

Instagram

Kevin Systrom, CEO e co-fondatore di Instagram, ha annunciato che sono arrivati due nuovi due filtri per mantenere Instagram un luogo sicuro in cui ognuno possa esprimersi: un filtro per i commenti offensivi e un filtro anti-spam. Una mossa che conferma l’impegno del social network nel voler essere un luogo aperto e accogliente per tutti.

Il primo filtro nasconderà i commenti offensivi nei post e nei video in diretta e sarà possibile disattivarlo andando nel menu delle impostazioni delprofilo, scorrendo fino a toccare “Commenti”. Il lancio del filtro sarà dapprima in inglese, ma altre lingue verranno in seguito integrate. Il filtro anti-spam, invece, rimuoverà lo spam evidente nei commenti in inglese, spagnolo, portoghese, arabo, francese, tedesco, russo, giapponese e cinese. Questi filtri si basano sul “machine learning”, ottimizzato per essere in grado di riconoscere i commenti offensivi e lo spam.

instagram

Snapchat

Anche da Snapchat arrivano novità che potrebbero essere utili ai business, nonostante siano al momento limitate al mercato USA. Finalmente sarà possibile personalizzare i filtri di geolocalizzazione direttamente dall’app, quindi senza doverli creare dapprima in studio.

custom-snap-filters

Sarà sufficiente andare in setting, nel menu chiamato “Geofiltri on-demand”  scegliere tra opzioni pre-impostate, scegliere un template e personalizzarlo con testo, emoticons e tutti gli sticker di Snapchat. Potrai poi selezionare in che luogo e tempo vorrai rendere disponibile il filtro e inviare a Snapchat per approvazione, voilà!

Youtube

E chiudiamo con una grande svolta firmata Youtube: Uptime. Con Uptime i tempi in cui guardavate la TV facendo live tweet vi sembreranno preistorici come l’idea di fare uno squillo in risposta a un sms.

Perché guardare i video da soli  e condividerli, quando potete guardarli direttamente insieme ai vostri amici? Sia guardando in contemporanea che in tempi diversi, potrete condividere reazioni che, comunque, compariranno al tempo esatto in cui le avete inserite. L’app inizialmente prevedeva un invito per condividere l’esperienza, mentre ora quest’opzione è stata eliminata.

I tipi di reazioni previsti sono qualcosa che già conosciamo e che arrivano un po’ da tutti gli altri social: faccina che sorride, faccina sorpresa, cuoricini, faccina arrabbiata, smorfie e lacrime. Potrete anche inondare il video di stelline, ma queste saranno visualizzate soltanto da chi vede in diretta con voi il video. Tra le ultime novità, inoltre, anche la possibilità di ricercare gli amici di Facebook. Insomma, sembra che Uptime sia sempre più pronta a uscire dalla fase test e a conquistare il nostro tempo libero.

uptime

Tra chi vuole salvare il mondo e chi propone di inondare i video di stelline, anche questa settimana è stata piuttosto piena di novità. Vediamo ora, cosa ci porterà il resto dell’estate.