Social Media

Social network e senso di appartenenza aziendale: come sentirsi parte di un gruppo

La rivoluzione digitale ha inglobato le imprese e i social network interni saranno gli strumenti per tornare a respirare un autentico spirito di squadra

Valerio Faedda
Valerio Faedda

Web Editor & Social Media Manager @Club Esse

Esiste un mondo dove gli esseri umani hanno imparato ad usare in modo responsabile e socialmente utile i social media e le aziende, piccole o grandi che fossero, hanno rafforzato il loro brand grazie alla rinnovata produttività dei suoi lavoratori, che finalmente, nonostante la rivoluzione digitale, provavano di nuovo un senso di appartenenza aziendale? Probabilmente sì.

Il senso di appartenenza aziendale è il sogno di ogni dipendente

È un mondo dove tutto questo accade grazie all’utilizzo di social network interni, che ovviano alla grande scocciatura di mandare “millemila” email anche per chiedere al tuo vicino di scrivania di andare a giocare a calcetto.

LEGGI ANCHE: Il profilo Instagram? Ormai ce l’hanno proprio tutti. Anche gli animali

Appartenenza aziendale vs Isolamento social(e)

Il grosso paradosso di questo nuovo mondo digitale parallelo che viaggia di pari passo con quello reale, è che la smisurata quantità di informazioni e la velocità con cui ci si può accedere, ha reso l’individuo mediale sempre più isolato.

Il senso di appartenenza azienda aiuta a non isolare l'individuo a lavoro

LEGGI ANCHE: L’utilizzo di internet che provoca l’isolamento

Un fenomeno che impatta sulla vita aziendale, considerando come la tendenza a isolarsi impatti negativamente anche sul senso di appartenenza aziendale, il quale si dissolve nella crescita dell’automatismo legato all’utilizzo dell’email, dell’efficienza digitale e dell’integrazione globale. Sempre più mansioni vengono interamente soppiantate dai computer, con il risultato che i dipendenti perdono la vocazione all’impegno con e verso la collettività.

E mentre le multinazionali sono tutte concentrate all’integrazione di tecnologia e marchingegni digitali per incrementare la produttività, sempre più lavoratori abbandonati meccanicamente alle loro faccende si trasformano in lupi solitari.

La sfida futura dell’appartenenza aziendale passa per il web

Senza una strategia focalizzata l’entusiasmo per il network interno, che deve essere funzionale e funzionante per acquistare il senso di appartenenza verso l’azienda, si spegnerà immediatamente.

Se si fanno entrare i dipendenti in questo circolo social(e) creando aspettative, e poi si propone qualcosa di blando o quasi desertico, il rischio può essere quello di perderli definitivamente con esiti imprevedibili e potenzialmente negativi per l’azienda stessa.

Come strutturare i social network interni

Per questo, per mantenere vivo il legame dipendente-azienda facendo respirare un vero spirito d’appartenenza, devono essere sviluppati spazi digitali dove ogni persona è sempre più coinvolto durante lo svolgersi della propria mansione: un luogo dove sia possibile la condivisione della conoscenza reciproca incentiva, e dove sia stimolata la libera circolazione delle idee e la creazione spontanea di gruppi di lavoro.

Piattaforme in cui sia possibile fare domande ma soprattutto sia possibile risolvere problemi complessi. Canali dove i dirigenti diano l’esempio. Come ci si può aspettare un rinnovato senso di appartenenza aziendale se il dirigente latita sui social o ne fa un utilizzo superficiale di mera apparenza?

Il senso di appartenenza aziendale accresce grazie alla leadership

Non una sfida semplice, poiché una partecipazione sociale attiva va guadagnata, non acquistata. La vera chiave del successo affinché i social network interni funzionino è l’autenticità e la passione con cui la leadership parteciperà attivamente a questi nuovi canali di costruzione del senso di appartenenza aziendale.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Valerio Faedda

Web Editor & Social Media Manager @Club Esse

La cinematerapia con me è l'unica cosa che funzioni. Osservo tutto, leggo tutto e ascolto tutto, poi, faccio come mi pare con entusiasmo. Laureato in Comunicazione multimediale ... continua

Condividi questo articolo


Segui Valerio Faedda .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it