Social Media

Social Media: come salvaguardare la propria autostima sul web

Eliminate le app dalla home e silenziate le notifiche, ecco alcuni consigli per evitare di essere sopraffatti dal fenomeno del Fear of Missing Out

Ti piacerebbe entrare in connessione con uno dei più prestigiosi esperti italiani di Social Media e ricevere aggiornamenti continuativi e notizie imperdibili? Scopri il Social Media LIVE Program con Luca La Mesa, Top Teacher Ninja Academy.

Li amiamo tanto, non potremmo immaginare 24 ore senza scorrere con il dito nel feed o una giornata senza un boomerang da condividere. Di che parliamo? Dei nostri cari social network, eppure qualcosa, a volte, non fila poi cosi liscio.

I social media possono aiutarci a sentirci più connessi con i nostri amici, ma per molti di noi la cultura dell’ “esserci sempre e comunque” può avere un impatto negativo e frustrante. Oggi vogliamo parlarvi proprio di questo, di come, con alcuni accorgimenti, è possibile salvaguardare la propria autostima sul web.

Social Media disruption

Con circa 10 milioni di nuove fotografie postate ogni giorno su Facebook e Instagram, gli esperti affermano che i social media rappresentano una miniera di infinite possibilità di interazione e di stimoli, non sempre positivi.

Cosa vogliamo dire? Che se da una parte il mondo social ci offre grandi opportunità di apprendimento e creatività, dall’altra contribuisce all’isolamento e alla continua competizione con i nostri simili.

Social Media

Inoltre, secondo uno studio condotto dall’Università di Yale e della California e rilanciato dal Wall Street Journal, più si usa Facebook e meno si è felici e in salute. Esagerato? Forse si, ma l’ossessione di come si appare e la paura di “non esserci”, il cosiddetto fenomeno del “Fear of Missing Out”, possono arrecare gravi danni e una percezione distorta di quello che siamo.

Non andando ad approfondire questioni ben più gravi e degenerative oggi vogliamo suggerirvi qualche semplice tattica per non lasciarsi sopraffare. Vediamoli insieme.

Create una cartella personale con contenuti positivi e motivazionali

Che sia su mobile o desktop, che sia di immagini, testi, video, ricordi o progetti, non importa, ciò che conta è che sia piena di messaggi e input positivi per voi. Create una cartella che contiene quelle che voi riconoscete come motivazionale.

Vi state chiedendo perchè? Per evitare di essere sopraffatti dalla confusione e dai messaggi spesso pretenziosi del web e dei social. Quante volte vi sarà capitato di rimanere delusi e diciamolo anche leggermente invidiosi del successo di un vostro amico ostentato a gran voce sul web? Quindi via libera a ciò che vi rende positivi e sicuri di voi stessi.

Social disruption

Elimina le app dalla home del telefono

Non è necessario cancellare o chiudere gli account social. Ma eliminare, anche temporaneamente, le app dal telefono può aiutare a frenare l’impulso di controllare costantemente tutti gli account. Se ritenete che accedere costantemente a Instagram, per esempio, vi stia intrappolando in una spirale di pensieri negativi, la cancellazione delle app, anche se per un breve periodo di tempo, potrebbe farvi sentire più positivi. Provare per credere.

Social_autostima_4

Imponetevi un limite all’utilizzo dei social media

Se di cancellare, anche temporaneamente, le vostre app social, non ne volete proprio sapere, la scelta migliore è allora quella di limitare il tempo trascorso sui social network.

Silenziate le notifiche

I social media sono utili, divertenti, non potremmo immaginare le nostre giornate e le nostre attività senza, ma diciamolo possono anche essere spesso invasivi. Per questo vi consigliamo di silenziare almeno le notifiche push che vi arrivano dai diversi canali social. Non sempre è giusto e conveniente farsi distogliere da quello che stiamo facendo per dedicare attenzione all’ultimo traguardo raggiunto dal vostro  ex compagno di liceo o dalla foto perfetta del vostro idolo.

E voi avete qualche altro importante suggerimento da condividere con la nostra community? Aspettiamo i vostri commenti. Dove? Naturalmente, sulla nostra fanpage di Facebook o sul nostro gruppo LinkedIn.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?