Social media

I vantaggi di integrare Influencer nella propria social media strategy

Dalla creazione di contenuti autorevoli, all'incremento della brand awareness. Ecco alcuni dei vantaggi di integrare un influencer nella tua social media strategy

Emanuele Loiacono
Emanuele Loiacono

Digital strategist & Social Media Manager @TBI Marketing

Viviamo in un mondo di influencer. Reali o sedicenti,  il mondo dei social media ormai è popolato da strane creature, che con un solo post sui loro profili social riescono a generare centinaia di migliaia di like, condivisioni e commenti. Oggi i brand di tutto il mondo si affannano per cercare di accaparrarsi i migliori, quelli che più di ogni altro riescono ad influenzare gusti, tendenze e scelte d’acquisto.

Ma, nella pratica, chi sono gli Influencer?

Per descriverli in maniera semplice e divertente potremmo utilizzare questa simpatica citazione di Francesco Mattucci, social media strategy e ideatore del progetto @kitchensuspension:

Tu porti le ballerine, tuo babbo ti critica, tu continui a portarle. Tu porti le ballerine, il tuo fidanzato vomita, tu continui a portarle. Tu porti le ballerine, Chiara Ferragni dice che fanno schifo, tu le bruci”.

Gli influencer non sono strane creature, ma utenti che grazie all’unicità e qualità dei loro contenuti hanno costruito una rilevanza riconosciuta agli occhi (ai pollici e ai cuori) di un ampio gruppo di utenti. Grazie al loro lavoro di content creation, danno vita giornalmente a messaggi capaci di influenzare ampie fasce di pubblico in maniera autorevole e credibile.

Influencer Marketing e social media strategy

influencer marketing e social media

Dominando le conversazioni online, gli influencer possono diventare parte integrante di una social media strategy, aiutando attraverso quelle che sono le azioni di Influencer Marketing le aziende e i brand a costruire o rafforzare la propria brand awareness, intercettare le giuste nicchie di pubblico e permettere di aumentare engagement e interesse nei confronti di un prodotto.

Un recente studio condotto da McKinsey sull’impatto che post e tweet hanno sulle vendite dimostra come la social raccomandation influenza in maniera significativa la customer journey e le decisioni d’acquisto degli utenti.

Se accuratamente selezionati, in base a valori condivisi e a strategie e obiettivi definiti, integrare uno o più influencer nella social media strategy di un’azienda o un brand, può permettere di raggiungere una serie di vantaggi.

Content strategy: come centrare l'obiettivo con il contenuto

Credits: Adobe Stock #121810447

Arricchire la content strategy con contenuti validi e verticali

È necessario arricchire il proprio piano editoriale di contenuti validi e pertinenti? Niente di meglio che inserire nella social media strategy una figura autorevole e competente, capace di creare contenuti di qualità che parlino del brand o del prodotto.  La costante attività social degli influencer inoltre, permetterà di dare grande diffusione ai contenuti prodotti.

Diffondere la conoscenza del brand

I numeri rilevanti degli influencer in termini di numero di follower e portata dei loro post aiuta ad incrementare la brand awareness. Un maggior numero di utenti inizierà a sapere di più della storia dell’azienda, del prodotto, delle soluzioni offerte ai clienti, arricchendo il tutto con l’autorevolezza che gli viene riconosciuta. Gli utenti si fidano di loro.

brand-awareness

Aumentare la brand reputation

L’elevata reputation di un influencer permette ai brand di aumentare la propria, incentivando il passaparola positivo. Autorevolezza, credibilità e un’ampia audience su cui far leva sono elementi cardine per aumentare la reputazione agli occhi degli utenti. Ovviamente siate sempre sinceri, poiché gli influencer fanno della propria immagine la loro fortuna: se il brand o il prodotto presenta criticità o punti oscuri, difficilmente saranno disponibili a collaborazioni o partnership.

Gestire situazioni di crisi

Grazie alla loro consolidata reputazione, gli influencer possono aiutare ogni brand a gestire situazioni di crisi che possono nascere sui social media, bilanciando il buzz negativo. Assumono quindi il ruolo di mediatori, comunicando le azioni che l’azienda ha intrapreso per rimediare ad una determinata criticità.

Raggiungere il target

Uno dei vantaggi più importanti. Gli influencer possono raggiungere nicchie importanti di utenti mirati, che sono già sensibili ad un determinato argomento o prodotto. Questo permetterà all’azienda di avere a disposizione un pubblico altamente profilato di potenziali nuovi clienti.

Dare maggiore visibilità ad un evento offline

Raccontare e diffondere velocemente sui social un evento live o la presentazione in anteprima di  di un prodotto, attraverso dei live tweet o delle dirette da parte degli influencer, permette di creare delle vere e proprie esperienze in diretta, che potranno godersi i follower dell’influencer e anche dell’azienda, rendendoli attivi e partecipi.

Come dimostrato in questi sei punti, l’influencer marketing può essere una grande risorsa per la social media strategy. Tuttavia è uno strumento in continua evoluzione e capace di mutare caso per caso e settore per settore.

Occorre quindi pianificare con cura la strategia e gli obiettivi da raggiungere, individuare i giusti influencer in base a budget e settore di competenza e soprattutto lavorare insieme, adottando l’approccio di una vera e propria collaborazione tra brand e influencer e non quello di una semplice marchetta.