Social media

Qual è la piattaforma più adatta per il tuo video Live?

I video live sono uno dei formati migliori per coinvolgere il pubblico e diffondere i tuoi messaggi

Giuseppe Colaneri

Copywriter, Social Media Marketer, Editor

Noi Ninja lo ripetiamo da tempo: i video sono uno dei formati migliori per coinvolgere il tuo pubblico e diffondere i tuoi messaggi. Tra questi, le dirette rivestono sempre più maggior rilevanza strategica. Le cosiddette “live” sono infatti semplici da fare, rapide ed estremamente coinvolgenti per un pubblico sempre più affamato di video, spontaneità e possibilità di dialogare direttamente con i propri brand o esperti di riferimento. 

Perché i live video sono così popolari? Il primo motivo è semplice e lo abbiamo già citato: i contenuti video sono generalmente preferiti al testo e alle immagini statiche. Le connessioni mobile sono sempre più veloci ed è praticamente possibile vedere un filmato in qualsiasi momento.

In più, le dirette stimolano il senso di comunità o di appartenenza a un evento. In poche parole: l’effetto “io c’ero”. Infine è la possibilità di interagire istantaneamente con chi conduce la diretta, di dare un feedback molto più immediato di un commento su un post, magari programmato giorni prima. La sensazione, o l’illusione, che quel brand o quel tale personaggio siano lì pronti a leggere il tuo commento rende le live ancora più potenti nel generare engagement.

Sebbene possano sembrare tutti simili, i diversi social network gestiscono i live video in maniera differente. Vediamo insieme allora come le principali piattaforme social utilizzano le dirette e quali potenzialità offrono in confronto agli altri.

Facebook-Live-Video

Facebook 

La creatura di Mark Zuckerberg è talmente ricca di utenti da essere quasi diventata il sinonimo di “social network”. Le live video sonno da molto tempo una realtà di sua maestà Facebook e sono uno dei formati maggiormente graditi dal famoso algoritmo della newsfeed.

Meglio ancora: le dirette sono spesso segnalate da apposite notifiche, per far conoscere a tutti i follower di quella pagina dell’esistenza di una live in corso: ottimo per avere una buona reach organica! Con un buono smartphone e una connessione decente, bastano pochi tap sull’app mobile per far partire la diretta. Puoi riprendere eventi, svelare i tuoi prodotti in anteprima o anche organizzare un rapido confronto con i tuoi follower su uno specifico tema, raccogliendo domande alle quali risponderai con competenza.

Una volta terminata la diretta, sfruttala per i tuoi contenuti: riproponila come video per chi se l’è persa o utilizza i feedback ricevuti per creare nuovi post o articoli che risponderanno ai bisogni della tua community. Insomma, sii creativo e pensa sul medio-lungo periodo.

twitter_live

Twitter

Proprio sul finire del 2016, Twitter ha integrato nella sua app le funzionalità di Periscope. Proprio come le dirette di Facebook, anche le live di Twitter sono semplicissime da mettere in atto e mostrano il numero di spettatori, di interazioni (senza tutto lo spettro delle reacticon di Mark, però) e i commenti di chi guarda al momento.

Una volta terminate, queste saranno visibili sia nello storico dei tweet che su Periscope, in modo da – ci si augura – raggiungere una maggiore audience. La perfetta integrazione tra le due piattaforme rende possibile lo sfruttamento della celebre “mappa” degli streamer di Periscope: decisamente utile per raggiungere gli utenti più vicini alla tua attività. L’aspetto negativo? Periscope non è certamente popolato come Facebook, quindi se la tua audience non è particolarmente attiva su quella piattaforma forse Twitter e Periscope non sono i canali che fanno per te.

instagram-live-video-ftr-img

Instagram

Dopo un inizio puramente al servizio delle fotografie, Instagram sta pian piano diventando un luogo ottimo anche per chi ama condividere video. Anche su Instagram è ormai possibile fare delle live, ma con delle piccole differenze rispetto a quanto citato per i due social network di prima. Le dirette sono una delle funzioni delle Instagram Stories, ormai usate da oltre cento milioni di persone al giorno, e spariscono non appena finiscono. Sì, non puoi riutilizzare lo stesso contenuto. 

Per questo motivo, forse è più indicato utilizzare Instagram per live di breve durata, molto informali, magari per mostrare i “dietro le quinte” del tuo lavoro piuttosto che, invece, un’intervista o un Q&A che possono generare valore anche nel tempo. Una caratteristica unica delle dirette di Instagram? La possibilità di “pinnare” un commento, in modo da renderlo più evidente.

E tu, quale social usi per le tue dirette? O magari preferisci utilizzare piattaforme puramente dedicate allo streaming come Twitch e Hitbox?

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?