Instagram

Come gestire il tuo primo Instagram takeover?

Quattro consigli per essere l'ospite perfetto

Elisa Speroni
Elisa Speroni

Uber Social

    Sapete cos’è un Instagram takeover? Si tratta di una pratica abbastanza diffusa all’estero, meno qui in Italia, che vede i brand affidare il proprio account Instagram a un artista, un fotografo, una personalità quotata e apprezzata, che per un periodo breve produca i contenuti per conto dell’azienda. Un processo che è stato messo a regime ad esempio – spostandosi su un altro social – per l’account Twitter della Svezia.

    Torniamo però a bomba su Instagram: quando un brand decide di collaborare con un influencer, di sicuro non è per caso. Ovvio che la scelta ricada su un profilo idoneo a veicolare i valori della marca, e che attraverso la propria personalità potrà dare un valore aggiunto alla comunicazione social.

    Ma, come dice Spider-Man: “Da grandi poteri derivano grandi responsabilità”. E questo vale anche per i post. Se sei stato scelto come ospite per il tuo primo Instagram takeover e l’account che devi gestire ha migliaia di fan, avrai gli occhi puntati su ogni singolo movimento che farai. Questo riguarda sia il pubblico, che vorrà conversare con te e si aspetta di vedere contenuti di qualità, sia l’azienda, che seguirà da vicino ogni tua mossa e risultato.

    Ma la prima regola è mantenere la calma, giusto?

    Ecco quindi quattro consigli da seguire per far sì che il tuo primo Instagram takeover sia un successo dall’inizio alla fine.

    Stabilisci gli obiettivi in anticipo

    Come_gestire_il_tuo_primo_Instagram_takeover
    Prima che la collaborazione abbia inizio, è buona norma che entrambe le parti rispondano a una serie di domande per essere consapevoli e preparati sulle aspettative che riguardano il progetto. Eccone alcune:

    Obiettivi – Il brand che cosa si aspetta di ottenere con questa collaborazione? Vuole stimolare l’interazione del pubblico con l’azienda? Vuole avere più seguito? Vuole mettere in evidenza un nuovo prodotto?

    Kpi – Come sarà misurato il risultato ottenuto dal takeover? Si potrebbero valutare il numero dei mi piace per ogni post condiviso dell’influencer oppure il numero dei nuovi follower che sono stati attratti dalla sua gestione della pagina Instagram aziendale. Entrambe le metriche sono accettabili, l’importante è definirle a principio per non generare false aspettative.

    Date – Vanno definite le date in cui l’influencer sarà ospite dell’Instagram aziendale. Potrebbe essere un paio di giorni, una settimana o anche di più.

    Contenuti – L’influencer è stato scelto anche per il suo elevato grado di affinità con l’estetica aziendale. In ogni caso, se non è del tutto sicuro di quello che può postare, è una buona idea rivolgersi direttamente all’azienda e domandargli se vuole un contenuto specifico.

    Piano editoriale – C’è un minimo o un massimo numero di post che l’influencer deve postare ogni giorno? Concordare in principio un modello di pubblicazione ideale, può essere d’aiuto per evitare incomprensioni.

    Hashtag – Incoraggiare l’utilizzo di hashtag creati specificamente per l’occasione è un buon modo per poter monitorare la partecipazione e il successo complessivo dell’operazione. Se l’influencer non vuole includere alcuni hashtag nei post, per esempio perché appartengono a un suo concorrente o non rispettano la sua personalità, è sempre meglio parlarne prima all’azienda.

    Login – L’azienda deve decidere se lasciare le credenziali d’accesso della sua pagina Instagram all’influencer di modo che lui possa gestire tutta l’operazione in autonomia dall’inizio alla fine oppure può decidere di provvedere a postare internamente i contenuti creati dall’influencer.

    Cambia il tuo modo di postare

    Come_gestire_il_tuo_primo_Instagram_takeover

    C’è un modo classico di postare che comprende essenzialmente le fotografie. Ma puoi animare il takeover utilizzando le numerose possibilità che ti offre la piattaforma di Instagram.

    Instagram Carousel – Con il recente aggiornamento Instagram permette di condividere fino a dieci fotografie in un singolo post, dando la possibilità ai fan di vedere di più sfogliando il piccolo album.

    Live video – I video danno la possibilità di catturare l’energia del momento in modo autentico e ti permettono di raccontare meglio il tuo punto di vista.

    Boomerang – Rendi vitale la situazione che stai vivendo con mini-video di alcuni secondi che possono essere guardati in loop.

    Instagram Stories – Questa funzione ti permette di separare alcuni momenti dagli altri contenuti. Utilizzala se, per esempio, vuoi documentare la partecipazione a un evento o mostrare una tua proposta sul “come fare a”.

    Interagisci con il pubblico dell’azienda

    Come_gestire_il_tuo_primo_Instagram_takeover

    Un consiglio su come interagire con i fan sin dall’inizio del tuo Instagram takeover? Inizia spiegando chi sei, da dove vieni e che cosa ti ha portato qui. Termina il tuo intervento con una call to action che incoraggi a condividere più informazioni personali da parte del pubblico e cerca di rispondere il più possibile ai loro commenti.

    Promuovi il takeover sui tuoi social

    Come_gestire_il_tuo_primo_Instagram_takeover

    Questa attività è di sicuro sulla lista delle cose da fare, ma, in realtà, dovrebbe essere uno dei primissimi compiti da svolgere una volta che i dettagli sulla collaborazione sono stati stabiliti.

    Promuovi questa collaborazione sui tuoi social e attraverso newsletter dedicate, se hai una mailing list. Non dimenticarti di mettere il tag alla pagina Instagram dell’azienda e di includere l’hashtag che è stato pensato appositamente per l’occasione. Incoraggia i tuoi follower a seguirti utilizzando l’hashtag per postare contenuti a tema e a visitare l’account Instagram dell’azienda che ospita questa iniziativa.

    LEGGI ANCHE: Instagram Stories si aggiorna: arrivano adv e insight

    Come influencer hai già avuto modo di prendere parte a un’iniziativa di questo tipo? Oppure, se hai un’azienda, come hai gestito questo momento? Raccontacelo sulla nostra pagina Facebook e nel nostro gruppo LinkedIn.

    Scritto da

    Elisa Speroni

    Uber Social

    Giornalista pubblicista e copywriter. Scrivo anche racconti e reportage che completo con fotografie narrative. Segni distintivi: riccia e sopra le righe AKA Uber Social @KURLY. ... continua

      Condividi questo articolo


      Segui Elisa Speroni .

      Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it