Marketing

Social Media e Google per il Marketing del Turismo

Dati importanti, best practice e novità dal mondo del Marketing turistico: dallo user generated content a Google Local Guide

Il faro di Punta Palascìa, il muro di John Lennon a Praga, la ruota panoramica di Vienna…

Ci sono viaggiatori che li ammirano lasciando il cellulare in tasca e altri invece che non resistono alla voglia di immortalare questo momento, seguendo un po’ il motto: pics or it didn’t happen.

I social media hanno cambiato molteplici aspetti della vita quotidiana.

Pensa al modo in cui cerchi idee viaggio: fai ricerche nel web e sui social?

Se la risposta è sì, continua a leggere, ti potrebbe interessare.
Se la risposta è no, continua a leggere perché magari in futuro, ti potrebbe interessare!

Come i social e Google influiscono sul marketing del turismo

“Pics or it didn’t happen”

Ecco come i social influiscono sul Marketing del turismo

  1. La ricerca di informazioni sul Web è cambiata. L’89% dei Millennial prenota le vacanze seguendo suggerimenti postati dai coetanei. Da Instagram a TripAdvisor, trovare immagini o recensioni di un appartamento o albergo non è mai stato così semplice.
  2. Il 97% della generazione Y condivide le proprie foto online, creando una community di peer-to-peer da cui trarre ispirazione. Alcuni tour operator ed albergatori hanno capito l’importanza dello user generated content, che a differenza dalle immagini da catalogo è autentico e originale.

Esempio di user generated content

LEGGI ANCHE: Trigger, la nuova app di Twitter pro beneficenza

3. Le recensioni e i reclami al giorno d’oggi raramente arrivano per posta o per email. Più del 50% degli utenti che contattano un brand su Twitter, si aspettano una risposta. La percentuale sale al 75% quando si tratta di reclami. Per questo motivo l’assistenza clienti di compagnie aeree come American Airlines e JetBlue cerca di rispondere ai vari messaggi in maniera tempestiva.

Dall’account di American Airlines prendono il volo diversi messaggi importanti.

4. Le agenzie viaggi hanno digitalizzato i loro servizi per rimanere al passo con i tempi. Ancora oggi il 55% delle prenotazioni dei voli, il 73% dei pacchetti vacanze ed il 77% delle crociere sono effettuate da agenzie.

5. Tramite l’utilizzo degli hashtag, tag e check-in su Facebook è molto semplice seguire gli ospiti e interagire con loro sui social. Così facendo è possibile individuare Influencer o semplicemente trarre spunti da commenti e feedback.

LEGGI ANCHE: Turismo e social media: leisure e MICE

 i Social e Google influiscono sul marketing del turismo, hashtag sabbia

Le novità nel Marketing del Turismo: Facebook City Guides e Google Local Guide

Facebook ha afferrato il potenziale del Marketing del turismo e ha lanciato Facebook City Guides, per ora disponibile solo per utenti iOS.

La nuova funzione raggruppa immagini, eventi, ristoranti e luoghi da visitare in un’unica pagina. Le informazioni riguardanti località ed eventi sono collegate alla propria lista di amici. In questo modo avremo suggerimenti personalizzati e potremo interagire con i nostri amici che hanno già frequentato un locale.

Google Local Guide, invece, passa la parola agli utenti, che completando informazioni sui luoghi di interesse possono accumulare punti, conquistando nuovi livelli di autorità come Local Guide e nuovi vantaggi.

Local Guides è una community internazionale di esploratori che condividono foto, rispondono a domande locali, aggiungono o correggono luoghi e scrivono recensioni su Google Maps. Milioni di persone si affidano a contributi come i tuoi per decidere dove andare e che cosa fare. 

Fonte: Google Support

Mentre leggevi ti è venuta voglia di programmare una fuga al mare? Let’s go!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?