Intervista

Friendz, l’app italiana che ti fa guadagnare con un selfie

Scatta una foto e diventa il volto del tuo brand

Lorenzo Piria

http://www.brainfarm.eu

I social network sono una grande opportunità per le aziende, ma non è facile emergere tra i competitor. Ogni giorno si trovano nuove strategie di social media marketing e nuovi strumenti: abbiamo avuto modo di conoscere una startup italiana, Friendz app, che offre una nuova opportunità alle aziende.

Una startup nata da meno di 7 mesi che conta già un team di 10 persone diviso fra Roma e Milano e oltre 10.000 utenti attivi. I tre ideatori, Alessandro Cadoni (CEO) , Daniele Scaglia (COO) e Cecilia Nostro (CMO), hanno capito quanto sia complessa la visibilità sui canali social per i brand oggi: algoritmi che penalizzano la visibilità organica prediligendo i post sponsorizzati e utenti sommersi di pubblicità che tendono a dare sempre più attenzione a quanto condiviso dagli amici.

LEGGI ANCHE: Mobile: i trend che hanno segnato il 2015

Vediamo allora come Friendz può rispondere a questa nuova esigenza di visibilità da parte dei brand con Cecilia Nostro che ci racconterà qualcosa di più!

FriendzApp

Cos’è Friendz e come è nata l’idea?

Friendz nasce per risolvere un problema delle aziende cogliendo un’opportunità che arriva dai social network. Non abbiamo inventato nulla, abbiamo piuttosto abbinato due trend. Il problema che andiamo a risolvere è la difficoltà che i community manager hanno nel comunicare con clienti o prospect a causa della mole di informazioni che l’utente è costretto a sorbire durante la propria navigazione online. Mentre l’opportunità è la predisposizione delle persone a creare contenuti e la disponibilità a “brandizzarli” sentendosi veri ambassador dell’azienda.

Friendz è semplicemente il meccanismo che permette la connessione fra le aziende che vogliono apparire naturalmente sui social e le persone che vogliono fare un’attività per i loro brand preferiti a fronte di un piccolo compenso.

Quindi concretamente come funziona l’app? Vuoi farci qualche esempio concreto?

friendz_app

L’app è per gli utenti semplicissima: basta scegliere la campagna più vicina ai propri interessi, scattare una foto a tema seguendo le regole e il brief e tramite l’app caricarla su Facebook (presto anche Instagram), a quel punto il contenuto avrà le sue interazioni e godrà di visibilità organica che è di fatto quello che vendiamo ai nostri clienti.

Ad esempio  per Natale abbiamo lavorato per Trudi, le persone hanno fatto una foto ad un pacchetto di Natale con l’hashtag “#speriamoSiaTrudi” accostando alla foto un pupazzo della medesima marca. Un brand come questo non ha bisogno di essere conosciuto piuttosto di essere ricordato e scelto in occasione dello shopping natalizio e ancora di essere sempre associato a sensazioni positive come lo sono, per eccellenza, quelle del Natale.

Vi ritenete una valida alternativa alle Facebook Ads? Quali sono i vantaggi per i Brand che decidono di investire in Friendz?

Friendz App
Preferiamo considerare Facebook ads un tool complementare, non sostituto; anche per una tema di taglia! Mi spiego meglio, quello che facciamo noi è di stimolare le persone a creare contenuti spontanei per i brand che vengono condivisi e assumono una connotazione virale, l’interpretazione delle persone è molto empatica e convincente ma è pur sempre una re-interpretazione che non ha senso se non c’è stata, in prima battuta, una esposizione diretta dell’azienda.

Concludendo, potremmo definirci una buona alternativa solo se l’obiettivo delle ads è di veicolare il brand in maniera capillare, non lo siamo sicuramente se il fine è quello di comunicare in senso stretto un brand o un nuovo prodotto.

Torniamo un po’ indietro nel tempo: come avete trasformato l’idea in un modello di business concreto? È stata un’evoluzione naturale o avete incontrato degli ostacoli?

Quando si vuole lanciare un prodotto innovativo che ha pochi “benchmark” è molto difficile trovare il modello di business corretto e non è detto che quello attuale sia ottimizzato e definitivo.

La più grande sfida è stata quella di “fare assomigliare Friendz a qualcosa” già presente sul mercato. Non tutti riescono a fidarsi dell’innovazione quindi preferiscono associare i nuovi prodotti a quelli vecchi individuando le differenze e punti di forza. Dinamiche nuove, metriche nuove, misurazioni nuove, risultati nuovi, non è immediato né naturale per tutti il cambiamento.

Un grande traguardo, la vittoria al Pitch COmpetition del Web Marketing Festival 2015 di Rimini. Come vi vedreste oggi senza questa vittoria alle spalle che vi ha portato il primo round di investimenti?

Friendz AppIl Web Marketing Festival 2015 di Rimini è stato un momento molto importante per noi del team e per Friendz, naturalmente. “Vincere tutto” davanti ad una platea di addetti al settore ci ha dato una carica esplosiva. Dopo quel week end siamo partiti più carichi che mai per trovare e convincere il primo investitore, che è sempre il passo più arduo, della bontà e delle potenzialità del nostro progetto.

Per quanto si lavori sodo le approvazioni altrui sono fondamentali, soprattutto se provengono da potenziali clienti e utilizzatori del tuo prodotto. Non nego che anche il premio economico ci ha fatto molto comodo per partire, eravamo studenti, con una voglia immensa di realizzare il nostro progetto. Non ci è sembrato vero tornare a casa con quegli assegni!